lunedì 9 febbraio 2009

JOSEPH STIGLITZ:esiste un’alternativa e dovremmo iniziare a considerarla


La recessione americana sta entrando nel suo secondo anno, e la situazione sta solamente peggiorando. La speranza che il Presidente Obama sia in grado di tirarci fuori dai guai è affievolita dal fatto che la distribuzione di centinaia di miliardi di dollari alle banche non è riuscita a rimetterle in sesto, e nemmeno a ridare vita al flusso dell’erogazione dei prestiti.

Ogni giorno ci fornisce una prova ulteriore che le perdite sono superiori a quanto ci si aspettasse e che ci sarà bisogno di sempre più denaro.

Alla fine viene posta la domanda: forse tutta l’intera strategia è inadeguata? Forse quello di cui c’è bisogno è un ripensamento sostanziale. La strategia Paulson-Bernanke-Geithner era basata sulla constatazione che il mantenimento del flusso del credito fosse essenziale per l’economia. Ma era anche basata sull’incapacità di comprendere alcuni dei mutamenti fondamentali nel nostro settore finanziario avvenuti dalla Grande Depressione, addirittura negli ultimi vent’anni. 
Per qualche tempo c’è stata la speranza sarebbe bastato abbassare a sufficienza i tassi di interesse, inondando l’economia di denaro; ma settantacinque anni fa, Keynes spiegava perché, in una flessione analoga a questa, la politica monetaria è probabilmente inefficace, un’azione di scarsissimo effetto.

Poi c’è stata la speranza che se il governo fosse stato pronto ad aiutare le banche con sufficiente denaro – e per sufficiente s’intende molto – la fiducia sarebbe stata ristabilita, e con il ristabilimento della fiducia i prezzi dei beni sarebbero aumentati e si sarebbe ristabilita l’erogazione dei prestiti.

La cosa straordinaria è che il Segretario al Tesoro dell’amministrazione Bush Henry Paulson e i suoi compari non avevano capito che le banche avevano erogato dei pessimi prestiti e si erano impegnate in giochi d’azzardo sconsiderati. C’era stata una bolla, e la bolla era esplosa. Nessuna discussione potrebbe cambiare questo dato di fatto. E’ diventato ben presto chiaro che non sarebbe bastato dire che eravamo pronti a spendere il denaro. In realtà, dovevamo convogliarlo nelle banche. E la questione era in che modo. Innanzitutto, gli artefici del salvataggio sostenevano (con una fiducia completa e assoluta) che il miglior modo di farlo era di comprare i beni tossici (questo termine peggiorativo non piaceva a coloro che lavoravano nel settore finanziario, e quindi utilizzavano il termine “beni in difficoltà”) – i beni che chiunque nel settore privato avrebbe tenuto a debita distanza con un bastone.

Avrebbe dovuto essere ovvio che questo non poteva essere fatto in maniera rapida e ci vollero diverse settimane per far apparire chiaro questo schiacciante dato di fatto. Inoltre, c’era un problema fondamentale: quanto valutare i beni. E se li avessimo valutati correttamente, era evidente che ci sarebbe stato ancora un enorme buco nei bilanci delle banche, ostacolando la loro possibilità di erogare prestiti.

Poi arrivò l’idea dell’iniezione di capitali, senza condizioni accessorie, in modo che mentre noi versavamo denaro nelle banche, queste lo versavano ai loro dirigenti sotto forma di bonus, e agli azionisti sotto forma di dividendi. Parte del denaro rimasto è stato utilizzato per acquistare altre banche – per portare avanti obiettivi strategici per i quali non potevano trovare finanziamenti privati. L’ultima cosa a cui pensavano era quella di ricominciare ad erogare prestiti. Il problema di fondo è semplice: anche nei tempi d’oro della finanza, c’era un divario abissale tra i compensi privati e i profitti sociali. I manager bancari hanno portato a casa enormi stipendi, anche se, negli ultimi cinque anni, gli utili netti delle banche sono stati (in totale) negativi.

E i profitti sociali sono stati addirittura inferiori – ci si attendeva che il settore finanziario distribuisse il rischio di capitale e di gestione, e non ha fatto bene nessuna delle due cose. La nostra economia sta pagando il prezzo di questi fallimenti – per la bellezza di centinaia di miliardi di dollari.

Ma questo problema sempre presente è ora peggiorato. In effetti, i contribuenti americani sono i principali finanziatori delle banche. In alcuni casi, il valore delle nostre iniezioni di capitali, di fideiussioni e di altre forme di assistenza schiacciano il valore del contributo di capitali del settore “privato”. Eppure non abbiamo voce in capitolo su come vengono gestite le banche.

Questo ci aiuta a capire il motivo del perché le banche non abbiano ancora ripreso ad erogare prestiti. Mettetevi nei panni di un manager bancario che cerca di uscire da questo guaio. In questa congiuntura, nonostante le massicce iniezioni di denaro da parte del governo, vede ridursi il suo capitale. Le banche – che si vantavano di essere i gestori dei rischi – alla fine, e un po’ troppo tardi – sembrano aver riconosciuto il rischio che hanno corso negli ultimi cinque anni. Utilizzare la leva, o il prendere a prestito, frutta grossi rendimenti quando le cose vanno bene, ma quando le cose si fanno spiacevoli, è una ricetta per il disastro. Non è stato un fatto insolito per banche di investimento “far leva” su se stesse prendendo a prestito somme di denaro pari a 25 o 30 volte il loro capitale.

Con una leva di “appena” 25 a 1, una diminuzione del 4 per cento dei prezzi dei beni travolge il capitale netto di una banca – e abbiamo assistito a diminuzioni molto più pesanti nei prezzi dei beni. Altri 20 miliardi di dollari messi in una banca con 2.000 miliardi di beni saranno spazzati via con una diminuzione di appena l’1 per cento dei prezzi dei beni. Che senso ha?

Sembra che alcuni dei nostri funzionari governativi alla fine abbiano trovato il tempo di fare un po’ di calcoli aritmetici. E allora se ne sono usciti con un’altra strategia: “assicureremo” le banche, cioè toglieremo loro la parte negativa di rischio.

Il problema è simile all’iniziativa “contanti in cambio di spazzatura”: come possiamo determinare il prezzo giusto per l'assicurazione? Quasi sicuramente, se addebitiamo il prezzo giusto questi istituti falliscono. Avranno bisogno di massicce iniezioni di capitali e di assicurazioni.

Esiste una leggera variante al tema, molto simile alla proposta originaria di Paulson: acquistare i beni tossici, ma questa volta, non su una base di uno a uno, ma in blocco. Di nuovo, il problema è: come valutiamo le notevoli quantità di rifiuti tossici che eliminiamo dalle banche? Il sospetto è che le banche abbiano una risposta semplice: non preoccupatevi dei dettagli, dateci soltanto una bella manciata di contanti.

Questa variante aggiunge un’altra complicazione al genere di alchimia finanziaria che ha messo nei guai il paese. Per qualche motivo è emersa l’idea che spostando i beni e mettendo quelli tossici in una banca aggregante gestita dal governo, le cose miglioreranno.

La spiegazione logica è che il governo è migliore nel collocare la spazzatura mentre il settore privato è migliore nell’erogare prestiti? I risultati ottenuti dal nostro sistema finanziario nel valutare il merito del credito – dimostrato non solo da questo salvataggio, ma dai ripetuti salvataggi avvenuti nel corso degli ultimi 25 anni – forniscono prove poco convincenti.

Ma anche se dovessimo fare tutto questo – con rischi incerti per il nostro futuro debito nazionale – non c’è ancora nessuna garanzia di una ripresa dell’erogazione dei prestiti. Il fatto è che ci troviamo in una recessione , e i rischi sono alti in una recessione. Essendosi già scottati una volta, molti banchieri se ne stanno alla larga dal fuoco.

Inoltre, la maggior parte dei problemi che colpiscono il settore finanziario sono molto più penetranti. General Motors e GE sono entrambi entrati nel business finanziario e tutti e due hanno mostrato che le banche non hanno il monopolio della cattiva gestione dei rischi.

Più di una banca potrebbe decidere che la miglior strategia è quella conservativa: tenere da parte i propri contanti, aspettare finché le cose non si sistemino, sperare di essere tra le poche banche sopravvissute e quindi iniziare ad erogare prestiti. Naturalmente, se tutte le banche ragionassero così, la recessione sarebbe più lunga e più grave di quanto altrimenti non sarebbe.

Qual è l’alternativa? La Svezia (e diversi altri paesi) hanno mostrato che esiste un’alternativa – il governo acquisisce quelle banche che non riescono a raccogliere capitali sufficienti attraverso fonti private per sopravvivere senza un aiuto del governo.

E’ una pratica corrente chiudere le banche che non rispondono ai requisiti di base sui capitali, ma noi siamo stati quasi certamente troppo benevoli nell’applicare quei requisiti (c’è stata troppo poca trasparenza in questo e in altri aspetti dell’intervento del governo nel sistema finanziario).

Sicuramente gli azionisti e gli obbligazionisti ci rimetteranno ma i loro guadagni nel regime attuale arrivano a spese dei contribuenti. Negli anni buoni, erano ricompensati per aver corso dei rischi. La proprietà non può essere una scommessa unilaterale.

Naturalmente la maggior parte dei dipendenti rimarranno dove sono, e persino buona parte del management. E allora qual è la differenza? La differenza è che ora gli incentivi delle banche possono essere allineati meglio con quelli del paese. Ed è nell’interesse nazionale che venga ripresa una cauta erogazione dei prestiti.

Esistono diversi altri notevoli vantaggi. Uno dei problemi oggi è che le banche potenzialmente sono debitrici l’una con l’altra di ingenti somme di denaro (attraverso i complessi derivati). Con il governo che possiede molte banche, la verifica di quegli obblighi (“tirarli fuori dalla rete”, in gergo) sarà molto più semplice.

Inevitabilmente, i contribuenti americani pagheranno quasi completamente il conto del fallimento delle banche. E la domanda che ci si pone davanti è: fino a che punto partecipiamo nel rialzo degli utili?

Alla fine l’economia americana si riprenderà. Alla fine il nostro settore finanziario sarà di nuovo in funzione, e redditizio, con la speranza che concentri maggiormente la propria attenzione sul fare quello che ci si attende che faccia. Quando le cose cambieranno, potremo privatizzare ancora una volta la banche che ora sono fallite, e i profitti che ne ricaveremo potranno essere di aiuto nella svalutazione dell’enorme aumento del debito nazionale che è stato causato dai nostri mercati finanziari.

Ci stiamo muovendo in acque non autorizzate. Nessuno può essere sicuro che funzionerà. Ma i princìpi economici di vecchia data possono aiutare a guidarci. Gli incentivi contano. La posizione fiscale di lungo periodo degli Stati Uniti conta. Ed è importante riprendere il prima possibile una cauta erogazione dei prestiti.

Buona parte dei metodi al momento in discussione per far quadrare il cerchio non riusciranno nel loro intento. Esiste un’alternativa e dovremmo iniziare a considerarla.

di Joseph Stiglitz

Joseph Stiglitz, vincitore del Premio Nobel, è docente di economia alla Columbia University.
Fonte: http://globalresearch.ca/
Link: http://globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=12180

‘La Quiete’ di Udine nella Tempesta politico-mediatica

Di quieto non c’è nulla, nè dentro nè fuori le mura della casa di riposo ‘La Quiete’ di Udine, dove si trova Eluana Englaro. Provo vergogna solo a scriverne il nome.
“Sono state riscontrate nel pomeriggio “anomalie” dai Carabinieri dei Nas: riguardano la ‘certificazione’ della stanza dove la donna è stata ricoverata. “Quella stanza andava ‘certificata”, per essere ritenuta idonea a ospitare una donna per la quale c’era da applicare un protocollo che prevedeva il distacco dell’alimentazione e dell’idratazione. 
la quiete
In assenza, invece, si è creata un’altra struttura nella casa di riposo, quindi “si è in presenza di una anomalia amministrativa”, che è stata evidenziata nel rapporto. Requisiti per un intervento cautelativo, come potrebbe essere il sequestro della stanza dove si trova ricoverata Eluana con la conseguente interruzione del protocollo di distacco dell’alimentazione e dell’idratazione già in atto? Allora la Procura della Repubblica di Udine ha delegato a un consulente lo svolgimento di “approfondimenti” sulla casa di riposo La Quiete, in relazione a quanto contenuto nei verbali consegnati oggi alla stessa Procura dai Carabinieri dei Nas”.
“Benedetto XVI ha invitato i fedeli presenti oggi in piazza San Pietro a pregare “per tutti i malati, specialmente per quelli più gravi, che non possono in alcun modo provvedere a se stessi, ma sono totalmente dipendenti dalle cure altrui: possa ciascuno di loro - ha chiesto - sperimentare, nella sollecitudine di chi gli è accanto la potenza dell’amore di Dio e la ricchezza della sua grazia che salva”: ogni riferimento è puramente casuale…
Intanto: Christus vincit,Christus regnat,Christus ímperat. Così scrive il Blog di amore e testimonianza SUDDITI DI GESU’ CRISTO
domenica 8 febbraio 2009
“Preghiera a S. Agata di dom Prosper Guéranger voglio dedicare questa bellissima preghiera a Eluana, e a quanti in questi momento si trovano di fronte a scelte, di testimonianza, per l’amore e le leggi di Cristo..Eluana, Gesù ti ama! Io sto col Papa L’unico Vicario di Cristo che abbiamo in terra…Entra nel Club degli Angeli”

io sto col papa
Vi risparmio la foto di una ragazza nel pieno della sua vita, stampata a corredo sullo stesso sito, uno degli innumerevoli atroci palchi di questo Potere osceno della Chiesa e di chi si presta e appresta al comando.
Una tempesta politica e mediatica, attorno alla scritta “Azienda Pubblica di Servizi alla Persona”, dove di privato rimangono  gli Affari e tutto accade sotto ai nostri occhi, nessuno ci nasconde niente e non dice.
Un’ azienda è un complesso di persone e beni organizzato per raggiungere un fine economico attraverso lo svolgimento di un’attività: questa è la definizione che ho trovato.
Rientra  nella categoria dei film che si “consumano”, ottimi prodotti in questo caso di lunga durata e di estimatori trasversali anche se tratta di sofferenza e non di piacere. Per ora abbiamo il diritto alla Tempesta, sia pure mediatica e di definirci martiri e violentate. Il diritto  di morire, tempi e modalità, rimane al Sacro Romano Impero.
Chi lentamente muore?Chi vorrebbe non  cessare di esistere  sul colpo, magari  in un incidente stradale? E per chi rimane, non assistere a questo spettacolo sul corpo di  chi si è amato più della nostra stessa vita?
di Doriana Goracci - Megachip

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori