domenica 19 aprile 2009

Preso Don Mario


Chi era Don Mario, il narcotrafficante arrestato in Antioquia, l'uomo più ricercato della Colombia, e che presto prenderà la via degli States
Era coperto da foglie di palma e da lenzuola. Così lo hanno trovato e ammanettato. Era a Manuel Cuello, una frazione di Turbo, Antioquia, culla di innumerevoli stragi di civili per mano paramilitare in nome della lotta alla guerriglia. Si tratta di Daniel Rendón, alias Don Mario, il narcotrafficante più ricercato della Colombia, ex capo proprio di quei paracos che tanto sangue innocente hanno versato nella regione.Il valzer della smobilitazione. Fino a meno di tre anni fa, infatti, comandava assieme a suo fratello Freddy Rendón, detto El Alemán, tra i blocchi più agguerriti dell'Autodifesa unita della Colomia (Auc), sanguinaria formazione che ha insidiato il paese per decenni. Gli uomini dei fratelli Rendón, però, si erano specializzati nell'atterrire comunità di pace, come quella di San José di Apartadó, o civili inermi in ogni dove tra il Chocó e l'Antioquia, dov'è stato appunto catturato don Mario.
Nonostante dal 2003, molti dei suoi uomini più fedeli, tra cui suo fratello, si fossero lasciati coinvolgere fino in fondo dall'invitante legge uribista Giustizia e Pace, lasciando ufficialmente le armi in cambio di una pena ridotta, Don Mario, dopo un primo avvicinamento al processo di pace, aveva preferito darsi alla clandestinità, continuando a giostrare narcotraffico e rinascente squadrismo reazionario (se mai è morto). Un'onta, questa, per il presidente Uribe che,

pur in pieno scandalo della parapolitica (essendo accusato da più parti di avere rapporti privilegiati con il paramilitarismo che dice di voler combattere), aveva fatto di tutto per ripulire la fedina penale dei paracos facendoli rientrare dalla porta principale duri e puri.

Nel mirino. E così, Don Mario è diventato il principale obiettivo del Das, servizi segreti colombiani, e della Dea Usa, nelle braccia della quale sarà presto estradato, una maniera come un'altra per tappargli la bocca in vista di possibile rielezione.
La fase finale della sua cattura va avanti da due settimane, da quando la polizia lo ha individuato nell'accampamento dove pernottava custodito dal suo anello di sicurezza, cinque uomini armati e addestrati. Camuffati da medici, venditori ambulanti e volontari della chiesa, i poliziotti si sono infiltrati in tutta l'area. Dopo aver catturato Jaime Culma, detto El Puma, uno dei suoi luogotenenti, e Junith Márquez, impiegata nel municipio di San Pedro de Urabá dove si occupava di far avere contratti per favorire la rete di appoggio del narcotrafficante, il più era fatto.
Circondato da duecento uomini, è stato trovato "accucciato come un cane", per usare le parole del vicepresidente Santos, mentre mangiava del riso con le mani.La storia. Nato ad Amalfi (Antioquia) nel 1964, trascorse la sua infanzia in una piccola area rurale, con altri 15 fratelli. Qui, conobbe un'altra famiglia che cambiò il suo destino e per molti versi il destino della Colombia intera: i fratelli Fidel, Vicente e Carlos Castaño Gil, nativi di Amalfi e ben presto coinvolti nella spirale degli squadroni paramilitari delle Autodifesa, che prese forma nel nordest antioqueño e nella zona dell'Urabá con il fine di combattare l'avanzare della guerriglia. Alla fine degli anni Ottanta, suo fratello entrò nel gruppo de Los Guelengues a Necoclí, mentre Don Mario fu reclutato per la guerra a San Pedro de Urabá. Quando Fidel Castaño morì, i fratelli si divisero. El Alemán restò in Urabá con i Castaño e si converti nel puntale di penetrazione dell'inespugnabile dipartimento del Chocó, fondando il fronte Élmer Cárdenas, mentre Don Mario, convinto da Vicente Castaño e dai soldi del narcotraffico si trasferì nello Llanos Orientales, per appoggiare l'espansione del blocco Centauros, al comando di Miguel Arroyave, alisa El Arcangel.

La coppia. Insieme, e con la benedizione dei Castaño, fecero crescere in maniera esponenziale il blocco paramilitare, che arrivò a espandersi fino ai dipartimenti del Meta, Casanare, Guaviare e Arauca. Una nefasta alleanza che estese i suoi tentacoli fino a Bogotá, diventando la base per la creazione del cosiddetto bloque Capital. Poi successo l'irriparabile. Il duo Don Mario-Arroyave entrò in guerra con le Autodefensas Campesinas del Casanare, dirette da Héctor Buitrago, alias Martín Llanos. Fu una guerra alla morte che lasciò un numero altissimo di vittime e che incoronò Don Mario il re de Los Llanos.
Poi arrivò il 2003, e le Auc cominciarono a trattare con il governo. Don Mario fece un doppio gioco: organizzò i quadri per la smobilitazione, senza però disattivare il narcotraffico, e giostrò la lotta di potere che scoppiò nel blocco Centauros dopo che Arroyave venne assassinato dai suoi, nel settembre 2004.
Nell'agosto 2006, assieme al fratello, anche Don Mario decise di smobilitarsi. In pochi, però, lo seguirono e in Urabá le rotte mafiose restarono intatte. Per questo, quando entrò in crisi il processo di pace tra le Auc e il governo, Don Mario tornò alla clandestinità, coperto dalla rete di sempre. Scelse però di tornare alle origini, nascondendosi in Urabá, riorganizzando nuove squadre di paracos che si estesero dal Chocó a La Guajira, passando per Córdoba.Parole di piombo. Solo negli ultimi 18 mesi, sembra abbia fatto uccidere tremila persone nella sua guerra per il potere. Le ultime si sono contate a Medellin, nella sua battaglia contro quel che rimane degli uomini dell'estradato Don Berna.
I tentacoli di Don Mario sono arrivati molto lontano, fino ad abbracciare il fratello del ministro degli Interni, Fabio Valencia, e oltre. Anche per questo sarà estradato quanto prima, nonostante sulla sua testa non penda nessuna causa per narcotraffico, solo cavillo che giustifichi l'estradizione negli Usa. Sarà che Don Mario è scrigno di così tanti segreti eccellenti, che sarà bene per la Presidenza tutta che venga allontanato prima che parli.

di Stella Spinelli
Link: http://it.peacereporter.net/articolo/15213/Cade+l'irriducibile

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori