venerdì 6 febbraio 2009

Un documento filmato sulle questioni irrisolte della Terrasanta

Vi presentiamo un documento filmato sulle questioni irrisolte della Terrasanta, un lavoro giornalistico televisivo di esemplare chiarezza. È andato in onda il 25 gennaio 2009 su una delle ammiraglie del giornalismo televisivo americano, la trasmissione “60 minutes” della CBS. La rete di traduttori Tlaxcala ha aggiunto i sottotitoli in italiano. Il taglio è finalmente oggettivo, il tema dei territori palestinesi occupati assume una sua concreta corporeità, la troupe è andata dove doveva andare, non si sente quel maledetto veleno della propaganda che ci inquina ovunque l’informazione mainstream metta mano a questa vicenda.

I neocon sono andati in letargo, e comincia a emergere l’impensabile: qualche sprazzo di verità, qualche risveglio in tv. La fase letargica continua tuttavia nel mainstream nostrano.
 
I costi di un reportage come questo, seppure con una squadra attrezzata di tutto punto, i viaggi, i documenti di repertorio, sarebbero stati alla portata della Rai. Ovviamente la Rai non ha prodotto nulla di simile, pur avendone i mezzi. Non l’ha fatto nemmeno Pandora, ma questa i mezzi non ce li ha, per ora. Perciò è importante averli. Per chi crede nella forza dell’informazione.
 
Quindi cosa succede? Per la gran gioia di chi ama il web, si moltiplicano i siti che meritoriamente riprendono il video. Come Luogocomune, Mirumir e tanti altri. Alla fine, centinaia di migliaia di italiani vedranno il filmato. Saranno però milioni, tante volte di più, a non vederlo mai. Non potranno essere raggiunti in modo diretto.
 
Nel frattempo, sia come sia, invitiamo a vedere e a diffondere questo programma. È un buon punto di partenza per capire che la questione israeliana e palestinese terrà ancora banco. Abbiamo detto che l’inchiesta è «sulle questioni irrisolte della Terrasanta». In realtà emerge una cosa più preoccupante: che forse si tratta di «questioni “irrisolvibili”», di fronte alle quali si pongono vari tentativi di soluzione, ognuno a suo modo capace di distruggere perfino i pessimi equilibri esistenti, con costi umani su scala più vasta e tragedie storiche. Pulizia etnica, apartheid, democrazia da “una testa un voto” sono altrettante "soluzioni distruttive". I filosofi avrebbero un esempio concreto per spiegare il concetto di “aporia”. Di certo 12 minuti di buon giornalismo ci spronano a non abbruttirci al punto di accontentarci delle spiegazioni correnti.
 
Buona visione. 


di Pino Cabras - Megachip

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori