sabato 9 maggio 2009

Aiuti internazionali ai pirati somali!


Bande di pirati somali vogliono trasformarsi in guardia costiera per combattere se stessi e mediare sui riscatti e cercare di intascare il nuovo flusso di aiuti internazionali, che fanno gola anche alle sedicenti autorità statali locali. Uno scontro dove rischiano di restare intrappolati  gli ostaggi internazionali, compresi gli italiani, ancora nelle mani dei pirati.
Centocinque abbordaggi dall’inizio dell’anno, secondo fonti dell’International Maritime Bureau, ente che si occupa del monitoraggio del fenomeno: gli attacchi nel Golfo di Aden sono raddoppiati rispetto al primo quadrimestre del 2008 e quasi triplicati rispetto allo stesso periodo del 2007.
La pirateria in Somalia è una industria, forse l’unica nel Paese, che muove montagne di denaro, secondo alcune stime 120 milioni di dollari sarebbe l’ammontare dei riscatti pagati lo scorso anno per la liberazione di navi e ostaggi. E, invece, in questi giorni, solo per il rilascio dei marittimi, tra cui 10 italiani, sequestrati sul rimorchiatore Buccaneer della società di Micoperi di Ravenna, la richiesta sarebbe di trenta milioni di dollari. 
Per comprendere il fenomeno della pirateria sono i dollari la chiave di volta. Il denaro in un Paese disastrato da venti anni di guerra intestina è più forte di qualunque ideologia, i pirati non sono fondamentalisti dell’Islam, non perseguono ideali particolari, ma appaiono piuttosto terminali di filiere del crimine che partono dalla Somalia e si ramificano e trovano mercato in piazze importanti come Nairobi e Dubai. 
Per le milizie e i gruppi armati impegnati a contendersi il territorio somalo reperire risorse economiche rimane vitale per comprare kalashnikov e bazooka, patteggiare gli aiuti alimentari e sostenere il proprio clan (n.d.r. il sistema sul quale si basa la società somala). Non sono pirati per tradizione – come in alcune zone del Borneo o dell’Indonesia – non hanno alcuna vocazione marittima, il sequestro di navi è un mestiere alla stregua del commercio di armi, la discarica di rifiuti tossici, la tratta di clandestini, i rapimenti a terra di operatori umanitari e giornalisti, attività lucrose mediante le quali i locali signori della guerra riescono a prosperare e mantenere lo status quo. 
E poi c’è il business più redditizio, quello degli aiuti internazionali, i finanziamenti con i quali l’Occidente cerca di tamponare l’aggravarsi della crisi, un modo per evitare di risolvere alla radice il problema. In Somalia lo sanno bene, e la recrudescenza della pirateria, il clamore internazionale che essa suscita in tutto il mondo, serve anche a far arrivare nuovi aiuti che valgono ben di più delle azioni piratesche.Puntualmente il 23 aprile scorso si è svolta a Bruxellesla conferenza dei paesi donatori per la Somalia, un incontro organizzato dalla Commissione Europea che ha visto la partecipazione anche del segretario generale dell’ONU Ban Ki-Moon, della Lega Araba e dell’Unione Africana, nella quale si è stanziata una cospicua somma di denaro anche in chiave antipirateria. 
Da una richiesta di partenza di 166 milioni di dollari, la cifra è stata aumentata più di un terzo, sino ad arrivare a 213 milioni di dollari (163 milioni di euro) che dovrebbero servire a rafforzare la missione AMISOM (African Union Mission in Somalia), e a sostenere le istituzioni di sicurezza somale, attraverso la creazione di una forza di polizia di 10.000 unità e di un corpo per la sicurezza nazionale di altri 6.000 uomini. 
Ma vi è anche la proposta di creare una Guardia Costiera sotto l’egida del GFT, il governo di transizione somalo, che per ora sembra avere il controllo solo di alcuni quartieri della capitale. 
Questo nuovo flusso di denaro che i donors occidentali dovrebbero devolvere in Somalia non ha lasciato comunque indifferenti gli attori locali, e il rischio è che gran parte del denaro finisca nelle mani dei soliti signori della guerra. Subito dopo le decisioni della conferenza internazionale infatti, nel porto di Harardhere – uno dei più noti tra i covi pirati sulla costa orientale – si è creato spontaneamente un «Comitato di sorveglianza antipirateria» che avrà il compito di contrastare il fenomeno e mediare i riscatti. 
Peccato che tra i suoi membri vi sia anche Sagole Ali, portavoce sino ad oggi dei «Somali Marine» di Eyl (la banda di bucanieri più pericolosa, che più fonti indicano anche come responsabili del sequestro del nostro Buccaneer) legato ad Mohamed Abdi Hayir (Afweyne), influente signore della guerra Habar Gidir (clan della famiglia Hawiye) della regione del Mudug. Afweyne, che il 14 agosto 2006 fu costretto ad abbandonare le città di Eldher e Harardheere a seguito dell’offensiva delle Corti Islamiche in quella regione, sembra essere tornato nuovamente a farsi sentire proprio in corrispondenza della disfatta delle Corti a seguito dell’invasione etiopica del dicembre del 2006. 
I pirati si trasformano in Guardie Costiere dunque? Ciò non deve stupire, perché sono la convenienza e l’opportunità a orientare le attività illecite nel Corno d’Africa. Questa potrebbe essere la chiave di lettura anche per comprendere il netto rifiuto delle sedicenti autorità della regione del Puntland (regione da dove partono quasi tutti gli abbordaggi) ad ogni forma di mediazione con i pirati (e anzi l’offerta di una azione militare) durante la recente missione (3 maggio) del sottosegretario agli Esteri Margherita Boniver per il rilascio degli ostaggi del Buccaneer.
Il governo autoproclamato del Puntland, o meglio le sue strutture amministrative e di polizia che in passato hanno svolto sempre trattative con le bande di pirati - secondo fonti accreditate intascando parte degli illeciti proventi - oggi, invece, è contrario a qualunque accordo e spinge verso una soluzione militare. Un modo di apparire credibile agli occhi della Comunità internazionale e sedersi al banchetto degli aiuti. 
Ad un lifting dell’immagine compromessa ci aveva già provato anche il vecchio presidente del Puntland Ade Muse Boqor che alla vigilia delle elezioni del gennaio 2009 aveva dovuto sostituire in tutta fretta il capo della polizia per sospetta connivenza con i pirati e anche il «sindaco» (leggi capoclan di Eyl) il quale aveva candidamente ammesso a radio Garowe, una delle più seguite nella regione, che 400 poliziotti si erano aggregati alle fila dei pirati.
Il nuovo presidente del Puntland Abdirahaman Mohamed Farole ha costruito tutta la sua campagna elettorale sulla lotta alla pirateria, ed una delle sue prime azioni è stata quella di sostituire nuovamente il capo della polizia, il Generale Gani Mohamed Abdi, accusandolo di corruzione, nominando al suo posto il Colonnello Osman Hassan «Afdalow», ex responsabile della regione del Bari, dove Bosaso funge da capoluogo.
Nel bel mezzo di questi giochi di denaro e di potere ci sono gli ostaggi, tra cui gli italiani del Buccaneer, e poi le centinaia di marittimi che ogni giorno rischiano la vita a bordo delle navi, nonché gli interessi commerciali legati alla navigazione. La meritevole azione della nostra Marina, che in questi giorni con la fregata Maestrale ha salvato per la seconda volta il tanker, Neverland dall’ennesimo abbordaggio, non può essere risolutiva, così come non lo è una soluzione militare pura e semplice. 
I costi per mantenere una flotta in armi al largo della Somalia a lungo andare possono diventare insostenibili anche per una forza internazionale congiunta. Alcuni esperti hanno stimato che sarebbero necessarie più di 500 navi per pattugliare in modo efficace il Golfo di Aden! Senza considerare che oggi lo scenario si allarga a dismisura e gran parte degli abbordaggi vengono portati più a Sud quasi al largo delle Seychelles.
E’ necessaria un’azione politica internazionale congiunta, - non solo militare di peacekeeping con AMISOM - che promuova una mediazione tra tutti gli attori somali comprese le frange radicali, sia in grado di far rispettare l’embargo ONU delle armi e realizzi un piano vero di sviluppo e stabilizzazione della Somalia con aiuti per la costruzione di infrastrutture, ci vuole un sostegno economico che renda conveniente far deporre le armi agli attori in gioco. Solo così si può difendere la libertà di navigazione e di libero commercio e, a conti fatti, conviene anche all’Occidente; altrimenti si rischia di rimanere ostaggi dei pirati o di sedicenti Guardie Costiere..

di Nicolò Carnimeo e Matteo Guglielmo

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori