venerdì 10 aprile 2009

Terremoto:aiuti alle imprese: 800 euro a negozianti e artigiani. Mini-stipendio alle famiglie


Ottocento euro al mese di indennità - in pratica il debutto di quella cassa integrazione «in deroga» prevista dal decreto anti-crisi - per commercianti, artigiani, agricoltori e lavoratori precari rimasti senza lavoro. Un contributo di 400 euro mensili (che sale a 500 in caso di disabili e over 65) per le famiglie sfollate che trovano da sole una nuovo alloggio. E poi il blocco totale di tutte le scadenze (tasse, contributi, bollette, mutui) comprese quelle giudiziarie. Il governo prende tempo sul «decreto Abruzzo» su ricostruzione e lotta allo sciacallaggio, rinviando le scelte pesanti a dopo Pasqua, ma intanto vara una nuova ordinanza per far fronte all’emergenza. Il perché è presto detto. «Stiamo facendo un inventario dei danni ma siamo all’inizio, al momento non c’è nessuna possibilità di stimare quanto sarà necessario alla ricostruzione - ha spiegato ieri in conferenza stampa Silvio Berlusconi -. Di certo saranno necessari diversi miliardi di euro». E tempo, tanto tempo, servirà per ricostruire il centro e gli edifici storici di L’Aquila. 

«Gli interventi saranno più lunghi perché più complessi, di certo non si parla di mesi», ha ammesso il premier. E in serata, lasciando la sua residenza di via del Plebiscito, Berlusconi ha raccontato ai cronisti di essere «a pezzi». «Ho parlato con molte famiglie, ho toccato con mano questa tragedia - ha aggiunto -. E’ una cosa che dà angoscia». In precedenza il presidente del Consiglio aveva assicurato che non c’è un problema di fondi, spiegando che il ministro dell’Economia sta esaminando diverse soluzioni. Parole che raffreddano l’ipotesi di una riedizione in tempi brevi dello scudo fiscale, che sanando i capitali fuggiti all’estero potrebbe fruttare anche 8-10 miliardi. «Non ne abbiamo discusso - ha precisato Berlusconi -. E’ una decisione del G20 che quindi non è ancora così concreta da poter essere fatta nell’immediato». Nell’attesa, il consiglio dei ministri ieri ha assegnato altri 70 milioni di euro alla Protezione civile che portano il totale dei fondi a quota 100 milioni ed autorizzato l’invio in Abruzzo 700 militari da impiegare nei servizi anti-sciacallaggio. 

L’ordinanza prevede inoltre che venga salvaguardata la validità dell’anno scolastico in corso anche se non sarà raggiunta la durata minima di 200 giorni, prevedendo la possibilità per gli studenti di iscriversi in altre scuole della regione ed incentivi per gli insegnanti che recuperano i ritardi con gli straordinari. Per tutti i lavoratori autonomi è stato disposta la sospensione del pagamento dei contributi, mentre i farmacisti potranno consegnare i medicinali a carico del Servizio nazionale senza alcuna formalità a malati acuti e cronici. Quindi vengono sospese per due mesi (prorogabili) le fatture di luce e gas. Altro capitolo riguarda i mutui: il governo ne ha sancito la rinegoziabilità «per cause di forza maggiore» ed in una lettera all’Associazione bancaria il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ha chiesto esplicitamente alle banche di rinviare il pagamento delle rate e di azzerare le commissioni. Idea che l’Abi ha subito accolto, con Mps ed Unicedit che per prime hanno fatto scattare il blocco. Su richiesta del ministro delle Infrastrutture Matteoli gli sfollati che utilizzano la A24 e la A25 non dovranno pagare i pedaggi autostradali, analoga decisione è stata assunta dalle Fs che sino al 31 maggio farà viaggiare gratis i terremotati su tutta la rete nazionale. Anche le società di telefonia, convocate ieri pomeriggio dal ministero dello Sviluppo economico, faranno la loro parte assicurando due mesi di sospensione delle bollette e 30 mila ricariche da 20 euro da distribuire agli sfollati.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori