lunedì 16 febbraio 2009

Misteri e biodiversità dei mari


Le acque gelide dell'Artide e dell'Antartide pullulano di vita: sono abitate da migliaia di creature marine. Nei mari del Polo Nord e del Polo Sud vivono 235 specie identiche, una scoperta che ha sorpreso gli esperti, convinti finora che la fauna nelle due regioni fosse del tutto diversa. Non solo: a dispetto delle temperature, le profondità dell'Antartide sono la "culla" dove nascono e si sviluppano nuovi esemplari, che poi migrano verso nord. Questi sono solo alcuni dei risultati a cui sono giunti gli scienziati che partecipano al "Censimento della vita marina", un'iniziativa che riunisce 500 studiosi da 25 Paesi diversi, insieme per rivelare i segreti della vita sotto i mari, studiarne la biodiversità e registrarne i cambiamenti. Un progetto vasto e senza precedenti, che sta mettendo ordine in quest'immenso panorama anche grazie alla creazione di un registro delle specie, e le cui scoperte verranno svelate nella loro interezza a ottobre del 2010. Intanto, però, ecco i primi risultati che fanno luce sui misteri degli abissi. 

Ci sono 11mila chilometri di distanza tra i due oceani polari e fino ad oggi gli scienziati pensavano che le acque tiepide dei Tropici fossero una barriera per gli spostamenti di gran parte degli animali, fatta eccezione per le balene grigie o alcuni tipi di uccelli migratori. Le spedizioni degli esperti del "Censimento" invece hanno rilevato che esistono almeno 235 specie marine - crostacei, lumache di mare, meduse - che vivono sia in Artide che in Antartide (sono in corso le analisi del Dna per un'ulteriore conferma). Esemplari che ben sopportano un freddo rigidissimo: il "Chionodraco hamatus", ad esempio, vive al Polo Sud, a temperature in cui il sangue degli altri pesci si congelerebbe. Queste rivelazioni aprono scenari interessanti per i ricercatori, che ora si interrogano sulle origini di questi animali e su come siano finiti agli antipodi della Terra. Le prove raccolte dimostrerebbero che per alcuni di loro, amanti del freddo, gli spostamenti sono stati causati dall'innalzamento della temperatura dei mari. 
Un'altra sorpresa per i biologi è stata scoprire che i mari polari sono una ricchezza per la biodiversità. Ci abitano moltissime specie: ce ne sono 5.500 in Artide, 7.500 in Antartide, metà delle quali non si trovano in nessun altro luogo della Terra. "Non sono affatto dei deserti. Anzi, ospitano una gran varietà e quantità di animali", spiega Ian Poiner, membro del comitato del Censimento. A colpire i ricercatori è stato soprattutto il Polo Sud: grazie ad alcune tecniche molecolari gli scienziati sono arrivati alla conclusione che, durante milioni di anni, lì si sono sviluppate forme di vita che oggi si trovano nelle zone marine più settentrionali del mondo. Si tratta quindi di una "incubatrice" ghiacciata che, secondo quanto ipotizzano, regolarmente apporta nuove specie, come ragni di mare e crostacei. 

Le spedizioni hanno anche lo scopo di monitorare l'evoluzione di questi ecosistemi: registrano gli effetti del global warming sulla distribuzione, sul numero e sulla diversità degli esemplari. Tra i cambiamenti più rilevanti che sono stati osservati c'è la tendenza delle specie più piccole ad aumentare nei mari artici, mentre quelle più grandi stanno diminuendo. Le ragioni sono oscure, ma è certo che questo avrà molte implicazioni sulla catena alimentare. Sono ancora molti gli argomenti al vaglio degli esperti e tanti sono i misteri da svelare. Come dice Poiner, "l'uomo sta iniziando solo ora a capire la natura di questi mari". Appuntamento, quindi, all'autunno del 2010. 
di CHIARA BRUSA GALLINA

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori