lunedì 26 gennaio 2009

Il mistero Nkunda


A pochi giorni dal suo arresto, la caduta dell'ex-generale e leader ribelle congolese Laurent Nkunda fa ancora discutere. Al momento sotto la custodia delle autorità ruandesi, il capo del Consiglio Nazionale per la Difesa del Popolo (la formazione negli ultimi mesi ha messo a ferro e fuoco l'est del Congo, causando 250.000 sfollati e un numero imprecisato di vittime) sarebbe stato tradito dai suoi stessi alleati, secondo quanto riferito alle agenzie di stampa da un portavoce rimastogli fedele, Bertrand Bisimwa. Ma la cattura dell'uomo forte del Kivu avrà ripercussioni sul conflitto congolese?La caduta di Nkunda fa ancora più scalpore pensando che, solo un mese fa, l'ex-generale era ancora il padrone incontrastato del Kivu. Dopo aver sconfitto l'esercito conquistando buona parte della regione, Nkunda aveva accettato il cessate-il-fuoco mediato dall'Onu, sedendosi al tavolo delle trattative con le autorità di Kinshasa. Ma è stata proprio la disponibilità di Nkunda a trattare con il governo a dare la stura a una serie di conflitti interni al suo movimento rimasti fino ad allora latenti. Il capo di stato maggiore, il "dissidente" Jean Bosco Ntaganda, ha trovato il coraggio di ribellarsi, portando con sé più della metà degli effettivi del Cndp e siglando immediatamente la pace con l'esercito.

Una mossa che ha fatto mancare la terra sotto i piedi a Nkunda, ulteriormente indebolito dalla nuova unità di intenti trovata dai governi di Congo e Ruanda nel combattere i ribelli Hutu nel Kivu. Fino a pochi mesi fa usato da Kigali per fare pressione sul vicino congolese, di colpo Nkunda si è trovato a essere un ostacolo ai disegni dei due governi. Le facili vittorie di Nkunda negli ultimi mesi l'avevano trasformato in un soggetto troppo ingombrante per la politica di Kigali, più preoccupata di disarmare i ribelli Hutu delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (eredi delle milizie responsabili del genocidio del 1994) che di assecondare la politica egemonica di Nkunda, ritenuto un pericoloso megalomane anche dai suoi alleati. In quest'ottica, la ribellione di Ntaganda potrebbe essere stata creata ad arte, o quantomeno favorita dai due governi per mettere in trappola Nkunda.Al momento, sul fronte di guerra non si registrano grandi novità: secondo i portavoce dei due eserciti, nel fine settimana l'azione militare congiunta di Congo e Ruanda (aiutati dalle truppe di Ntaganda) contro le Fdlr avrebbe portato alla morte di nove ribelli, durante combattimenti smentiti però dal portavoce del gruppo. Nel Cndp, invece, i circa 2.000 uomini rimasti fedeli a Nkunda non si sono mossi, probabilmente perché in attesa di notizie più precise sulla sorte del loro leader. Che, sempre stando a quanto riferito da Bisimwa, sarebbe stato catturato mentre si stava recando a parlare con le autorità ruandesi, e non durante un tentativo di fuga, come inizialmente reso noto. Un elemento che aggiunge nuovi interrogativi sulla sorte dell'ex-uomo forte del Kivu.

di Matteo Fagotto
Link:
http://it.peacereporter.net/articolo/13898/Congo%2C+il+mistero+Nkunda

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori