mercoledì 15 aprile 2009

LA TRUFFA DEGLI AIUTI USA ALLE BANCHE


Gli articoli dei giornali sembrano sorpresi delle cifre che le banche stanno offrendo per i mutui spazzatura che il Segretario al Tesoro Geithner sta ora proponendo di acquistare, dopo avere mobilitato la FED e il Tesoro per trasferire altri fondi pubblici alle banche. I titoli bancari salgono, sollevando dunque il Dow Jones Industrial Average, come se l'”industria finanziaria” fosse davvero parte dell'economia industriale.

Perchè sono i peggiori colpevoli, come Bank of America (proprietaria ora dei truffatori della Countrywide) e Citibank, i più grandi compratori? Come maggiori abusatori e impacchettatori dei CDO [Collateralized debt obligations], non dovrebbero essere nella migliore posizione per vedere quanto i loro mutui spazzatura siano privi di valore?

E' proprio qui la chiave di tutto! Ovviamente il governo non è riuscito a proteggersi, non lo ha fatto deliberatamente e intenzionalmente, in modo che le banche tirassero fuori l'ennesima truffa.

Ipotizzate che una banca sieda su un pacchetto da 10 milioni di dollari di collateralized debt obligations (CDO) che è stato messo assieme, ad esempio, dalla Countrywide usando mutui spazzatura. Data l'alta percentuale di frodi (e un recente studio di Fitch ha scoperto che ogni pacchetto esaminato era pieno di frodi finanziarie), questo pacchetto potrà valere al massimo 2 milioni di dollari, dal momento che il fallimento incombe sui “mutui bugiardi” di tipo Alt-A e sui mutui subprime per i quali persino i broker dei mutui mentivano nel compilare i moduli per gli sfortunati contraenti o per i quali gli operatori deliberatamente prestavano molto più di quanto valevano le proprietà, e intascavano la differenza.

La banca ora offre 3 milioni di dollari per ricomprarsi questo mutuo. Che diavolo, più offrono più ottengono dal governo! Perchè allora non offrire 5 milioni? (In pratica banche in rapporti amichevoli tra loro potrebbero offrire denaro l'una per i CDO spazzatura dell'altra). Il governo, cioè l'ingenua FDIC mette l'85% dei 5 milioni per comprarli, dunque 4250000 dollari. La banca deve solo mettere il 15%, cioè 750000 dollari.

Qui è la rapina per come la vedo io. Per una spesa di 750000 dollari la banca toglie dal suo bilancio mutui per 2 milioni, per i quali riceve anche 4250000 dollari. Guadagna il doppio del valore dei mutui spazzatura. 

Più la banca proprietaria dei mutui spazzatura mette per questi rifiuti tossici, più il governo dovrà pagare per la sua parte dell'85%. Perciò la strategia è strapagare, strapagare e strapagare. Pagare il 15% è un prezzo basso per far mettere al governo l'85% e ripulire i bilanci dai titoli spazzatura tossici. 

Questo è il libero mercato all'opera, secondo la finanza.
di Michael Hudson 
Michael Hudson è un ex economista di Wall Street. E' Distinguished Research Professor presso la University of Missouri, Kansas City (UMKC), è autore di molti libri, compreso Super Imperialism: The Economic Strategy of American Empire (nuova ed., Pluto Press, 2002). Può essere contattato all'indirizzo mail mh@michael-hudson.com .

Titolo originale: "How the Scam Works "

Fonte: http://www.counterpunch.org

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori