lunedì 19 gennaio 2009

Mugabe-Tsvangirai, riparte il negoziato


Il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, e il leader dell'opposizione, Morgan Tsvangirai, si stanno preparando per un negoziato che potrebbe essere decisivo per le sorti del Paese.

I due, infatti, stanno prendendo in esame la possibilità di formare un governo di unità nazionale, all'interno del quale Mugabe continuerebbe a rivestire la carica di presidente, mentre Tsvangirai verrebbe nominato primo ministro. Ai negoziati assisteranno anche i presidenti di Mozambico e Sudafrica, Armando Emilio Guebuza e Kgalema Motlathe. Il progetto di formare un governo di unità nazionale è rimasto in sospeso da settembre, quando il negoziato è fallito dopo che Tsvangirai, leader del Movimento per il Cambiamento Democratico (Mdc), ha accusato il partito di Mugabe, lo Zanu - Pf, di voler tenere sotto controllo i ministri più influenti e dotati di maggiori poteri. Mugabe ha dichiarato ieri di non essere disponibile a fare ulteriori concessioni, fino a quando non si sarà formato il governo. Tsvangirai, d'altro canto, ha reso noto che non accetterà nessuna soluzione imposta unilateralmente dal suo interlocutore. Lo Zimbabwe sta attualmente attraversando un periodo drammatico dove alla grave crisi politica si aggiuge l'epidemia di colera, aggravata dalla mancanza di acqua e dal collasso del sistema sanitario nazionale, che da agosto ha causato oltre 2mila vittime.

Fonte: peacereporter

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/13794/Zimbabwe,+riparte+oggi+il+negoziato+tra+Mugabe+e+il+leader+dell'opposizione+Tsvangiri

Congo, i ribelli ugandesi appiccano fuoco ad una chiesa gremita di fedeli


I ribelli ugandesi dell'Esercito di Resistenza del Signore (Lra) ieri hanno dato fuoco a una chiesa dove i fedeli si erano riuniti per una veglia di preghiera. Non è chiaro quanti siano i morti. 
Stando ai dati diffusi da Human Rights Watch, il movimento ribelle Lra avrebbe ucciso circa 620 civili congolesi e rapito più di 160 bambini dalla vigilia di natale a oggi. Il mese scorso i governi di Uganda, Repubblica Democratica del Congo e Sudan meridionale, hanno lanciato un'offensiva contro l'Lra. La Repubblica Centrafricana ha posizionato gran parte delle proprie truppe al confine con la Repubblica Democratica del Congo, nel tentativo di impedire ai ribelli l'ingresso nel territorio nazionale. La chiesa incendiata ieri si trova a circa 130 chilometri a sud da Dungu, sede della base militare dell'operazione multilaterale contro i ribelli. Joseph Kony, leader dell'Lra ha affermato che non firmerà nessuna tregua fino a quando la Corte Penale Internazionale non avrà ritirato il mandato d'arresto emesso nei suoi confronti.
Fonte: peacereporter

Funzionerà il pacchetto di incentivi di Obama?


Non vi è alcuna garanzia che il pacchetto di incentivi di Obama funzionerà ma c’è un consenso crescente che qualcosa deve essere fatto… e alla svelta! L’economia si sta contraendo più rapidamente di qualunque altro periodo successivo agli anni ‘30. La disoccupazione sta aumentando vertiginosamente, la spesa dei consumatori sta colando a picco e il paese sembra scivolare verso un’altra Grande Depressione. I tassi di interesse della Federal Reserve vicini allo zero e le massicce iniezioni di liquidità non sono state di alcun aiuto. Ecco perché l’attenzione si è spostata dalla politica monetaria agli incentivi fiscali keynesiani. Quando le imprese e i consumatori riducono le spese, il governo deve far fronte alla perdita nella domanda aggregata. Ecco che cos’è veramente la legge sul Recupero e il Reinvestimento da 775 miliardi di dollari. Non sistemerà l’economia, è solamente un modo per ridurre al minimo l’urto di un atterraggio violento. Gli economisti Mishel e John Irons sostengono la tesi degli incentivi nel loro recente articolo “How bad can it get”:

“Quasi 2 milioni di posti di lavoro sono andati perduti dal dicembre 2007, quando è iniziata la recessione, allo scorso mese di novembre. Gli economisti prevedono che almeno altri 500.000 spariranno a dicembre 2008. Se così fosse, si tratterà della più ingente perdita di posti di lavoro nel primo anno di una recessione post-bellica. Senza un rapido intervento, si pensa che cifre mensili analoghe o superiori arriveranno l’anno prossimo, e la prolungata debolezza nel mercato del lavoro probabilmente persisterà per altri due o tre anni. E’ probabile che più di 5,5 milioni di posti di lavoro andranno perduti durante la recessione a meno che non venga attuato un grande progetto di incentivi per la creazione di occupazione... Obama sta chiedendo al Congresso di approvare un pacchetto di incentivi che costerà dai 700 agli 800 miliardi di dollari, o forse più, nell’arco di due anni. Questa somma potrebbe creare 2,5 milioni di posti di lavoro nel primo anno e un totale di 5 milioni di posti di lavoro nei primi due anni. Se così fosse, farebbe diminuire il tasso di disoccupazione di 3,2 punti percentuali, portandolo intorno al 7%. Mentre la disoccupazione sarebbe ancora insopportabilmente elevata, il pacchetto di incentivi così come immaginato da Obama impedirebbe che la disoccupazione vada in doppia cifra, darebbe all’economia un terreno solido per una crescita futura e inizierebbe a far fronte alle necessità di lungo termine.” (Lawrence Mishel e John Irons, “How bad can it get?”, Economic Policy Institute)

Tuttavia, molte persone ritengono che gli incentivi siano uno spreco di denaro che farà schizzare i disavanzi alle stelle. I libertari, ad esempio, sostengono che la cura per una bolla del credito non dovrebbe essere ulteriore credito. Vogliono vedere i debiti registrati e i bilanci di nuovo in attivo. La loro ricetta è simile a quella del Segretario al Tesoro Andrew Mellon che negli anni ’30 diceva: “Liquidate i lavoratori, liquidate le azioni, liquidate gli agricoltori – rimuovete il marciume dal sistema.” Le farneticazioni di Mellon potrebbero sembrare coerenti con il dogma del libero mercato ma se si seguisse il suo consiglio si andrebbe diritti verso la catastrofe. I mercati crollerebbero e ci sarebbero delle rivolte nelle strade. E’ meglio sbagliare stando dalla parte della prudenza e dare all’economia uno slancio con incentivi, di cui si ha estremamente bisogno.

Forbes ha pubblicato di recente un articolo che mette in discussione l’efficacia degli incentivi. Secondo l’articolo, la Banca Centrale Europea (BCE) ha prodotto un documento di lavoro, dal titolo “The macroeconomic effects of fiscal policy”, nel quale si afferma:

“L’evidenza empirica indica che gli scossoni sulle spese governative hanno, in generale, pochi effetti sul PIL” e “possono avere un effetto negativo sull’investimento privato”... L’aumento delle spese del governo fa poco per le economie, ha un impatto minimo sulle spese del consumatore, colpisce i prezzi delle azioni e può dissuadere l’investimento privato.” (Forbes)
Un buon numero di potenti senatori Repubblicani si sta opponendo al pacchetto di incentivi ma la loro opposizione dà libero corso all’ipocrisia. Si tratta degli stessi senatori che approvavano ad occhi chiusi ogni taglio fiscale sfasciabilanci di Bush e guerre non sovvenzionate da migliaia di miliardi di dollari che hanno fatto aumentare il debito nazionale dai 5.600 miliardi di dollari nel 2000 ai 10.300 miliardi di dollari nel 2007. A differenza dei libertari, la posizione dei Repubblicani non è basata sui princìpi.

Gli oppositori mettono anche in evidenza le detrazioni dello scorso anno che ammontavano a circa 150 miliardi di dollari. Quell’incentivo non ha avuto quasi nessun effetto perché solamente il 15 per cento di quella somma è stato reintrodotto nell’economia. La maggior parte è stata utilizzata per pagare le carte di credito e per i debiti personali. La squadra di Obama sta cercando modi migliori per mettere più soldi nelle tasche dei cittadini che li spenderanno immediatamente e aumenteranno l’attività complessiva delle imprese. La velocità del denaro è cruciale per il successo di qualunque piano di incentivi. Purtroppo, l’attuale rallentamento ha portato l’attività delle imprese a fermarsi bruscamente. Le iniezioni di migliaia di miliardi di dollari da parte della Fed stanno languendo nelle acque stagnanti dei bilanci della banca invece di circolare nell’economia dove avrebbero un certo effetto positivo. Allo stesso tempo, i consumatori stanno risparmiando per la prima volta dagli anni ’50 e questo non fa che aggravare la crisi. Se Obama non riuscirà ristabilire la fiducia e a stimolare i consumatori, l’economia continuerà a precipitare. 

In un recente articolo, l’economista Dean Baker ha deluso la “folla degli anti-incentivi” sottolineando il loro equivoco nell’interpretare la storia dell’epoca depressionaria. Baker scrive:

“Le politiche del New Deal migliorarono notevolmente gli effetti della Grande Depressione per decine di milioni di persone. La principale debolezza economica del New Deal era il fatto che il Presidente Roosevelt non era preparato a spingere le politiche fin dove era necessario per far uscire l’economia dalla Grande Depressione. Roosevelt, inoltre, si preoccupava troppo del pianto delle folle anti-incentivi che incontrava. Era preoccupato di tenere in pareggio il budget quando il giusto obiettivo della politica fiscale sarebbe stato quello di avere ampi disavanzi per incentivare l’economia. Le politiche di Roosevelt ridussero notevolmente il tasso di disoccupazione dal suo picco del 25 per cento quando si insediò ma non riuscirono a riportare il tasso di disoccupazione sotto il 10 per cento.” (“The anti-stimulus crows: the fear of success”, Dean Baker, UK Guardian).

I critici degli incentivi spesso dimenticano che l’aumento del disavanzo non può essere misurato su una base di uno-a-uno. Ad esempio, 775 miliardi di dollari di incentivi non significano necessariamente che 775 miliardi di dollari saranno aggiunti al disavanzo. L’economista Andy Harless chiarisce questo punto nel suo articolo “Dynamic scoring”:

“Supponiamo che all’inizio dell’anno fiscale il Congresso stanzi 100 miliardi di dollari straordinari per progetti infrastrutturali. Alla fine dell’anno fiscale, di quanto sarà maggiore il disavanzo in rapporto a quello che sarebbe stato?”

La risposta ovvia, e quella che di solito sembra essere accettata implicitamente dai media e dagli espertoni, è 100 miliardi di dollari. Ma se ci riflettete attentamente, dovrebbe essere ovvio che la risposta ovvia è la risposta sbagliata. 

Il governo utilizzerà la maggior parte di quel denaro per assumere personale e acquistare beni. La maggior parte del personale assunto sarà gente che in precedenza era disoccupata. In molti stanno abbandonando lavori che saranno, in seguito, fatti da altre persone che erano disoccupate. Queste persone precedentemente disoccupate, che potrebbero aver beneficiato dei sussidi, ora pagheranno le tasse e quelle tasse ridurranno il disavanzo, e ridurranno i pagamenti dei sussidi. Inoltre, per quanto riguarda le imprese da cui il governo acquista, i loro profitti aumenteranno e pagheranno altre tasse su questi profitti ulteriori. E si espanderanno e assumeranno nuovo personale, oppure conserveranno il personale che altrimenti sarebbe stato lasciato a spasso. E (se credete in un effetto moltiplicatore) tutta la gente di nuovo assunta, come pure i proprietari delle aziende, spenderanno più soldi, fornendo quindi maggiori profitti e maggiore occupazione per altri, che pagheranno anch’essi le tasse e non beneficeranno più dei sussidi. E così via. L’effetto finale sul disavanzo del budget della spese originaria sarà notevolmente inferiore a 100 miliardi di dollari. 

Questo è chiamato dynamic scoring.”


Lo scopo di un qualunque piano di incentivi dovrebbe essere quello di riportare in pista l’economia dando più valore al denaro del contribuente. Secondo la maggior parte degli economisti, i tagli alle tasse non funzionerebbero perché non incentivano la spesa e questo vale per altre cose, come i programmi di lavori pubblici o l’allargamento dei sussidi di disoccupazione. Secondo il New York Times, “I tagli alle imposte di solito producono meno di un dollaro di incentivi per ogni dollaro che costano... Spendere in progetti di opere pubbliche, come ponti e autostrade, produce la maggiore attività economica.”

Purtroppo, Obama ha incluso 300 miliardi di dollari in tagli alle tasse per placare i Repubblicani in modo da poter far avanzare rapidamente il suo piano al Congresso. Questo è un errore. Gli incentivi devono essere mirati se faranno quello che si spera che facciano. Idealmente, i 775 miliardi di dollari agiranno come un defibrillatore fiscale che con uno scossone riporterà in vita l’economia. Ma ciò significa che il denaro dovrebbe essere impiegato in modo efficiente verso i settori dove avrà i migliori risultati possibili (il che esclude i tagli alle tasse).

La firma e l’attuazione di una legge di incentivi è urgente. Non dovrebbe essere rimandata oltre febbraio, ed è quello che stanno chiedendo i Repubblicani. L’economia si trova ora in guai seri e le cose stanno peggiorando. Un PDF pubblicato questa settimana dagli economisti Lawrence Mishel e Heidi Sheirholz spiega quello che ci può attendere se non viene presa rapidamente una decisione. Ecco un estratto dell’articolo “Without adequate public spending, a catastrophic recession for some”:

“Questa analisi delinea un’immagine di quanto si aggraveranno le cose – sia per l’intera nazione che per alcuni gruppi di americani che stanno già soffrendo la disoccupazione a livello di depressione – a meno che la nuova amministrazione e il Congresso agiscano rapidamente con un pacchetto che sia sufficientemente ampio e ben mirato per contrastare queste tendenze. Gli autori suggeriscono al governo di spendere nell’ordine dei 600 miliardi di dollari all’anno per i prossimi due anni per evitare la catastrofe, altrimenti inevitabile. La loro analisi fa notare che senza un intervento del governo tempestivo ed adeguato:

* La disoccupazione complessiva, dopo aver raggiunto il picco intorno al 10,2% a metà 2010, potrebbe attestarsi al 7,6% tra quattro anni.
* Il tasso di sottoccupazione potrebbe raggiungere il 17,9% complessivo nel 2010 (il 18,8% per le donne), coinvolgendo oltre 27 milioni di lavoratori.
* Più di un lavoratore americano su tre subirebbe disoccupazione o sottoccupazione in qualche periodo del 2010.
* Quasi un americano su cinque della forza lavoro afro-americana sarebbe disoccupato (18,2%). Più della metà degli adolescenti neri sarebbe senza lavoro.
* La disoccupazione ispanica raggiungerebbe il 13,1% complessivo, e più di un terzo tra gli adolescenti.
* La disoccupazione raggiungerebbe un livello record del 5,1% tra chi si è laureato al college, ossia 1,2 punti percentuali superiore al precedente record del 3,9% nel corso della grave recessione gli anni ’80.
* Tutte le famiglie subirebbero una diminuzione dei salari a causa delle condizioni indebolite del mercato del lavoro e della riduzione degli orari. In generale, il reddito di una famiglia media diminuirebbe di 4.700 dollari all’anno nel 2010 rispetto al 2007 (una perdita del 7,7%). Le famiglie a basso reddito subirebbero una perdita del 9,8%, quasi 1.600 dollari all’anno (“Without adequate public spending, a catastrophic recession for some”, Lawrence Mishel e Heidi Shierholz, Economic Policy Institute)

Obama deve vincere le resistenze Repubblicane e avere l’approvazione del suo programma il più presto possibile. Vale la pena accennare che esiste un certo consenso su quanto denaro occorrerà per sostenere l’economia nei prossimi anni mentre il paese attraverserà questo periodo tormentato. L’ex Segretario al Lavoro, Robert Reich, ha fornito le sue valutazioni in un post su un blog dal titolo “Stimulus plan: the need and size”:

“A mio giudizio, questo richiederà un incentivo di circa 6 punti e mezzo percentuali del prodotto interno lordo, vale a dire un totale pressapoco di 900 miliardi di dollari, spalmati su due anni. Questa è la mia valutazione per la forte diminuzione nella domanda privata. Ma, se necessario, il governo federale dovrebbe essere pronto a spendere ingenti somme per rimettere in moto l’economia finché questa sarà a pieno regime. Il pericolo non è che il governo faccia troppo; il pericolo è che faccia troppo poco e troppo tardi.

Senza una tale azione, credo che andranno perduti altri 3 milioni di posti di lavoro nel 2009, la disoccupazione aumenterà al 10 per cento della forza lavoro entro la fine dell’anno e la sottoccupazione – comprese le persone che lavorano part-time che preferirebbero lavorare a tempo pieno e quelle troppo demoralizzate anche per cercare un impiego – toccherà il 15 per cento. Senza un’azione federale il prossimo anno potrebbe essere ancora peggiore.”
 

L’economista vincitore del premio Nobel Joseph Stiglitz appoggia il piano di incentivi a condizione che vengano apportati altri cambiamenti strutturali per migliorare il sistema finanziario e per affrontare la disuguaglianza (economica). Nel suo articolo “We need longer term solutions” Stiglitz dice:

“La Federal Reserve, che ha contribuito a creare i problemi attraverso una combinazione di liquidità eccessiva e regole troppo permissive, sta cercando di fare ammenda inondando l’economia di liquidità… In un qualche modo la Fed assomiglia ad un guidatore ubriaco che all’improvviso si accorge che sta andando fuori strada e inizia a sbandare da parte a parte.

Non abbiamo bisogno di incentivi temporanei ma di soluzioni a lungo termine... Innanzitutto, abbiamo bisogno di invertire le preoccupanti tendenze di una crescente disuguaglianza. Una tassazione sui redditi più progressiva aiuterebbe inoltre a stabilizzare l’economia, attraverso quelli che gli economisti chiamano “stabilizzatori automatici”. Aiuterebbe anche se i paesi più avanzati tenessero fede al loro impegno di dare una mano ai poveri del mondo aumentando i loro budget per i sussidi ai paesi stranieri allo 0,7% del PIL.”


L’economista Dean Baker tenta la strada dell’offerta di fondi ai governi statali e locali e per le tecnologie verdi nel suo articolo “The highway to hell: bad infrastructure”:

“La quantità degli incentivi richiesti per controbilanciare l’urto dello scoppio della bolla immobiliare e il crollo del mercato azionario è notevole, ma ci sono dei buoni modi per spendere grandi somme di denaro. Gli enormi disavanzi in cui sono incorsi i governi statali e locali sono un chiaro posto da cui iniziare. La Conferenza Nazionale delle Legislature Statali ha identificato quasi 200 miliardi di disavanzi di bilancio negli anni fiscali 2009 e 2010. Poiché, nel loro statuto, ai governi statali è richiesto di chiudere in pareggio i loro budget, questi disavanzi stanno conducendo a forti tagli e aumenti delle tasse. Questi tagli e questi aumenti delle tasse peggioreranno la recessione. C’è un’ampia scelta di iniziative “verdi” che il Presidente-eletto Obama può includere nel pacchetto di incentivi oltre a quella di ristrutturare gli edifici per migliorare la loro efficienza energetica. Ad esempio, potrebbe fornire dei sussidi per gli enti di trasporto pubblico per coprire il costo dei biglietti più a buon mercato. Potrebbe anche incentivare la gente (per lo più la popolazione a basso reddito) a rottamare le automobili più vecchie e inquinanti. Tali misure potrebbero essere di aiuto sia per ridurre le emissioni dei gas serra e sia per dare una spinta all’economia. L’altro modo ovvio con cui Obama può ridare slancio all’economia è con la spesa nel servizio sanitario. Parte del denaro che viene inoltrato agli stati verrà fatto attraverso i programmi statali Medicaid. Tuttavia, Obama potrebbe spendere in modo utile molti più soldi dando sovvenzioni a Medicare per quelle persone che al momento non hanno un’assicurazione. Questo sarà un importante anticipo per la riforma del sistema sanitario.” 

Gli economisti progressisti stanno approfittando della possibilità di dare la loro opinione sul modo migliore di spendere il denaro pubblico. Quasi tutti appoggiano l’allargamento dei sussidi di disoccupazione, dei buoni viveri, delle detrazioni per i figli, i maggiori finanziamenti per i servizi sociali, i programmi di lavori pubblici e la tecnologia verde. Fa tutto parte della consapevolezza sociale che antepone l’interesse pubblico a quello privato. Resiste una visione alternativa dell’America, nonostante otto anni di Bush. 

I soli incentivi non possono sistemare l’economia. E’ solamente un modo per evitare l’urto schiacciante di una profonda recessione. Il sistema finanziario dovrà essere regolamentato di nuovo; le banche dovranno registrare le perdite sui loro beni svalutati, dovranno essere imposte delle restrizioni sulla quantità della leva consentita, e i consumatori dovranno adeguarsi ad un mondo in cui i tassi di interesse sono più alti e c’è un po’ meno credito a disposizione. Gli incentivi servono solo a ricordare che il sistema ha bisogno di una modifica strutturale affinché la crisi attuale non si ripeta. Ciò significa che il benessere dovrebbe basarsi sulle solide fondamenta di salari che si tengono al passo della produzione invece che delle bolle speculative alimentate dal credito, che terminano sempre in un disastro.
di Mike Whitney 
Counterpunch
Fonte: http://counterpunch.org
Link originale: http://counterpunch.org/whitney01142009.html
14.01.2009
Scelto e tradotto da JJULES per www.comedonchisciotte.org
Articoli della stessa Fonte anche su SudTerrae

MEMORANDUM OF UNDERSTANDING USA - ISRAELI January 16 2009

Text of U.S.-Israel agreement to end Gaza arms smuggling

16 January 2009



Recalling the steadfast commitment of the United States to Israel's security, including secure, defensible borders, and to preserve and strengthen Israel's capability to deter and defend itself, by itself, against any threat or possible combination of threats;

Reaffirming that such commitment is reflected in the security, military and intelligence cooperation between the United States and Israel, the Strategic Dialogue between them, and the level and kind of assistance provided by the United States to Israel;

Taking note of the efforts of Egyptian President Mubarak, particularly the recognition that securing Gaza's border is indispensable to realizing a durable and sustainable end to fighting in Gaza;

Unequivocally condemning all acts, methods, and practices of terrorism as unjustifiable, wherever and by whomever committed and whatever the motivation, in particular, the recent rocket and mortar attacks and other hostile activity perpetrated against Israel from Gaza by terrorist organizations;

Recognizing that suppression of acts of international terrorism, including denying the provision of arms and related materiel to terrorist organizations, is an essential element for the maintenance of international peace and security;

Recognizing that the acquisition and use of arms and related materiel by terrorists against Israel were the direct causes of recent hostilities;

Recognizing the threat to Israel of hostile and terrorist activity from Gaza, including weapons smuggling and the build-up of terrorist capabilities, weapons and infrastructure; and understanding that Israel, like all nations, enjoys the inherent right of self defense, including the right to defend itself against terrorism through appropriate action;

Desiring to improve bilateral, regional and multilateral efforts to prevent the provision of arms and related materiel to terrorist organizations, particularly those currently operating in the Gaza Strip, such as Hamas;

Recognizing that achieving and maintaining a durable and sustainable cessation of hostilities is dependent upon prevention of smuggling and re-supply of weapons into Gaza for Hamas, a terrorist organization, and other terrorist groups, and affirming that Gaza should not be used as a base from which Israel may be attacked;

Recognizing also that combating weapons and explosives supply to Gaza is a multi-dimensional, results-oriented effort with a regional focus and international components working in parallel, and that this is a priority of the United States? and Israel?s efforts, independently and with each other, to ensure a durable and sustainable end to hostilities;

Recognizing further the crucial need for the unimpeded, safe and secure provision of humanitarian assistance to the residents of Gaza;

Intending to work with international partners to ensure the enforcement of relevant United Nations Security Council Resolutions on counterterrorism in relation to terrorist activity in Gaza;

Have reached the following understandings:

1. The Parties will work cooperatively with neighbors and in parallel with others in the international community to prevent the supply of arms and related materiel to terrorist organizations that threaten either party, with a particular focus on the supply of arms, related materiel and explosives into Gaza to Hamas and other terrorist organizations.

2. The United States will work with regional and NATO partners to address the problem of the supply of arms and related materiel and weapons transfers and shipments to Hamas and other terrorist organizations in Gaza, including through the Mediterranean, Gulf of Aden, Red Sea and eastern Africa, through improvements in existing arrangements or the launching of new initiatives to increase the effectiveness of those arrangements as they relate to the prevention of weapons smuggling to Gaza. Among the tools that will be pursued are:

• Enhanced U.S. security and intelligence cooperation with regional governments on actions to prevent weapons and explosives flows to Gaza that originate in or transit their territories; including through the involvement of relevant components of the U.S. Government, such as U.S. Central Command, U.S. European Command, U.S. Africa Command, and U.S. Special Operations Command.

• Enhanced intelligence fusion with key international and coalition naval forces and other appropriate entities to address weapons supply to Gaza;

• Enhancement of the existing international sanctions and enforcement mechanisms against provision of material support to Hamas and other terrorist organizations, including through an international response to those states, such as Iran, who are determined to be sources of weapons and explosives supply to Gaza.

3. The United States and Israel will assist each other in these efforts through enhanced sharing of information and intelligence that would assist in identifying the origin and routing of weapons being supplied to terrorist organizations in Gaza.

4. The United States will accelerate its efforts to provide logistical and technical assistance and to train and equip regional security forces in counter-smuggling tactics, working towards augmenting its existing assistance programs.

5. The United States will consult and work with its regional partners on expanding international assistance programs to affected communities in order to provide an alternative income/employment to those formerly involved in smuggling.

6. The Parties will establish mechanisms as appropriate for military and intelligence cooperation to share intelligence information and to monitor implementation of the steps undertaken in the context of this Memorandum of Understanding and to recommend additional measures to advance the goals of this Memorandum of Understanding. In so far as military cooperation is concerned, the relevant mechanism will be the United States-Israel Joint Counterterrorism Group, the annual Military to Military discussion, and the Joint Political Military Group.

7. This Memorandum of Understanding of ongoing political commitments between the Parties will be subject to the laws and regulations of the respective parties, as applicable, including those governing the availability of funds and the sharing of information and intelligence.

di (a cura di Alberto Terenzi)

Link: http://www.clarissa.it/editoriale_int.php?id=256&tema=Documenti

VERSIONE ITALIANA

Stati Uniti e Israele sottoscrivono un Memorandum d'intesa per porre fine al traffico d'armi a Gaza-IL TESTO

16 January 2009

Richiamandosi al deciso impegno degli Stati Uniti per la sicurezza di Israele, che comprende confini sicuri e difendibili, e per preservare e rafforzare la capacità di Israele di esercitare autonomamente la propria difesa e la propria capacità di dissuasione contro qualsiasi minaccia o insieme di minacce;
Riaffermando che questo impegno si riflette nella cooperazione in tema di sicurezza, nella cooperazione militare e di intelligence fra gli Stati Uniti ed Israele, nel loro Dialogo Strategico e nel livello ed intensità dell'assistenza fornita dagli Stati Uniti ad Israele;
Registrando gli sforzi del Presidente egiziano Mubarak, in modo particolare in merito al riconoscimento che la sicurezza del confine di Gaza è indispensabile per attuare la cessazione duratura e sostenibile dei combattimenti a Gaza;
Condannando in modo inequivocabile tutti gli atti, i metodi e le pratiche terroristiche come ingiustificabili, dovunque e da chiunque commessi e con qualsivoglia motivazione, ed in particolare i recenti attacchi con razzi e mortai ed ogni altra attività ostile perpetrata da organizzazioni terroristiche da Gaza contro Israele;
Riconoscendo che l'acquisizione e l'uso da parte di terroristi di armi e materiali contro Israele sono stati la causa diretta delle recenti ostilità;
Riconoscendo la minaccia nei confronti di Israele rappresentata dall'attività ostile e terroristica proveniente da Gaza, che include il traffico di armi e la costruzione di capacità terroristiche, armi ed infrastrutture; e comprendendo che Israele, come ogni nazione, gode di per sé del diritto di auto-difesa, che comprende il diritto di difendersi contro il terrorismo mediante azioni appropriate;
Desiderando incrementare gli sforzi bilaterali, regionali e multilaterali per prevenire la fornitura di armi e materiali alle organizzazioni terroristiche, in modo particolare quelle attualmente operanti nella Striscia di Gaza, come Hamas;
Riconoscendo che ottenere e mantenere una cessazione delle ostilità duratura e sostenibile dipende dalla prevenzione a Gaza del traffico e del rifornimento di armi destinate ad Hamas, una organizzazione terroristica, ed agli altri gruppi terroristici, ed affermando che Gaza non dovrà essere usata come base dalla quale possa essere attaccato Israele;
Riconoscendo altresì che lo sforzo di combattere contro il rifornimento a Gaza di armi ed esplosivi ha un carattere multi-dimensionale rivolto al risultato, con una focalizzazione regionale e componenti di carattere internazionale che agiscono in parallelo, e che questa è una priorità negli sforzi degli Stati Uniti e di Israele, indipendentemente e congiuntamente, per assicurare una cessazione durevole e sostenibile delle ostilità;
Riconoscendo inoltre la necessità cruciale di fornire senza impedimenti e in modo sicuro assistenza umanitaria ai residenti a Gaza;
Intendendo operare con i partner internazionali per assicurare l'applicazione delle importanti Risoluzioni della Nazioni Unite sull'anti-terrorismo, in relazione all'attività terroristica a Gaza;
abbiamo raggiunto il seguente accordo:
1) Le Parti opereranno congiuntamente con i vicini e in parallelo con altri nazioni della comunità internazionale per prevenire il rifornimento di armi e materiali alle organizzazioni terroristiche che minacciano una delle parti, con particolare attenzione alla fornitura di armi, materiali ed esplosivi ad Hamas ed alle altre organizzazioni terroristiche a Gaza;
2) gli Stati Uniti opereranno con i partner regionali e della NATO per risolvere il problema della fornitura di armi, materiali ed esplosivi ed il trasferimento e il trasporto di armi ad Hamas ed alle altre organizzazioni terroristiche a Gaza, in tutta l'area che comprende il Mediterraneo, il Golfo di Aden, il Mar Rosso e l'Africa orientale, mediante l'intensificazione degli accordi esistenti e il lancio di nuove iniziative per accrescere l'efficacia di detti accordi in quanto collegati alla prevenzione del traffico di armi diretto a Gaza. Gli strumenti che verranno messi in opera sono tra gli altri:
il potenziamento di operazioni di sicurezza e intelligence con i governi regionali, in azioni che prevengono il flusso di armi ed esplosivi verso Gaza che hanno origine o attraversano i loro territori, incluso il coinvolgimento di componenti del'Amministrazione USA, quali l'US Central Command, l'US European Command, l'US Africa Command e lo US Special Operation Command;
il potenziamento dell'integrazione fra intelligence (intelligence fusion) con forze chiave internazionali e con coalizioni navali e altre entità idonee a fronteggiare il rifornimento di armi verso Gaza;
il potenziamento delle sanzioni internazionali esistenti e il rafforzamento dei meccanismi di contrasto della fornitura di aiuti materiali ad Hamas ed ad altre organizzazioni terroristiche, ivi inclusa una risposta internazionale contro quegli Stati, come l'Iran, che hanno deciso di essere fonti di rifornimento di armi ed esplosivi per Gaza;
3) gli Stati Uniti ed Israele si assisteranno reciprocamente in questi sforzi mediante una condivisione potenziata di informazioni e intelligence che potranno essere di aiuto nell'identificare le fonti e seguire il percorso dei rifornimenti di armi ed esplosivi verso le organizzazioni terroristiche a Gaza;
4) gli Stati Uniti accelereranno i loro sforzi per fornire assistenza tecnica e logistica e per addestrare ed equipaggiare forze di sicurezza regionali nelle tattiche anti-traffico, operando per incrementare i programmi di assistenza già esistenti;
5) gli Stati Uniti si consulteranno e opereranno con i loro partner regionali al fine di estendere i programmi internazionali di assistenza rivolti alle comunità interessate per fornire reddito e lavoro alternativi a quelli in precedenza rappresentati da questi traffici;
6) le Parti stabiliranno appropriati meccanismi di cooperazione militare e di intelligence per condividere intelligence e informazioni e monitorare l'implementazione dei passi intrapresi nel contesto del presente Memorandum di Intesa e per raccomandare l'adozione di ulteriori misure per il raggiungimento degli obiettivi del presente Memorandum. Per quanto riguarda la cooperazione militare, strumenti deputati saranno il Gruppo Congiunto anti-terrorismo Usa-Israele, l'annuale Military to Military Discussion e il Gruppo Congiunto Politico-Militare.
7) il presente Memorandum di Intesa sugli impegni politici in corso tra le Parti sarà soggetto, per quanto applicabili, alle leggi ed ai regolamenti delle Parti, compresi quelli che governano l'utilizzazione di fondi e la condivisione di informazioni e di intelligence.

(a cura di Alberto Terenzi)

Link: http://www.clarissa.it/editoriale_int.php?id=256&tema=Documenti

 English version


Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori