sabato 12 settembre 2009

La strategia difensiva di Karadžić

“Radovan Karadžić è impaziente di provare la propria innocenza”, ha dichiarato Edward Medvene, uno degli avvocati-assistenti dell’ex presidente dei serbo bosniaci.

Karadžić è stato catturato il 21 luglio dell’anno scorso a Belgrado, e consegnato al Tribunale Penale Internazionale dell'Aja per la ex Jugoslavia (ICTY). Il processo doveva infine cominciare alla fine di agosto. Ora è stato nuovamente spostato alla fine di settembre. Da quando è in carcere, ha inoltrato più di 400 richieste al Tribunale, quasi tutte respinte perché ritenute infondate. Ma la sua strategia funziona: l’inizio del processo viene sempre rimandato.

L’ex presidente dei serbo bosniaci ha deciso di difendersi da solo. Questo avrà due conseguenze certe: il processo si prolungherà, e questa strategia gli permetterà di usare il Tribunale per uno show politico come ha già fatto Slobodan Milošević prima di lui e come sta facendo Vojislav Šešelj. Entrambi, invece di puntare sulla difesa, hanno fatto in aula discorsi politici.

Carla Del Ponte, ex procuratore capo del Tribunale, ha messo in guardia contro i rischi legati al consentire il ricorso all'autodifesa: “Il principio della difesa svolta personalmente dall’imputato offre un’opportunità troppo vasta di trasformare il banco degli accusati in un pulpito per comizi, e il processo in un circo politico”.

Il processo a Radovan Karadžić potrebbe durare anche cinque o dieci anni, ma il Tribunale dell’Aja non avrà tutto questo tempo a disposizione. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha fondato l'ICTY, ha deciso che il Tribunale deve chiudere entro il 2012.

Le incertezze circa il futuro dell'Aja hanno conseguenze sul personale che ci lavora. La fuga degli specialisti ha raggiunto il punto descritto dal Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki moon come “potenziale esodo”.

L’accusa che sta per affrontare Radovan Karadžić è, a dir poco, gigantesca. E’ incriminato per il genocidio di Srebrenica, pulizia etnica, persecuzione e deportazione di civili, per la campagna di terrore su Sarajevo assediata, per la presa in ostaggio di militari internazionali. In tutto, ci sono più di un milione di pagine di materiale probatorio e 530 testimoni.

Alla prima udienza dopo la cattura, Karadžić si è dichiarato non colpevole. Poi ha accusato gli americani, la comunità internazionale, le stesse vittime, le grandi potenze, i paesi musulmani, i comunisti, i diplomatici, la storia, tutto e tutti per “il bagno di sangue in Bosnia che sarebbe stato peggiore di quello in Libano”, come lui stesso aveva promesso a Ginevra, nel 1992, dopo il fallimento delle trattative per fermare la guerra.

Fino ad ora, nelle dichiarazioni di Radovan Karadžić al Tribunale, non c'è stata nessuna traccia del comportamento che mi sarei aspettata da parte dell'“eroe nazionale”, come viene celebrato in Serbia e Republika Srpska, uno che è “già entrato nella leggenda”, come sostengono i nazionalisti serbi.

Mi aspettavo che avrebbe detto: “Sì, sono stato io, perché ne ero convinto, perché ritenevo che fosse giusto, perché facevo il mio dovere, perché difendevo…” Niente. Radovan Karadžić pretende, come un qualsiasi piccolo criminale che collabori con la giustizia, di essere perdonato. “Gli americani mi hanno garantito l’immunità”, ripete.

Karadžić non ha preso un difensore legale, ma lo sta aiutando, gratis, un team di circa trenta avvocati-consiglieri, tra i quali i massimi esperti mondiali coadiuvati da un gruppo di giuristi provenienti da Serbia e Bosnia.

“Più uno è accusato, più ha bisogno di aiuto.” Così l’avvocato Peter Robinson ha motivato la propria partecipazione al team. Il celebre legale americano, dopo aver incontrato Karadžić in Tribunale, ha dichiarato di essere rimasto impressionato dalla sua intelligenza, sorriso caloroso e buona conoscenza dell’inglese.

“I più grandi crimini, quelli terribili come il genocidio, sono stati avviati ed eseguiti da persone gentili e piacevoli che, facilitate dall'assenza di sanzioni e dall’ipocrisia del mondo, hanno potuto compiere i loro misfatti. La differenza tra Karadžić e Hitler sta solamente nel fatto che Karadžić possedeva una macchina per uccidere più piccola. Entrambi uccidevano senza dubbi né riluttanza”, ha scritto Miljenko Jergović, scrittore bosniaco.

Un altro scrittore, Mile Stojić, ha scritto che “eravamo tutti sorpresi dall’odio che Karadžić emanava dai suoi discorsi politici già all’inizio del 1990. L’odio nei confronti della città si trasformava nell’odio verso i musulmani, l’Europa, l’Occidente. Come il Santo Ivan, che parlando trasformava tutto in oro, cosi Karadžić trasformava tutto in odio”.

Durante l’incontro con l'ultimo ambasciatore americano in Jugoslavia, Warren Zimermann, Karadžić aveva dichiarato che ”i croati sono fascisti e i musulmani fondamentalisti islamici.” Dopo, Zimmermann scrisse nel suo libro che “il fanatismo di Karadžić, la sua spietatezza e disprezzo per i valori umani, portano al paragone con un mostro di altri tempi: Henrich Himmler.”

A differenza del suo mentore politico, Slobodan Milošević, che si assicurava di non lasciare nessuna traccia delle decisioni che prendeva e degli ordini che rilasciava, Radovan Karadžić amava filmarsi, rilasciava interviste volentieri, firmava i documenti, dava con piacere gli ordini.

Le prove a suo carico sono talmente numerose che la procura, già due volte, ha ridotto le accuse rinunciando a un certo numero di testimoni per cercare di preparare un processo di dimensioni razionali.

“La strada che avete scelto vi porterà verso l'estinzione”, minacciava Karadžić i bosniaci nel 1991. Poi, tramite la radio di Belgrado, affermava: ”Quando noi non bombardiamo Sarajevo, si cannoneggiano da soli.”

In un'intervista alla TV Americana CBS, nel 1995 sosteneva che “l’Europa sarà grata ai serbi, perché l’hanno protetta dal fondamentalismo islamico”, presumibilmente uccidendo i musulmano bosniaci.

Nel 1993 si faceva filmare con un ospite, il poeta russo Eduard Limonov. Passeggiavano sulle coline sopra la Sarajevo sofferente e assediata. Karadžić spiegava all’ospite che “Sarajevo è una città serba”, e che “i musulmani sono serbi convertitisi all'Islam.” Alla fine gli offriva, generosamente, di sparare una raffica di mitragliatore sulla città indifesa. E Limonov sparava.

Quando i rappresentanti delle Nazioni Unite protestavano perché i serbo bosniaci avevano preso in ostaggio i caschi blu, Karadžić li avvertiva che ”sarete tutti legati al faggio.”

Minacciava la comunità internazionale di una terza guerra mondiale, nel caso avesse deciso di attaccare i serbi. “Non sarebbe difficile procurarsi l’arma atomica, nel caso non l’avessimo già”, assicurava al quotidiano belgradese “Većernje Novosti”.

Oggi, dal carcere dell'Aja, Radovan Karadžić rilascia di nuovo interviste a varie testate internazionali. Dice che “ha la coscienza pulita”, e che non si pente del suo ruolo che, precisa modestamente, sarà giudicato dalla storia.

Gli dispiace, dichiara, per tutte le vite perse. Ignora il proprio ordine del 1995, quando aveva intimato al presidente del Partito democratico serbo (SDS) di Bratunac, Miroslav Deronjić, “uccideteli tutti”, riferendosi ai musulmani di Srebrenica.

Sostiene, in un'intervista all'agenzia olandese ANP, che le uccisioni non erano pianificate. Nel marzo 1995 lui stesso aveva firmato la direttiva numero 7, nella quale istruiva: ”Pianificare le azioni militari per creare a Srebrenica e Zepa una situazione insostenibile, di totale insicurezza, che non lasci agli abitanti nessuna speranza di sopravvivenza.”

L’ex presidente dei serbi bosniaci si è detto “orgoglioso di aver fatto il proprio dovere senza arricchirsi.” Nel 1992, però, un suo collega, l’ex presidente della Republika Srpska Krajina Goran Hadzić, ancora latitante, affermava che “Radovan è andato a Londra con la valigia piena di soldi, e quando non si occupa della questione serba fa business.” Nei paesi dell'Unione Europea i suoi conti correnti e quelli dei suoi famigliari sono congelati.

La Serbia ha negato qualsiasi ruolo nella guerra in Bosnia Erzegovina, ma Karadžić in un’intervista ad una TV americana si vantava di essere “in contatto quotidiano con Slobodan Milošević.”

Questa amicizia tra i due, a quanto pare, fu però a senso unico. Milošević, alla richiesta del diplomatico americano Richard Holbrooke di controllare i suoi amici, cioè Karadžić e gli altri capi dei serbo bosniaci, avrebbe detto: ”Quelli non sono miei amici. E’ terribile essere nella stessa stanza con loro. Loro sono la merda.”

L'Helter Skelter dello Stato Maggiore Americano


Mi fa impazzire. Quella che segue è una dichiarazione dell'ammiraglio Mike Mullen, presidente dei Capi Congiunti del Personale, fatta parlando con Albert Jazeera:

Quando gli è stato chiesto perché gli Stati Uniti non fossero andati nelle FATA (Aree Tribali ad Amministrazione Federale) malgrado sapessero che Al Qaeda era presente, [l'ammiraglio Mullen] ha detto, ‘perché le FATA sono in Pakistan e il Pakistan è un paese sovrano, e noi non entriamo nei paesi sovrani.’

Eh? Un accidente non ci entriamo. A cosa stava pensando questo allegro cannibale? Gli Stati Uniti amano entrare nei paesi sovrani. Quasi non fanno altro. Suppongo che... l'Iraq non fosse sovrano. Non lo è ora, ma lo era. E che dire di Panama, del Laos, della Cambogia? Abbiamo dato al Pakistan, fino a poco tempo fa paese sovrano, la scelta di invitarci ad uccidere il suo popolo con i droni, od essere rispediti a suon di bombe all'Età della Pietra. Recentemente abbiamo bombardato la Somalia, tecnicamente sovrana.

Quando lo stronzo-alfa del Pentagono dice qualcosa di così palesemente assurdo, così chiaramente falso, vien da chiedersi: sta semplicemente mentendo, o in qualche maniera davvero crede a questa roba? Voglio dire, si suppone che l'uso di droghe sia scoraggiato dalla Marina.

A seguire, un'altra leadership morale da fumetto, offerta stavolta da Ralph Peters, il Clausewitz pay-per-view di Fox News. Walphie, un colonnello in pensione, è fortemente a favore di una guerra contro l'Islam. Grrrrr. È feroce. È un ufficiale pensionato dell'“intelligence,” quindi un tuttologo di cose militari. Ed è irritato. Bene.

Prima di esplorare la sua irritazione, potremmo notare che Walph è di quella scuola di ferocia marziale secondo cui gli altri dovrebbero andare a farsi uccidere. Non Walph. Lui è quello che in una dimenticata guerra in Asia chiamavamo un REMF. Ovvero un Rear-Echelon Motherfucker (Fottimadre delle Retrovie). Che sarebbero i passacarte seduti al sicuro ben dietro la linea del fronte mentre i militari combattono. Walph ha passato la sua carriera in gran parte in Europa, un posto davvero scomodo. Voglio dire, talvolta il vostro Martini non è freddo a dovere. Un vero Tamerlano del circolo dei cocktail, Walph.

Ma non lo sottovalutate. La sete di sangue di un bombolone da podio è una cosa da tener da conto, lo ammetto. Re svengono. Imperi tremano.

Un altro punto degno di considerazione è che “ufficiale dell'intelligence” non significa “ufficiale intelligente.” Esclusa la Seconda Guerra Mondiale, gli analisti dell'intelligence hanno un ben misero palmares. Per dire la prima cosa che mi viene in mente, l'intelligence della Marina non sapeva dov'era la flotta giapponese nel 1941, oops. La Guerra di Corea colse le spie in mutande, così come l'entrata in guerra dei cinesi. I cocchini dell'intelligence non predissero che i vietnamiti avrebbero combattuto, benché l'esperienza francese non fosse un segreto. Ci fu l'opera comica dell'incursione di Son Tay, in cui i militari entrarono a Hanoi per salvare i prigionieri americani, solo per scoprire che le spie non avevano notato che i prigionieri erano stati spostati. La CIA non predisse che i cubani non sarebbero riusciti a ribellarsi a Castro nella Baia dei Porci. Fu sorpresa quando il muro di Berlino venne eretto, fu sorpresa quando venne distrutto, e lo fu ancora quando l'URSS, il suo principale oggetto di studio, andò a gambe all'aria. Ci fu l'affare clownesco del Glomar Explorer. L'aeronautica bombardò l'ambasciata cinese a Belgrado perché i cocchini non sapevano dov'era (provare le Pagine Gialle, magari?). Non avvertirono che gli arabi avrebbero potuto combattere in Iraq, non avendo forse mai sentito parlare di Israele. Non predissero il 9/11, e non sono In grado di trovare Bin Laden.

Sono impressionato, Walph. Sei un ufficiale dell'intelligence.

Ora, perché Peters è tutto agitato? Sembra che un soldato americano di nome Bowe Bergdahl sia stato catturato dai talebani in Afghanistan, o che si sia stancato di uccidere gli afgani ed abbia disertato, o qualcos'altro. Bergdahl è poi apparso ovunque in internet mentre beve il tè con i suoi rapitori in un video in cui supplica l'America di riportare a casa le truppe. Peters si è mostrato furente per questa “slealtà,” ed ha suggerito che sarebbe stata una buona cosa se i talebani avessero ucciso il ragazzo per risparmiare il costo di un processo.

C'è qualcosa di sconveniente in questo impiegato promosso più del dovuto, per il quale una ferita di guerra è come tagliarsi con un foglio di carta, che attacca un giovane nelle mani dei talebani. Se Bergdahl è stato catturato contro la sua volontà e i talebani sono cattivi come i vari Walphies ci dicono, se non coopera dovrà affrontare la tortura. Quanto è virile Walph mentre chiede che Bergdahl sia spellato vivo e le sue giunture spezzate. Un tipico ufficiale.

Dopo la morte di mio padre, un veterano del Pacifico nella Seconda Guerra Mondiale, trovai una lettera pubblicata che aveva scritto al Washington Post durante la guerra di Corea. Papà, che passò la sua vita come matematico nello sviluppo degli armamenti, non era un pacifista. Diceva che ai soldati americani catturati dovrebbero esser detto di confessare qualsiasi cosa piuttosto che essere torturati.

Sei un vero uomo, Walph. Davvero.

Ma supponete che Bergdahl si sia stancato di uccidere della gente che non aveva motivo di uccidere, e sia fuggito dai talebani. In che modo questa sarebbe slealtà verso gli Stati Uniti? Dov'è il beneficio della guerra per l'America? Il Pentagono sta uccidendo GI dopo GI dopo GI senza motivo. Sta anche uccidendo gli afgani, senza motivo. La lealtà verso l'America sembrerebbe consistere nel rifiutarsi di farlo.

Ci sono colonnelli in pensione che controbilanciano. Prendete ad esempio il col. Karen Kwiatkowski, (ha un
archivio su lewrockwell.com). Lei sospetta che Peters sia preoccupato perché l'affare Bergdahl potrebbe mostrare che le truppe si stanno stancando e si preparano a filarsela in un modo o nell'altro. Vero? Non so. Tuttavia deve essere l'incubo prevalente nella Scatola della Morte a Cinque Lati. Questo è sicuramente accaduto nella nostra incursione asiatica per diffondere la democrazia. L'omicidio di ufficiali è stata la forma più frequente di dissenso, ma ci sono stati parecchi ammutinamenti e rifiuti di combattere non riportati.

Poi trovo questo: “Un portavoce militare in Afghanistan, il comandante statunitense Christine Sidenstricker, ha detto che il talebano stava [sic] usando il loro prigioniero per fare propaganda. ‘Stanno sfruttando il soldato in violazione del diritto internazionale,’ ha detto. Il portavoce dell'esercito colonnello degli Stati Uniti Greg Julian ha aggiunto, “condanniamo l'uso di questo video e l'umiliazione pubblica dei prigionieri.”

Molto brontolona, la Christine. Questo ci riporta alla questione dell'asserzione ovviamente falsa dell'ammiraglio Mullen. Umiliazione dei prigionieri? Questa squinzia Christine Qualcosa ha compartimentalizzato il suo cervello a tal punto da non essere informata di Guantanamo? Per quanto riguarda il diritto internazionale, ho come l'impressione che la tortura dei prigionieri la trasgredisca. La tortura è una politica nazionale americana. In ogni modo, chi è stato umiliato, il prigioniero o il Pentagono? Christine naturalmente dirà qualsiasi cosa le venga detto di dire, che è il compito dei galloppini, essendo i galloppini quei Goerings a prezzi modici che sono.
Ho bisogno di un drink
.

Scritto da Fred Reed

lewrockwell, traduzione di La Voce del Gongoro

Link:http://www.pressante.com/politica-e-ordine-mondiale/1511-non-dovrei-leggere-i-giornali-no-davvero.html

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori