venerdì 13 febbraio 2009

Russia: scacco al Re


Il Kirghizistan chiude l'ultima base statunitense nella regione.Dietro le quinte del tanto reclamizzato disgelo tra Usa e Russia avviato dal nuovo corso di Obama, le due superpotenze sono impegnate in una serrata, quanto discreta, partita a scacchi per il predominio dell'Asia centrale, del Caucaso e non solo.

Da un cortile di casa... Mentre il presidente russo Dimitri Medvedev garantiva la "piena collaborazione" di Mosca a sostegno dello sforzo bellico di Washington in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno ricevuto un inaspettato ordine di sfratto, inappellabile, per la loro base aerea di Manas, in Kirghizistan: principale retrovia logistica della guerra in Afghanistan, operativa dal 2001. La clamorosa decisione del presidente kirghizo Kurmanbek Bakiyev - che tollerava la base Usa solo perché gli fruttava 150 milioni di dollari all'anno - è arrivata dopo che Medevedev ha garantito al piccolo alleato centroasiatico aiuti per oltre 2 milioni di dollari. L'accorto presidente russo non poteva certo non prevedere le conseguenze di questa mossa, e d'altronde Mosca chiedeva da tempo a Washington di porre termine alla sua presenza militare 'temporanea' nel suo 'cortile di casa'. Una decisione "deplorevole", ha commentato il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton. Per le operazioni belliche Usa in Afghanistan, già in difficoltà dopo la chiusura della retrovia meridionale pachistana, dover abbandonare del tutto anche quella settentrionale centroasiatica (nel 2005 gli Usa erano stati sloggiati anche dalla base uzbeca di Karshi-Khanabad) è un vero problema. La soluzione, a questo punto, è obbligata: aprire al più il corridoio militare alternativo di cui si parla da tempo, quello via Georgia-Mar Caspio-Turkmenistan/Uzbekistan.

...all'altro. A ben vedere, lo 'sgarbo' russo agli Usa in Kirghizistan è la risposta alla ben più 'sgarbata' (dal punto di vista russo) decisione statunitense di aprire ben due basi militari Usa in Georgia, ovvero in casa del più acerrimo nemico di Mosca. Lo scorso 9 gennaio, a margine della firma della 'Carta di partnership strategica tra Stati Uniti e Georgia', gli emissari del Pentagono hanno avviato negoziati con il governo di Mikheil Saakashvili per l'apertura di una base navale a Poti, sul Mar Nero, e di una base aera a Marnueli, a sud di Tbilisi. Una mossa che porta il marchio dell'amministrazione uscente Bush, ma anche del ministro della Difesa Robert Gates e del capo del CentCom David Petraeus, entrambi ancora in carica. La reazione del Cremlino a questo affronto non si è limitata allo sgambetto agli Usa in Kirghizistan. Nei giorni scorsi Medevedev ha annunciato la nascita della Forza di Reazione Rapida della Csto, l'alleanza militare che - finora solo sulla carta, ma ora non più - raggruppa Russia, Bielorussia, Armenia, Kirghizistan, Kazachistan, Uzbechistan e Tagikistan: "Questa forza, creata in risposta all'accumulo di un considerevole potenziale di conflitto nella regione, respingerà aggressioni, compirà operazioni speciali e combatterà il terrorismo, al pari della Forza di Reazione Rapida della Nato". La Russia ha annunciato che metterà sul piatto una divisione e una brigata, ovvero 15-20 mila uomini. Più che una partita a scacchi, sembra una partita a Risiko.

di Enrico Piovesana

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori