martedì 14 aprile 2009

Jobs lavora a un nuovo gadget


SUBITO una precisazione: ci apprestiamo a scrivere di rumor, ragionando quindi su semplici indiscrezioni. Ma ne vale la pena perché al centro si trova un nuovo misterioso prodotto della Apple e perché stavolta a parlare di una prossima, possibile, creatura della casa di Cupertino è il Wall Street Journal

Ecco la novità del giorno. Il 54enne Steve Jobs, che per curarsi ha ceduto fino al 30 giugno il comando dell'azienda a Tim Cook (e secondo il WSJ non vede l'ora di ritornare al lavoro), non se ne sta certo con le mani in mano. Tutt'altro. Il fondatore della Apple - scrive il Wall Street Journal - sta seguendo personalmente diversi progetti tra cui quello di una nuova periferica definita dal giornale "più piccola di un portatile ma decisamente più grande di un iPhone o un iPod touch". Non male, se si pensa a tutto quello che già sono in grado di fare i due popolari dispositivi. 

Ma andiamo con ordine. Tempo fa proprio Jobs aveva detto che il mercato dei netbook - i mini notebook con prezzi generalmente al di sotto dei 400 euro - non era fatto per la Apple. Questa la sostanza, confermata nei fatti. Tant'è che finora il prodotto pensato nel segno della massima portabilità, il Macbook Air, non accetta compromessi nell'hardware e quindi nemmeno nel prezzo visto che costa 1700 euro. 

La strada potrebbe essere un'altra, anche più suggestiva. Tanto per cominciare: la Apple di recente si è confermata per il quinto anno consecutivo l'azienda più innovativa del pianeta, secondo la classifica redatta da BusinessWeek in collaborazione con il Boston Consulting Group. Come potrebbe smentirsi proprio adesso? Proviamo quindi a immaginare questo nuovo prodotto aiutandoci anche con le libere creazioni dei designer della rete e con quanto si desume dalle tracce che gli appassionati sono certi di aver scovato tra le righe di codice del software della mela.Le ipotesi su questa "cosa" potrebbero convergere e prendere forma di un oggetto che al momento non esiste: una sintesi di alto profilo stilistico-operativo tra un notebook e un tablet pc, ovviamente nel segno del touchscreen. Un oggetto dalla portabilità estrema, una sorta di tavoletta da usare in punta di dita per fare molte cose: navigare, scrivere, videochattare, giocare e, volendo, anche telefonare. Il tutto con il sistema operativo, OSX, più vicino all'iPhone che non ai Mac. 

E ancora: dall'Oriente arrivano altre voci di una fornitura di videocamere da 3,2 megapixel (di cui dovrebbero essere dotati i nuovi iPhone previsti per questa estate) e, pare, di un'altra di camere da 5 megapixel destinata a un nuovo dispositivo che sarebbe in rampa di lancio prima di Natale. Che si tratti proprio di questo table-netbook? Mai dire mai. 

Segnali di questo dispositivo misterioso, tra l'altro, si troverebbero anche nel firmware prossimo venturo dell'iPhone, il 3.0, dato in arrivo per giugno. Insomma, come si dice in questi casi, non resta che aspettare. Quanto al prezzo (sempre che le indiscrezioni vengano confermate), meglio non farsi illusioni: la specialità di Apple è quella di spostare in avanti i limiti dell'innovazione. Che, come si sa, non va poi tanto d'accordo col low-cost. 

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori