venerdì 6 febbraio 2009

Puglia,orgoglio di civiltà


Nessuna delazione da parte dei medici di base pugliesi. «Altrimenti non potranno sottoscrivere l´accordo con la Regione». La Puglia sceglie la linea dura sulla vicenda delle cure mediche ai clandestini irregolari. «Nei prossimi giorni - spiega da Roma l´assessore alla Sanità, Alberto Tedesco - convocheremo un apposito comitato con i medici di base nel quale spiegheremo che alla base dell´accordo deve esserci una regola per cui chi sottoscrive la convenzione si deve impegnare a non denunciare mai i clandestini irregolari di cui eventualmente si farà carico». 

La Regione nei mesi scorsi aveva approvato in consiglio regionale una legge diametralmente opposta a quella votata ieri dal Senato: se da una parte, infatti, lo Stato chiede oggi ai medici di denunciare alla forze di polizia i clandestini che si rivolgono loro per essere curati, dall´altra il consiglio regionale pugliese (con l´astensione di parte dell´opposizione) aveva deciso che nel territorio pugliesi gli immigrati irregolari non solo possono accedere gratuitamente e anonimamente alle cure di medicina d´urgenza, ma hanno diritto anche (a carico della Regione) al medico di base. «Questo per curare anche le malattie croniche - aveva detto il presidente della Regione, Nichi Vendola - per lavorare sulla prevenzione e soprattutto per dare a tutti la stessa possibilità di curarsi. Il diritto alla salute non può avere certo un passaporto». «La legge approvata dal Governo - spiega ora l´assessore alla Sanità, Alberto Tedesco - è pericolosissima perché permette e anzi stimola la creazione di una rete sanitaria occulta, illegale e alternativa. In Puglia questo non potremo permetterlo». «In questo decreto legge - attacca il governatore Vendola - vi sono norme che contrastano platealmente con i fondamenti di uno Stato di diritto, vi sono gravissimi cedimenti alle pulsioni razziste e xenofobe che sono tornate a circolare liberamente nel dibattito politico, vi sono lesioni davvero insopportabili ai principi che fondano la civile convivenza e il rispetto della dignità umana. Siamo a una legislazione parafascista, fondata sulla criminalizzazione dei poveri e sulla legittimazione di una idea di giustizia intesa come vendetta e come affare privato». «Le "ronde padane" - continua il presidente pugliese - sono una immagine che spezza e deturpa la nostra cultura democratica. L´idea che un medico, in barba al giuramento di Ippocrate, debba farsi investigatore e poi delatore di un malato che risulti clandestino; e poi la schedatura dei clochard; e poi le multe pesanti per i graffitari. Siamo davvero dinanzi ad un salto nel buio». D´accordo con la posizione della Regione sono i medici pugliesi.
Il vice presidente dell´Ordine e segretario della Fimmg (la Federazione dei medici di Medicina generale), Filippo Anelli va giù duro: «Questa legge è incompatibile con il nostro codice deontologico: chi segnala un clandestino alla magistratura fa qualcosa che potrebbe provocargli anche problemi disciplinari. Il compito del medico è soltanto quella curare l´immigrato. In Puglia abbiamo lottato tanto per una sostanziale uguaglianza tra gli immigrati clandestini e certo non faremo un passo indietro». «Tra l´altro - continua Anelli - una norma del genere è pericolosissima per tutti: io ho l´ambulatorio pieno di immigrati, clandestini e non, ammalati di tubercolosi. Se cominciano ad avere paura di curarsi, è una tragedia per tutti».
di Giuliano Foschini

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori