giovedì 9 aprile 2009

I fedeli cattolici contro la Santa amata dai narcos


Una strana manifestazione si è svolta nei giorni scorsi nella piazza principale di Città del Messico, capitale messicana. Decine di persone fedeli al culto della Santa Muerte hanno inneggiato alla libertà di culto e protestato a gran voce il loro dissenso nei confronti di chi, come avvenuto nelle scorse settimane, colpisce i loro simboli per discriminarli."E' una discriminazione religiosa" si leggeva nello striscione dei manifestanti che nello Zocalo puntavano il dito contro le autorità ecclesiastiche e politiche messicane. "Protestiamo perchè vogliamo che i nostri diritti vengano rispettati e così anche i nostri santuari. Il govenro e le autorità di pubblica sicurezza credono che noi siamo dei narcotrafficanti, delinquenti o addirittura una setta. Questa però non è la verità", racconta uno dei manifestanti fiero di farsi vedere sotto lo striscione di protesta.
La Santa Muerte o come spesso viene definita Niña Blanca è un culto che spesso viene associato alla delinquenza e in generale i suoi adepti sono in gran parte associati alle organizzazioni dedite al narcotraffico o ad altri traffici illeciti. Ma i particolari fedeli accusano le autorità municipali e federali di Nuevo Laredo di aver distrutto moltissime cappelle dedicate alla Santa Muerte. Una in particolare, quella posta al chilometro 22 della strada che porta a Monterrey, sembra potesse dare una cattiva immagine alla città e per questo è stata rasa al suolo.Prostitute, spacciatori, assassini e ladri: secondo la maggioranza dei fedeli cattolici sono queste persone a far parte del culto della Santa Muerte. Persone che non hanno trovato posto all'interno della religione intesa in modo classico. Ma loro si sentono solo uomini e donne che credono in un qualcosa di superiore, extra-terreno. "All'interno della comunità che crede nella Santa Muerte ci sono tutti i tipi di persona. Vorremmo che si rispettasse di più il loro diritto a seguire una qualsiasi religione" dice un po sfiduciata e impaurita Graciela Huerta, che della Santa Muerte è una fervente seguace. Così come lo è Josè Silva, transessuale devotissimo, che ci tiene a spiegare come non si tratti di una setta satanica. "Non siamo né mafiosi né satanisti. A me la Santa Muerte ha protetto la famiglia e mi ha anche fatto un miracolo".
Insomma, i fedeli cristiano cattolici, la maggioranza in Messico, non vedono di buon occhio i seguaci della Santa Muerte che ritengono essere fedeli di serie B. ma devono anche fare i conti con la Costituzione messicana che garantisce a tutti la libertà di culto. Uno scontro religioso che andrà avanti ancora per lungo tempo.

di Alessandro Grandi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori