domenica 22 marzo 2009

Isole Spratly e isole Paracel, l'arcipelago conteso


Già una delle rotte marittime più trafficate al mondo, le acque intorno all'arcipelago delle Spratly vedranno presto arrivare altri scafi: vecche navi militari cinesi, riconvertite in pattuglie a protezione dei pescherecci di Pechino. Il tutto, presumibilmente, per fare la voce grossa contro gli altri Paesi che reclamano una parte o la totalità di queste centinaia di isolotti disabitati nel Mar cinese meridionale, ma di enorme importanza strategica.
La decisione delle autorità cinesi è stata annunciata il 19 marzo. "Di fronte a crescenti episodi di pesca illegale e alle infondate pretese territoriali di altri Paesi... è diventato necessario potenziare il servizio di pattuglia ai nostri pescherecci, per proteggere i diritti e gli interessi della Cina", ha detto un funzionario riportato dal quotidiano ufficiale China Daily. Si riferiva sicuramente alle Filippine, che qualche giorno prima avevano approvato una legge per reclamare la sovranità sull'arcipelago, sostenendo che "la forza del diritto" è dalla loro parte. Pechino ha risposto definendo il provvedimento "illegale e privo di validità".
Le Spratly, insieme all'altro arcipelago conteso delle più settentrionali isole Paracel, sarebbero un normale insieme di atolli e isolotti dalla vegetazione rada. Ma hanno diverse caratteristiche che le rendono appetibili anche al terzo Paese più esteso del mondo: si calcola che sotto di esse si trovino rilevanti quantità di petrolio e gas, oltre ad altri minerali. E poi, situate sopra l'isola del Borneo, si trovano al centro di uno dei mari più battuti dal traffico merci internazionale - l'80 percento delle importazioni petrolifere cinese, e la metà delle petroliere sui mari mondiali, passano di là. Chi controlla le Spratly accresce il suo potere e la sua influenza strategica sulla regione. Oltre a Cina e Filippine, anche Malaysia, Vietnam, Taiwan e Brunei reclamano il diritto di proprietà almeno di parte dell'arcipelago, considerato all'interno nella "piattaforma continentale" nazionale.
Ma la Cina sembra intenzionata a far valere tutto il proprio peso, e nelle ultime settimane ha dato segnali di nervosismo. A inizio marzo, nel Mar cinese meridionale è stata sfiorata la collisione tra una nave da ricognizione statunitense - la "Impeccable" - e un gruppo di scafi cinesi. Pechino sostiene che gli americani erano entrati illegalmente nella sua zona economica esclusiva, mentre Washington insiste dicendo che la nave si trovava in acque internazionali, e ha inoltrato una protesta formale alle autorità cinesi.
Secondo il Pentagono, che dall'incidente ha deciso di far scortare le sue navi da ricognizione da dei cacciatorpedinieri, le sette imbarcazioni cinesi hanno circondato lo scafo Usa con gesto di sfida, avvicinandosi fino a otto metri. "L'incidente della 'Impeccable' è certamente un indicatore del fatto che la Cina, particolarmente nel Mar cinese meridionale, si sta comportando in modo aggressivo e problematico, e che non è disponibile a rispettare standard di comportamento accettabili", ha dichiarato l'ammiraglio Timothy Keating, comandante della Marina americana nel Pacifico. Con la Marina cinese in forte espansione, gli analisti prevedono che nuove frizioni con le navi statunitensi nelle acque intorno alla Repubblica popolare non potranno che aumentare.
di Alessandro Ursic

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori