mercoledì 4 febbraio 2009

Sri Lanka, è legittimo massacrare?




Gli incessanti e indiscriminati bombardamenti governativi su quel che rimane del territorio controllato dai ribelli tamil dell'Ltte hanno provocato la morte di altri 52 civili e costretto la Croce Rossa Internazionale a evacuare l'unico ospedale della zona, nuovamente bombardato dall'artiglieria singalese. "Obiettivo legittimo", per il governo di Colombo.
Croce Rossa: "Violata la Convezione di Ginevra". di "Ieri sera il nostro ospedale di Puthukkudiyiruppu è stato bombardato per la quarta volta in pochi giorni (video), per sedici ore consecutive: la prima bomba ha centrato la sala operatoria durante un intervento", ha riferito a PeaceReporterSophie Romanens, portavoce della Croce Rossa Internazionale a Colombo. "I morti sono tanti ma non c'è stato il tempo di contarli: questa mattina, appena sono finite di cadere le bombe, l'ospedale è stato evacuato in gran fretta. I nostri coordinatori medici, il personale locale e circa trecento pazienti si sono mossi in convoglio, allontanandosi dalla linea del fonte e dirigendosi a nord, verso Puttamatalam, sempre all'interno del territorio ribelle, alla ricerca di un posto più sicuro dove allestire un ospedale di fortuna. Bombardare un ospedale civile costituisce una flagrante violazione dell'articolo 18 della Quarta Convenzione di Ginevra sulla protezione dei civili in teatro di guerra".
L'Onu conferma: 52 civili tamil uccisi ieri. Intervistato da SkyNews, il ministro della Difesa Gotabaya Rajapaksa aveva esplictamente rivendicato la legittimità dei bombardamenti sull'ospedale: "Nessun ospedale dovrebbe operare all'esterno dalla 'No Fire Zone', tutto ciò che si trova fuori dalla zona di sicurezza è un obiettivo legittimo", ha dichiarato davanti alla telecamere (video)

PeaceReporter ha chiesto un commento al portavoce delle Nazioni Unite in Sri Lanka, Gordon Weiss. "La legge umanitaria internazionale è molto chiara: nessun ospedale, ovunque si trovi, per nessuna ragione può essere considerato un obiettivo militare". 
Weiss ha anche confermato l'uccisione di 52 civili nei bombardamenti di ieri, smentita dall'esercito singalese che ha accusato i ribelli dell'Ltte di mostrare come civili i suoi combattenti uccisi dopo aver loro tolto armi e uniformi. "La notizia di questo ennesimo massacro di civili, avvenuto nella zona di Sudanthirapuram, mi è stata riferita dal nostro personale in loco ed è quindi da ritenere assolutamente attendibile".

Il governo rifiuta la tregua umanitaria. Ieri sera il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, e il ministro degli Esteri britannico, David Miliband hanno emesso una dichiarazione congiunta in cui chiedono una tregua umanitaria immediata per portare aiuto ed evacuare i 250 mila civili intrappolati nella zona di conflitto. 

Ma il governo dello Sri Lanka ha risposto che un cessate il fuoco è fuori discussone e che l'obiettivo è "schiacciare i ribelli".
di Enrico Piovesana

Salvare gli Stati Uniti da Washington


Il revisore dei conti dello stato della California, John Chiang, ha annunciato in gennaio che le casse erano a secco. Le bollette superavano le entrate dovute alle tasse e le linee di credito. Per questo motivo, lo stato avrebbe cominciato a stampare le proprie banconote: dei veri e propri "pagherò". L'impostazione grafica del nuovo conio è già pronta.

Al posto di ricevere i propri rimborsi fiscali in dollari, i cittadini della California otterranno solo dei "pagherò". Anche i finanziamenti all'educazione e le pensioni dei disabili saranno emessi sotto forma di "pagherò". La California sta negoziando con le banche per convincerle ad accettare nei depositi questa forma di pagamento. 

Spesso ci si riferisce a questo stato come l'ottava economia mondiale. Ed è al verde.
Un osservatore casuale potrebbe pensare che la triste condizione della California avrebbe convinto Washington a ragionare in termini più realistici, ma così non è stato. Il presidente Obama prende provvedimenti per intensificare la guerra in Afghanistan e, forse, per espanderla al Pakistan.
Obama ha mantenuto tutti i falchi ben saldi ai loro posti nel Pentagono e gli Stati Uniti continuano a bombardare illegalmente il Pakistan, massacrando un gran numero di civili. Al World Economic Forum di Davos, Y. R. Gilani, primo ministro pakistano, ha dichiarato che gli attacchi americani sono controproducenti e vengono condotti senza l'autorizzazione del governo locale. In un'intervista con la CNN, Gilani ha affermato: «Voglio che sia messo agli atti che non esiste alcun accordo tra il governo del Pakistan e quello degli Stati Uniti».

Quanto tempo manca prima che Washington si decida a stampare moneta? 

Il 28 gennaio, Obama ha annunciato il suo piano di bailout da 825 miliardi di dollari. Questa cifra è da sommarsi all'analogo provvedimento del governo Bush: 700 miliardi di dollari, concessi giusto un paio di mesi fa. 

Obama dice che il suo piano sarà più trasparente di quello del suo predecessore e avrà effetti balsamici sull'economia.

Sebbene questi salvataggi appaiano giganteschi – un totale di 1,5 trilioni di dollari in pochi mesi – sono ben poca cosa rispetto alle stime degli asset a rischio, quantificati in parecchie decine di trilioni di dollari. Come facciamo a sapere che per giugno non verrà concesso un altro bailout da, per fare un esempio, 950 miliardi di dollari?

E, soprattutto, da dove provengono questi soldi?

Il bailout di Obama, sommato al deficit di bilancio per l'anno fiscale 2009 ereditato da Bush, allarga la voragine nei conti pubblici. Ormai ha raggiunto i 3 trilioni di dollari. Chi acquisterà 3 trilioni di buoni del tesoro statunitense?

Non certo il consumatore americano medio. Lui ha perso il lavoro ed è al verde. Il settore privato del mercato creditizio è arrivato al 174% del PIL. I risparmi personali sono al 2%. Il 10% delle risorse immobiliari sono state pignorate o sono prossime ad esserlo. I profitti dai mutui per le proprietà immobiliari sono schizzati alle stelle. Il valore netto degli immobili è crollato in maniera spettacolare. Le case in vendita hanno raggiunto una cifra da record.

I succitati buoni del Tesoro non saranno acquistati nemmeno dai creditori stranieri. Nella migliore delle ipotesi, i cinesi, i giapponesi ed i sauditi ricicleranno i loro surplus commerciali in buoni del Tesoro, ma questa somma aggregata non raggiunge la dimensione del deficit USA.

Forse un altro crollo del mercato borsistico potrà veicolare il denaro dei cittadini verso l'illusoria "sicurezza" dei buoni del Tesoro. Se non accadrà, l'unica soluzione è stampare soldi.

Questo processo potrebbe trasformare l'attuale depressione deflazionaria in una inflazionaria. Uno stato diffuso di disoccupazione combinato con un aumento indiscriminato dei prezzi. Un cappio al collo.

Inoltre, l'inflazione ammazzerebbe il dollaro e non avremmo più i soldi per pagare le importazioni necessarie.

Obama e la sua corte non si preoccupano di tutto questo. Vedono solo il "problema creditizio".
Ma la crisi va ben oltre qualche investimento sbagliato a parte delle banche. Gli Stati Uniti sono rimasti al verde. Molti stati della federazione sono al verde. I proprietari di immobili sono al verde. I consumatori sono al verde. Il mercato del lavoro è al verde. Le aziende sono al verde.
E Obama pensa di avere i soldi per condurre guerre in Afghanistan e Pakistan.

Se si escludono i super-ricchi e quei banchieri ed amministratori delegati che hanno rapinato gli investitori e gli azionisti, gli americani hanno subito perdite enormi sia nei risparmi che negli introiti.

Il crollo del mercato azionario ha distrutto circa il 45% dei loro fondi pensionistici ed altri investimenti di questo tipo. A questo, si aggiunge l'abbassamento dei prezzi degli immobili, i licenziamenti di massa, i tagli al sistema sanitario, l'evaporazione dei consumatori. I profitti ottenuti grazie a fondi comuni d'investimento, su cui i cittadini hanno già pagato le tasse, sono stati spazzati via.
Il governo dovrebbe rimborsare quelle tasse.

Gli americani che hanno visto i loro risparmi per la pensione saccheggiati, grazie alla complicità dei legislatori con gangster della finanza, non dovrebbero pagare una tassa sul reddito mentre danno fondo ai loro risparmi per sopravvivere.

Il danno finanziario che il governo ha inflitto ai suoi cittadini è così grande da essere analogo a quello prodotto da un'invasione straniera. Mentre Washington ci "proteggeva" dai terroristi con inutili guerre nell'altro capo del mondo, la nostra economia è implosa.

Come può Obama pensare di finanziare guerre in altri emisferi mentre la California non riesce a pagare le bollette, mentre gli americani vengono cacciati dalle loro case, mentre, come scrive «Business Week», i pensionati intendono continuare a lavorare (supponendo che trovino un impiego, ovviamente), mentre le carriere vanno in fumo e i negozi e le industrie chiudono?

I cittadini soffrono tremendamente a causa della disoccupazione ed Obama non deve spendere un solo dollaro supplementare sulle guerre di Bush.

I contribuenti sono alla canna del gas. Non possono essere spremuti dall'esercito o dai servizi di sicurezza per un solo giorno in più. La cifra che il governo paga ai mercenari in un giorno è superiore a quanto il welfare concede ai bisognosi in un mese.

Questa è follia.

I gangster della finanza ci hanno rapinato due volte. Prima si sono presi le nostre azioni e le nostre case. Poi il governo ha ricompensato questi mafiosi con un bel bailout. I loro crimini sono stati ricompensati e le vittime non hanno visto un centesimo. Ed il costo delle loro malefatte è stato pagato con i soldi dei contribuenti.

Il governo ha inoltre rapinato i cittadini di 3 trilioni di dollari, bruciati nelle sue guerre. Di questi, circa 600 miliardi di dollari sono stati dati in contanti, mentre il resto proviene direttamente dalle tasche dei contribuenti. 

Quando i creditori stranieri analizzano la situazione dei contribuenti statunitensi, non la considerano un rischio creditizio accettabile. 

Washington è così abituata a truffare i contribuenti a beneficio di alcuni interessi particolari che questa pratica è ormai parte del suo DNA. Si accumulano bailout su bailout, guerre su guerre. Prima che Obama si infogni ulteriormente in questa routine, deve chiedere al suo team economico da dove provengono i soldi che intende usare. Quando lo scopre, deve riferirlo a noi cittadini.

di Paul Craig Roberts – Counterpunch.org
Paul Craig Roberts è stato assistente del ministro del Tesoro durante il governo Reagan. E' coautore di The Tyranny of Good Intentions. Può essere contattato al seguente indirizzo: PaulCraigRoberts@yahoo.com 

Fonte: Paul Craig RobertsIs It Time to Bail Out of America?, Counterpunch.org.

Traduzione di 
Massimo Spiga per Megachip.

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori