mercoledì 8 aprile 2009

L'Us 101 rischia l'accantonamento


Il Pentagono dice stop al programma di sviluppo dell’elicottero presidenziale, l’US101 targato Lockeed Martin e AgustaWestland (Finmeccanica). Pur affermando che di un nuovo elicottero presidenziale «c’è senza dubbio bisogno», il ministro della Difesa Robert Gates raccomanda di cancellare il programma, che è in ritardo di sei anni, i cui costi sono divenuti insostenibili e il cui rischio è quello di non rispondere alle potenzialità richieste. 

Di concerto con la Casa Bianca si deciderà la strada da seguire: non sembrerebbe esclusa la possibilità di indire una nuova gara che, comunque, comporterebbe il versamento di penali a favore della società americana e di quella italiana «tali da compensare l’annullamento del contratto attualmente in corso», precisa Finmeccanica in una nota. L’ipotesi di cancellazione del programma VH-71 da parte dell’amministrazione Obama è «solamente un primo passo di un processo di budget particolarmente complesso» e «non ci saranno impatti per il Gruppo dal punto di vista economico-finanziario», precisa Finmeccanica seconda la quale lo stop non è «in alcun modo legato alle caratteristiche tecniche della macchina (la cui eccellenza in termini di prestazioni non è mai stata in discussione), nè al costo della stessa, assolutamente competitivo. 

Possono viceversa aver influito gli incrementi derivati dalle richieste relative ai particolarissimi sistemi ed equipaggiamenti di bordo richiesti dal cliente». I conti del gruppo non subiranno impatti dalla cancellazione - aggiunge la holding di aerospazio e difesa - in quanto «il valore dell’Increment 2, infatti non era stato incluso nell’attuale budget di Finmeccanica e nei piani pluriennali che sono stati redatti ipotizzando l’assenza di questo contratto. Non vi sono quindi variazioni delle guidance economico-finanziarie comunicate al mercato». «Raccomando lo stop dell’elicottero presidenziale VH-71. Questo programma in origine era pensato per fornire 23 elicotteri al costo di 6,5 miliardi di dollari. Oggi il programma ha una stima di costi oltre i 13 miliardi di dollari, è in ritardo di sei anni, e corre il rischio di non poter fornire le capacità richieste», ha spiegato Gates, sottolineando che «alcuni hanno suggerito l’acquisto dell’ opzione Increment One, quella con requisiti minori. Io credo che questa non sia nè consigliabile nè conveniente. Gli elicotteri Increment One non rispondono ai requisiti richiesti e hanno una vita stimata in soli 5-10 anni», cioè decisamente inferiore a quella della flotta attuale che ha una durata di 30-40 anni. 

Il contratto per l’Increment 1, «era stato acquisito nel gennaio del 2005 al valore di circa 3,7 miliardi di dollari (di cui circa 1 miliardo, come quota di competenza di Finmeccanica attraverso la sua controllata AgustaWestland). Questo contratto - spiega la società italiana - prevede lo sviluppo di 9 elicotteri (8 già consegnati) di cui 5 Pilot-production e 4 Test Vehicle e ha validità fino al 2011. Il Congresso ha già autorizzato la copertura finanziaria per l’Increment 1». Il Pentagono «svilupperà in fretta opzioni» per un programma alternativo, destinato a venir finanziato nell’anno fiscale 2011. I costi dell’elicottero presidenziali sono quasi raddoppiati dalla firma della commessa in seguito a una serie di richieste di sicurezza avanzate dalla Marina militare e dal Secret Service, l’agenzia che si occupa della sicurezza del presidente. L’annullamento del contratto per ragioni di costo da parte del Pentagono dovrebbe ora prevedere il versamento di forti penali alle aziende produttrici: secondo le stime di alcuni osservatori, l’ammontare delle penali potrebbe essere di poco inferiore al valore della commessa stessa.

Fonte: la Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori