venerdì 10 aprile 2009

Brasile: addestramenti sospetti


Foz do Iguaçu, il cuore della tripla frontiera Brasile-Paraguay-Argentina, crocevia di loschi traffici di ogni ordine e grado, è stata per due giorni teatro di un addestramento militare senza precedenti da parte dei militari brasiliani della Marina. In particolare l'esercitazione si è basata sulla riconquista di installazioni strategiche e sul riscatto di prigionieri. Nome dell'operativo: Restrex S-1/2009.Addestramenti sospetti. Elicotteri, aerei e 250 soldati delle truppe speciali e antiterrorismo hanno lavorato in uno scenario fittizio nei dintorni della Capitaneria fluviale del rio Paraná.
In particolare, si sono presentati membri del Comando delle operazioni navali, il Comando del Quinto distretto navale, la Squadra di negoziazione distrettuale e il Gruppo speciale ripresa e riscatto del Battaglione delle operazioni speciali dei fucilieri navali. A questi si sono aggiunti una portaerei UH-12 ed elicotteri.
Nonostante questa esercitazione di massa si sia tenuta nel più stretto riserbo, alla larga da occhi indiscreti e senza contatto con la società civile, richiama l'attenzione il fatto che sia avvenuta proprio nella regione della Tripla Frontiera, dove, a detta degli Stati Uniti, vengono finanziate addirittura attività terroristiche. Una simile mobilitazione, ma con minor affluenza di uomini, si è avuta soltanto nel dicembre 2008, pochi mesi fa. L'obiettivo, ha spiegato ai mass media il capitano di fregata Ricardo Dondeo, è addestrare i militari ad affrontare le più disparate situazioni in un'area tanto calda.La reazione. Ma, di fronte a tanto dispiego di forze brasiliane, qualcuno ha storto la bocca. Il governo del Paraguay, capitanato dall'ex vescovo Fernando Lugo, ha protestato vivamente. "Questo tipo di manovre non contribuisce a sviluppare relazioni di fiducia e rispetto tra i due popoli che si spartiscono un medesimo spazio geografico", recita un comunicato della cancelleria di Assuncion. Inoltre, questa mobilitazione "alla nostra frontiera non è stata annunciata alle autorità locali", continua la nota, rivelando che il ministero degli Esteri paraguaiano chiederà spiegazioni a Brasilia.

"Questo tipo di operazione militare - aggiungono da Assuncion - genera ogni tipo di speculazione che si contrappone allo spirito che deve esserci in un progetto di integrazione com'è il Mercosur", la cui presidenza semestrale è adesso proprio nelle mani del Paraguay. Non è certo la prima volta che il vicino di casa del Brasile protesta per improvvisate manovre militari fatti sul filo del confine paraguaiano. Fernando Lugo, il 21 novembre scorso, espresse personalmente il diniego del suo governo per uno sconfinamento di militari brasiliani durante l'ennesimo addestramento, ribadendo che non un fatto simile non avrebbe dovuto più ripetersi. L'episodio riguardò trenta soldati verde-oro che con carri armati e veicoli di artiglieria entrarono nel dipartimento paraguaiano di Canindeyú.

 

Stella Spinelli

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/15113/Brasile,+manovre+pericolose

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori