martedì 30 giugno 2009

Dove sono i soldi sequestrati ai due Giapponesi?


http://nuovediscussioni.blogspot.com/2009/06/due-giapponesi-bloccati-al-confine-con.html

Trasporto ferroviario: inutili gli avvertimenti, a pagare sempre la gente comune


Tutti i piani di risanamento che dagli anni ‘80 ad oggi si sono succeduti hanno puntato principalmente sulla diminuzione del personale. Prima che iniziasse il processo di privatizzazione delle ferrovie, i dipendenti erano 220.000 mentre oggi siamo arrivati a circa 97.000. Invece di riconoscere che una delle cause del disastro delle ferrovie andrebbe ricondotto proprio alla continua diminuzione del personale, ci si continua ostinatamente a percorrere la stessa strada! Tuttavia, con lo smembramento delle vecchie Fs mentre i dipendenti sono costantemente diminuiti, i quadri ed i dirigenti aziendali sono più che raddoppiati!

Il settore del trasporto ferroviario ha visto ridurre il numero dei lavoratori in tutta Europa del 46% tra il 1990 ed il 2004, con la perdita di oltre 1.200.000 posti di lavoro. La privatizzazione delle ferrovie ha comportato ovunque diminuzione dell’occupazione, estensione della precarizzazione del lavoro, aumento degli incidenti ferroviari, riduzione delle corse, peggioramento del servizio (particolarmente per le linee dei pendolari) ed un generale aumento delle tariffe. Nella sola Inghilterra ci sono almeno 25 compagnie diverse che gestiscono la rete ferroviaria, ma l’incremento delle società e della “concorrenza” ha portato come risultato solo un peggioramento complessivo di tutta la rete di trasporto. Anche in Italia si parla di aprire il trasporto ferroviario ai privati ed è già in cantiere una nuova società che vorrebbe entrare nel trasporto passeggeri sull’alta velocità. Tra i soci, Montezemolo e Della Valle.

Il progetto è chiaro: lasciare in mano allo Stato tutte le perdite, lasciare deperire il trasporto locale e merci e aprire ai privati il redditizio mercato dell’Alta velocità: un progetto che seppellisce ogni prospettiva di trasporto pubblico inteso come diritto di tutti i cittadini, in particolare i meno abbienti.

L’indebitamento delle ferrovie è continuato nonostante la diminuzione del personale, degli investimenti, la vendita degli immobili del gruppo, l’aumento dei biglietti, ecc. Il servizio offerto è peggiorato nonostante le tariffe siano aumentate. Per i treni di alta fascia si prevedono ulteriori aumenti tariffari del 20% e, a partire dal 2009, le tariffe ferroviarie dovrebbero aumentare ancora del 5% l’anno. Nel giro di cinque anni i biglietti dovrebbero così subire quasi un raddoppio del prezzo… Il piano prevede un “aggiustamento tariffario” complessivo di 90 milioni di euro.

Per aumentare la sicurezza sono necessari investimenti nelle infrastrutture, ma anche lottare contro la precarizzazione del lavoro che ha abbassato la qualità del servizio. La sicurezza non può essere garantita con personale assunto con contratti precari, intermittenti, a tempo determinato o che non hanno le caratteristiche di stabilità necessaria per garantire una elevata qualità delle prestazioni. È quindi necessario un piano di assunzioni a tempo indeterminato che possa colmare le carenze cresciute negli ultimi decenni! Il privato si è dimostrato interessato unicamente al profitto a detrimento del servizio; per garantire gli investimenti necessari è fondamentale rimettere in mani pubbliche l’intero settore!

Parallelamente al processo di privatizzazione sono aumentate le inefficienze del trasporto ferroviario. Il calo degli addetti, il peggioramento delle condizioni di lavoro, la mancanza di investimenti, la diminuzione delle spese di manutenzione, ecc. hanno portato all’aumento degli incidenti e dei disastri ferroviari. Nel contempo è aumentato il malessere tra i lavoratori anche se permane una situazione di estrema frammentazione sindacale, nonostante diversi tentativi dei lavoratori di superare le divisioni attraverso comitati o assemblee aperte ai lavoratori di tutte le sigle sindacali, così come sono aumentate anche le proteste degli utenti e non a caso si sono costituiti diversi comitati di pendolari.

I lavoratori e gli utenti sono i primi a pagare questa situazione, a lavorare o viaggiare in condizioni di scarsa sicurezza e a morire negli incidenti ferroviari. Tuttavia, non hanno mai avuto alcuna voce in capitolo sul futuro del trasporto ferroviario (e del trasporto pubblico in generale). È proprio questa impostazione che va ribaltata.

Non è il profitto che va inseguito, ma il miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita per tutti. E questo può che essere ottenuto solo attraverso il controllo dei lavoratori e degli utenti sulla rete di trasporto!

di Fortunato lania

Link: http://www.marxismo.net/content/view/2244/189/

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori