domenica 17 maggio 2009

Sri Lanka, bombardamenti a tappeto


Stamane il presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapksa, ha assicurato che "nelle prossime 48 ore le migliaia di civili tamil ancora ostaggio delle Tigri verranno liberati e tutto il territorio sotto controllo dell'Ltte verrà anch'esso liberato".
L'esercito avanza, i civili scappano. La 58esima e la 59esima divisione dell'esercito stanno stringendo gli ultimi chilometri quadrati di territorio ribelle (circa 4 chilometri quadrati) in una morsa a tenaglia da nord e da sud. Ieri le forze da sbarco della marina hanno preso il controllo di tutta la spiaggia, quindi ora si combatte nell'entroterra, fino alle sponde della laguna di Mullaitivu.
Proprio attraverso le basse e limacciose acque della laguna continua la fuga dei civili tamil dall'area dei combattimenti: tra ieri sera e questa mattina, secondo i comandi militari, ne sarebbero scappati oltre quattromila, sfidando il fuoco delle mitragliatrici dei ribelli dell'Ltte che, secondo le testimonianze dei profughi, aprono il fuoco sui civili che tentano la fuga. Secondo l'esercito questa notte ne sarebbero morti così almeno quattro.
TamilNet: "Bombardamenti a tappeto". Secondo il sito d'informazione TamilNet, vicino ai ribelli, da questa mattina tutta l'area di conflitto, compresa la ‘Zona Sicura' dove sono ancora intrappolati migliaia di civili tamil, è in fiamme a causa dei bombardamenti a tappeto che l'artiglieria governativa ha iniziato alle prime ore dell'alba.
"Centinaia di civili sono stati uccisi e feriti nelle ultime ore", si legge sul sito, che ieri sera riportava 1.700 morti e 3mila feriti "negli ultimi due giorni". "Tutta la popolazione - si legge oggi su TamilNet - è costretta a starsene rintanata nei rifugi di fortuna scavati nel terreno, compresi i medici volontari che lavoravano nell'ospedale da campo di Mullivakkal, dove 1.400 pazienti sono quindi rimasti abbandonati al loro destino sotto le bombe, senza cure, senza medicine, senza cibo e acqua. L'esercito infatti continua a impedire da giorni l'attracco del traghetto della Croce Rossa Internazionale che portava viveri e medicine per l'ospedale ed evacuava i feriti più gravi".Croce Rossa: "Non possiamo più fare nulla". Marçal Izard, portavoce della Croce Rossa Internazionale (Icrc), da Ginevra conferma a PeaceReporter questa situazione: "Da Colombo ci riferiscono che nelle ultime ore i nostri 28 medici in servizio all'ospedale da campo di Mullivakkal sono stati costretti a fuggire per l'intensificarsi dei combattimenti e a cercare rifugio come tutti in improvvisati rifugi. In questo momento per noi non è più possibile prestare assistenza alle centinaia di pazienti dell'ospedale, e nemmeno scaricare a terra il cibo e le medicine che stanno a bordo della nostra imbarcazione che però da tre giorni non riesce ad attraccare. La situazione - conclude Izard - è davvero disperata".

"Il nostro personale sta assistendo a una catastrofe umanitaria inimmaginabile", aveva dichiarato in mattinata Pierre Krahenbuhl, direttore operativo dell'Icrc: "Nessun aiuto alla popolazione è possibile nelle attuali circostanze: la gente è abbandonata al proprio destino".

L'estremo tentativo delle Nazioni Unite. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, ha inviato a Colombo il capo del suo staff, Vijay Nambiar, per provare a convincere il presidente Mahinda Rajapksa a interrompere le operazioni militari per consentire l'evacuazione di tutti i civili. Nei giorni scorsi l'Onu, che ha stimato quasi 7 mila civili tamil uccisi da febbraio, ha denunciato il "bagno di sangue" in corso in Sri Lanka attribuendone la responsabilità sia al governo che ai ribelli.

Enrico Piovesana

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/15755/Sri+Lanka,+atto+finale

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori