mercoledì 27 maggio 2009

Congo una strada che porta alla pace


E' già stata soprannominata "la strada della pace": lunga 62 km, collega la capitale della Repubblica del Congo, Brazzaville, a Kinkala, nella regione meridionale di Pool, teatro dal 1998 al 2003 di una guerra civile a bassa intensità che ha provocato migliaia di vittime. Da oggi, l'apertura del collegamento stradale segna un nuovo capitolo per una regione ancora devastata dalle cicatrici del conflitto.

Lavori sulla strada Brazzaville Kinkala

Paradossi dell'economia: il Congo Brazzaville, uno dei maggiori esportatori di petrolio africani, figura tra i Paesi con meno chilometri di strade asfaltate al mondo. Appena duemila, città comprese. Proprio per questo, il progetto della Kinkala - Brazzaville, realizzato grazie ai fondi dell'Unione Europea, assume così tanto valore. Finalmente, la regione teatro dell'insurrezione dei Ninja, come erano chiamati i guerriglieri guidati dal pastore Ntumi che, nel 2003, firmò un accordo di pace con il governo mai completamente attuato, può tornare a vivere. Prima dell'apertura della strada, erano necessarie otto ore per coprire poco più di sessanta chilometri. Un'eternità, che ha scoraggiato finora qualsiasi attività commerciale o imprenditoriale nella regione.

Non che la strada possa risolvere tutti i problemi di un Paese che non ha certo brillato nella gestione del dopoguerra. Secondo la svizzera Small Arms Survey, nel 2005 c'erano ancora 34.000 armi in circolazione nella regione, e bande di ex guerriglieri Ninja, mai seriamente integrati nell'esercito o reintrodotti nella società, si erano dati al brigantaggio per poter sopravvivere, abbandonati dalla loro leadership politica. Oggi, la situazione è in parte migliorata, ma le cicatrici del conflitto si fanno ancora sentire in maniera pesante.

Pasteur Ntumi, ex leader dei Ninja

Eppure, la "strada della pace" rimane un progetto fondamentale per la regione. Non solo gli abitanti di Pool potranno finalmente avviare una serie di attività economiche di base per risollevare le sorti della zona. Grazie al collegamento con Brazzaville, potranno finalmente essere ricostruite tutte quelle infrastrutture di base (ospedali, case, scuole) distrutte durante la guerra, e che avevano spinto il governo a dichiarare la regione "zona disastrata". Dopo la conclusione dei lavori, ora il governo potrà concentrarsi sull'altra grande opera, da cui dipendono i destini economici del Paese. La costruzione di un collegamento stradale tra la capitale e la città di Point Noire, principale polo economico sull'Atlantico, al momento unite solamente da una ferrovia lunga 500 chilometri.

La normalizzazione politica, unita al reintegro degli ex ribelli e al ritorno della popolazione nelle ex aree di guerra, sta facendo lentamente tornare alla normalità la vita dei congolesi, costretti a gestire un dopoguerra estremamente difficile da soli. Anche a causa del disinteresse della comunità internazionale, la quale non ha mai investito nel disarmo del Congo e in un processo di pace messo velocemente da parte a causa delle altre crisi regionali, prima fra tutte la più che decennale guerra nella vicina Repubblica Democratica del Congo. Per recuperare appieno dalle conseguenze del conflitto, la strada è ancora lunga. Da oggi, però, c'è almeno qualcosa di concreto a cui appoggiarsi.

Matteo Fagotto

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/15906/Congo,+la+strada+della+pace

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori