domenica 8 marzo 2009

Irlanda del Nord, attentato contro una caserma britannica


Alle 22.40 di ieri ora italiana un commando ha attaccato una base dell'esercito britannico nella contea di Antrim. L'attentato è avvenuto nel quartier generale del genio militare. Due soldati sono rimasti uccisi, 4 i feriti di cui uno in condizioni gravi. Il primo ministro britannico Gordon Brown: «Nessun assassino potrà fare deragliare un processo di pace che ha il sostegno della gente dell'Irlanda del Nord».

Rischia di acuire nuovamente i rapporti fra Inghilterra e Irlanda del Nord l’attacco a colpi d’arma da fuoco verificatosi sabato notte, quando in Italia erano le 22.40, contro una base dell’esercito britannico nella contea di Antrim, a nord ovest di Belfast. Secondo quanto riferito dalla polizia, due soldati sono morti: le vittime sono state colpite mentre stavano ritirando una pizza all’ingresso della caserma. «Altre quattro persone sono rimaste ferite, due delle quali sono militari», ha chiarito un portavoce delle forze dell’ordine. Uno dei feriti è in condizioni critiche.

L’attacco, non ancora rivendicato, è avvenuto nel quartier generale del genio militare. Stando alle prime ricostruzioni, un’auto si sarebbe avvicinata all’edificio e alcuni uomini avrebbero aperto il fuoco, sparando fra i trenta e i quaranta colpi. I media locali riferiscono di uomini armati di mitra, giunti alla base a bordo di un taxi: i terroristi avrebbero poi rivolto le armi verso l’ingresso della caserma contro soldati che ritiravano una pizza.

L’attentato arriva dopo che in settimana il capo della polizia dell’Ulster aveva posto l’accento sulla reale minaccia rappresentata dai dissidenti repubblicani e avvertito che il rischio di un attacco era giunto al suo massimo da circa un decennio. Alcune indiscrezioni avevano inoltre fatto trapelare che operazioni di intelligence erano in corso nella provincia ad opera delle forze speciali britanniche con l’obiettivo di raccogliere informazioni.

Il mondo politico inglese è ora in subbuglio. Il primo ministro britannico, Gordon Brown, ha però subito puntualizzato che il processo di pace in Irlanda del Nord non subirà alcun contraccolpo. «Nessun assassino – ha chiarito Brown – potrà far deragliare un processo di pace che ha il sostegno della gente dell’Irlanda del Nord. Aumenteremo i nostri sforzi perché il processo continui».
Fonte: Ami
Link: http://www.agenziami.it/articolo/2880/Irlanda+del+Nord+attentato+contro+una+caserma+britannica/

Cina, il "patto" e la crisi


Per quasi due decenni, il patto tra il Partito e il popolo aveva tenuto: in cambio di una crescita economica a doppia cifra, con conseguente netto miglioramento della vita per centinaia di milioni di persone, i cinesi erano disposti ad accettare una limitazione delle libertà personali e politiche, nel modello voluto da Pechino. Ma la crisi mondiale, smentendo le previsioni di molti, sta colpendo duro anche la Cina. Le autorità prevedono un anno difficile, con l'esplosione di conflitti sociali che mettano a rischio quella "stabilità" e "armonia" su cui tanto insiste Pechino, con l'obiettivo di prevenire sommovimenti pericolosi per chi detiene il potere.
La crisi qui è arrivata con un crollo delle esportazioni, dato il brusco calo dei consumi in Occidente. Migliaia di fabbriche specialmente nel sud del Paese, dove negli ultimi quindici anni si è costruito il miracolo economico cinese, hanno chiuso per mancanza di ordini: Pechino calcola in 20 milioni - a livello nazionale - i nuovi disoccupati che saranno costretti a tornare nelle campagne, ma altre stime credono che quella cifra sia stata raggiunta nella sola provincia meridionale del Guangdong, centro vitale delle esportazioni. Non che nel settore agricolo vada meglio, anche per problemi meteorologici: nel nord del Paese, dove vive metà della popolazione ma si trovano solo il 19 percento delle riserve acquifere, è in pieno corso quella che è stata definita la siccità peggiore degli ultimi cinquanta anni. Diverse sezioni del Fiume giallo sono quasi a secco. Sono stati sparati più di 400 razzi per creare nuvole artificiali, nella speranza di aumentare le precipitazioni. Lo stesso premier Wen Jiabao si è fatto riprendere mentre irrigava un campo di grano, promettendo soluzioni agli agricoltori preoccupati.
Secondo le stime della Fondo Monetario Internazionale, l'economia cinese crescerà del 6,7 percento nel 2009, il che costituirebbe il valore più basso dal 1990. E' una cifra che l'Occidente può sognarsi, ma negli anni diverse stime hanno identificato intorno al 7-8 percento la crescita minima annua che la Cina deve perseguire, se vuole continuare a creare posti di lavoro e quindi mantenere sotto controllo le tensioni sociali. Il Partito ha appena ribadito che l'obiettivo dell'8 percento verrà raggiunto, ed è vero che le autorità hanno numerose armi a loro disposizione in questa battaglia. Le banche cinesi sono ben capitalizzate, il tasso di risparmio è tra i più alti al mondo, le casse statali sono in salute e possono permettersi ambiziosi piani pubblici per la costruzione di infrastrutture: Pechino ha già annunciato un piano di stimoli per 4.000 miliardi di yuan (460 miliardi di euro) e promette di voler sostenere l'economia in ogni modo. Ma le cifre ufficiali sulla crescita - dato il completo controllo del Partito su di esse - sono viste con diffidenza da molti osservatori. Un recente studio statunitense mette in relazione la produzione di energia elettrica nel Paese e il tasso di crescita economica. Negli ultimi anni il primo indicatore saliva del 15 percento e l'aumento del Pil era comunque a due cifre. Negli ultimi mesi, il grafico mostra una diminuzione del 5 percento dell'elettricità prodotta, il che fa pensare a una contrazione economica.

Ciò ha portato i vertici del Partito a formulare fosche previsioni per i prossimi mesi. "Senza dubbio, andiamo incontro a un periodo che costituirà il picco dei disordini", ha ammesso un autorevole giornalista dell'agenzia statale Xinhua. "La redistribuzione della ricchezza attraverso rapine e furti potrebbe aumentare drasticamente, e le minacce alla stabilità sociale cresceranno. Molto probabilmente, ciò creerà una situazione di disordini su larga scala", ha scritto un ricercatore della Scuola centrale del Partito, prevedendo un aumento fino al 14 percento del tasso di disoccupazione nelle città.
Finora, i temuti massicci disordini non si sono ancora visti, ma in diverse città si segnalano proteste di lavoratori licenziati improvvisamente, senza neanche ricevere gli ultimi stipendi dagli imprenditori già fuggiti all'estero. Chi assume, spesso lo fa offrendo salari più bassi. Pechino prende nota, e in previsione di tensioni più alte ha appena iniziato un apposito corso di "aggiornamento" per 3.000 direttori locali delle forze dell'ordine, focalizzato proprio sul come fronteggiare il malcontento popolare. Il ministro per la Pubblica sicurezza, Meng Jianzhu, ha esortato i funzionari locali alla moderazione e al compromesso. Ma non sempre l'approccio è questo: l'uso della forza e la censura della situazione rimangono all'ordine del giorno. Un imprenditore ha raccontato di essere stato costretto dalla polizia, sotto la minaccia delle armi, a ritirare soldi in banca per pagare gli operai infuriati. E nel nord del Paese, a Linfen, dei giornalisti televisivi sono stati puniti per un filmato sull'occupazione di una fabbrica tessile da parte di 6.000 laoratori. Per gli ufficiali locali, il servizio avrebbe "distrutto la stabilità sociale".
di Alessandro Ursic

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori