domenica 12 aprile 2009

Il Caucaso pronto ad incendiarsi


Come per i Balcani, anche nel Caucaso e nell'Europea orientale si cerca di fomentare una crisi per interessi politici,  e dunque legati all'equilibrio della regione, oppure economici. In entrambi i casi, possiamo affermare che la situazione, con l'accentuarsi della recessione globale, è mutata e sono cambiati anche i ruoli di protagonisti o antagonisti. E' in queste terre di confine che emergono i grandi limiti dell'accordo tra Russia e America. Ma bisogna stare attenti a questi nuovi "sfollati atlantici" , in quanto i tempi sono cambiati e non si può certo attaccare a viso aperto una regione che sta per entrare nell'Unione Europea, o un territorio di influenza russa.
In quello che sta accadendo nel Caucaso c'è qualcosa di inquietante, che ricorda molto le rivoluzioni "colorate" volte a far arretrare l'influenza russa nelle ex repubbliche sovietiche. Tuttavia oggi, quei mezzi di manipolazione delle masse volte a destabilizzare i Governi, in nome della democrazia, non sembrano avere una deriva completamente occidentale. In primo luogo vi è la Georgia, Stato antagonista della Federazione russa, con contrasti che si sono spinti persino alla guerra e all'intervento armato. Dopo pochi mesi da quell'improvviso bombardamento, la posizione di incondizionata condanna nei confronti della Russia presso la Comunità Internazionale, gradualmente cambia, sino a constatare che Tbilisi ha attaccato per prima le truppe di pace russe. La figura di Saakashvili è stata gradualmente screditata, persino da quell'Occidente che lo aveva difeso ed armato, per poi lasciarlo solo al suo destino di rispondere dinanzi al proprio popolo.
Così, ciò che non è riuscito a fare la guerra, potrebbe farlo ora questo sollevamento di massa contro la guerra, protestando in migliaia dinanzi al palazzo del parlamento georgiano di Tbilisi per consegnare un semplice messaggio al Presidente georgiano Mikhail Saakashvili: "24 ore per lasciare per lasciare il potere". "La società chiede che Mikhail Saakashvili rispetti la volontà del popolo. Questa è l'ultima possibilità per l'autorità, al di là delle sua ambizioni personali e di lavoro, di prendersi le proprie piena responsabilità e di lasciare il paese che si trova in una crisi estremamente grave - afferma il documento - Saakashvili dovrebbe consentire al popolo di sostituire il potere con mezzi costituzionali, per dimostrare al mondo di essere una nazione civile e dignitosa". L'opposizione ha così rinunciato al dialogo con il governo e ha promesso di andare fino in fondo. Chi difende questa protesta afferma che si tratta di una reazione "spontanea" per chiudere con i poteri che hanno legami con il comunismo, per dare origine ad un governo democratico. Tuttavia, non facciamoci ingannare da queste parole che richiamano la Guerra Fredda - che dovrebbe essere finita - e riflettiamo su chi veramente guadagnerebbe da un nuovo Governo. Potrebbero essere gli Stati Uniti, che scaricano così un vecchio alleato, come ha fatto con la Polonia ma anche con Iraq o Afghanistan. Tuttavia, potrebbe essere anche la Russia che, usando un linguaggio di controinformazione, parla di comunismo e si fa fautore di movimenti di liberazione per poter imporre nel Caucaso una influenza più forte. In questo modo metterebbe fine al conflitto in Ossezia del Sud e Abkhazia, e stabilizzerebbe la regione come proprio canale di transito per le proprie strade dell'energia. Entrambe le ipotesi sono realistiche e anche contemporanee, come riflesso dell'accordo di non belligeranza firmato da Medvedev e Obama, oppure come prova dell'inesistenza di tale accordo, e l'inizio di un'altra rivoluzione colorata in Caucaso. Se applichiamo lo stesso ragionamento alle recenti proteste di Chisinau, che ha visto scontrarsi ancora il partito comunista e quello democratico, potremmo dare un senso anche ad un'altra possibile destabilizzazione nella regione ex sovietica. Tutti, al momento, hanno un interesse ad attribuire le agitazioni al cosiddetto "collegamento romeno", denunciato dallo stesso Presidente moldavo Vladimir Voronin, in quanto il noccio della questione ricadrebbe sulla questione bilaterale tra la Repubblica Moldova e la Romania. Secondo alcuni esperti, l'assalto al Parlamento ha messo fine ai negoziati tra Chisinau e  la Transnistria, e così potrà  portare al riconoscimento dell'indipendenza della Transnistria, come chiede da tempo la Russia. Mosca sta cercando di svolgere il ruolo di mediatore, ma ritiene che la striscia di terra al di là del fiume Dnestr sia uno Stato indipendente. Molto probabilmente, Bucarest non è direttamene coinvolta in questa rivolta "spontanea", come pure l'uso come scudo del partito comunista è solo un inganno, per sviare i reali fomentatori. Infatti, come fu allora per i Balcani, anche nel Caucaso e nell'Europea orientale si cerca di fomentare una crisi per interessi politici - e dunque legati all'equilibrio della regione - oppure economici. In entrambi i casi, possiamo affermare che la situazione, con l'accentuarsi della recessione globale, è mutata e sono cambiati anche i ruoli di protagonisti o antagonisti. Oggi l'America di Obama è diventata sempre più arrogante e sta perdendo colpi, da tutte le parti e in qualsiasi settore, tanto da fare irritare parecchi politici, che ora la accusano per gli errori compiuti contro la Serbia e la Georgia. Una debolezza che si è mostrata anche con la vergognosa gaffe fatta nei confronti dell'Italia, offrendo un aiuto inferiore a quello della piccola Albania (50.000 dollari a fronte dei 50.000 euro di Tirana), e dando ancora meno al Governo albanese dopo l'esplosione del deposito di munizioni di Gerdec, nelle cui indagini è stato direttamente coinvolto il Pentagono. L'ambasciatore americano di Tirana ha così offerto solo mille euro alle vittime di Gerdec. Questo è solo un piccolo dettaglio, rispetto ai tentativi di infondere il sospetto che un imminente conflitto si possa abbattere nella regione, a partire dalla Bosnia e dalla Republika Srpska. Ed è proprio in questo Stato già politicamente instabile, che stanno cercando di destabilizzare l'equilibrio locale. Dopo la dichiarazione di Trasparency International contro il Governo sulla regolarità della vendita della raffineria di Brod Bosanski ad una società russa, cominciano a circolare anche strane indiscrezioni sulla possibile destituzione del Premier Milorad Dodik da parte dell'Ufficio OHR per la violazione degli Accordi di Dayton. 

Quello di Transparency è un ulteriore tentativo di far crollare il Governo della Srpska, dopo la caduta nel silenzio del dossier "incompleto e inconsistente" redatto dalla SIPA, nonostante abbia fatto tanto rumore, rivelandosi nient'altro che un bluff. Un'operazione di sabotaggio che potrebbe avere un altro obiettivo, ossia anche quello di persuadere la Republika Srpska a firmare un gravoso accordo di finanziamento con in Fondo Monetario Internazionale, che ricadrebbe su tutti i cittadini della Bosnia Erzegovina, nonostante serva solo per l'entità bosniaca (l'unica fortemente indebitata ed in recessione). Ovviamente, è necessario ricorrere a questi metodi subdoli di ricatto, considerando che le figure internazionali lì presenti non incutono poi così tanta paura; lo stesso Raffi Gregorian, piccolo feudatario del Distretto di Brcko, sembra essere stato abbandonato da Washington. L'America si sente così tanto isolata, da cercare in ogni modo di rientrare nella giostra balcanica, e persino gli inglesi vogliono un protettorato unico per i Balcani europei, consapevoli di aver perso terreno. Ma bisogna stare attenti a questi nuovi "sfollati atlantici" , in quanto i tempi sono cambiati e non si può certo attaccare a viso aperto una regione che sta per entrare nell'Unione Europea. 

Per tale motivo, la Washington ufficiale gioca con diplomazia e cerca il suo riavvicinamento ai Balcani proprio dalla città che ha provocato ogni rottura, ossia Belgrado. Gli Stati Uniti sembrano mostrare una maggior apertura verso la Serbia, sostenendone l'integrazione nell'Unione Europea e cercando al più presto un incontro con la dirigenza serba. Allo stesso tempo, saluta con ottimismo il "road map" del Ministro degli Esteri italiano Franco Frattini, per risolvere ogni questione pendente entro l'anno, ed avviare la liberalizzazione dei visti nel 2010. Tuttavia, se da una parte spinge l'Europa a prendere una posizione di guida nei Balcani, dall'altra cerca di mantenere fermi dei punti essenziali che fanno da leva per la destabilizzazione della regione, quali il Kosovo e la Bosnia: entrambi sono territori che Washington non lascerà mai. Lo stesso impegno per l'ingresso nella NATO di Croazia ed Albania, mostrano il chiaro obiettivo di avere il favore di questi Paesi per il dislocamento di nuove basi militari strategiche e l'istallazione di strutture di difesa.
Come avete potuto notare, dunque, se da una parte sono finiti i conflitti e le guerre, dall'altra sono cominciate le rivoluzioni colorate, i sabotaggi politici, e le manovre di "integrazione euro-atlantica controllata".

di Fulvia Novellino e Michele Altamura

Link: http://www.rinascitabalcanica.com/?read=22592


30 Templates per Blogger

Ecco una selezione di ben 30 template per Blogger che sono stati pubblicati recentemente in rete. Da quelli fashion a quelli più professionali, direi che ce n’è davvero per tutti i gusti.

Vi raccomando come sempre di provarli prima su un blog di prova per essere sicuri che vi piaccia. Per maggiori informazioni su come cambiare il template di Blogger.

Water Color

image

vedi – scarica – articolo originale – autore

Gamezine

vedi – scarica – articolo originale – autore

Lay Pucca

preview

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Dark Marble

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Starlight Diva

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Solipsus

Solipsus template for blogger

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

The Professional Template

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Blak Magik

blak magik blogger template

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Business Ads Ready

vedi – articolo originale – autore

Del template Business Ads Ready non è disponibile ancora il download, ma l’autore dice che ci sarà presto. Vista l’alta qualità del template, ho deciso di segnalarlo lo stesso.

 

Aku Boonto

preview

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Magazeen

plantilla-blogger-magazeen

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Shoopaholic

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Elegant Grunge

[elegant_grunge[7].jpg]

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Green Scrapbook Diary

[green+scrapbook+diary+template.jpg]

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Coffee Desk

[coffee desk[16].jpg]

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Doraemon

doraemon-blogger-template

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Hot Coffee

HotCoffee Blogger Template screenshot

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Fashionholic

fashionholic blogger template

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Zinmag Remedy 2.0

zinmagremedy2

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Zinmag Tribune

Zinmag Tribune

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Zinmag Futura

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Gramophonica

Gramophonica

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Blue Wave

Free Blogger XML Theme

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Herbalicious

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Floral Concept

Floral Concept Blogger Template screenshot

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

AdSense Tech

Free Blogger XML Theme

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Terra Green

Free Blogger XML Theme

scarica – articolo originale – autore

 

Pinky Blue

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Coffee Talk

vedi – scarica – articolo originale – autore

 

Baby cute

vedi – scarica – articolo originale – autore

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori