venerdì 26 dicembre 2008

Federal Reserve sets Stage for Weimar-style Hyperinflation

The Federal Reserve has bluntly refused a request by a major US financial news service to disclose the recipients of more than $2 trillion of emergency loans from US taxpayers and to reveal the assets the central bank is accepting as collateral. Their lawyers resorted to the bizarre argument that they did so to protect 'trade secrets.' Is the secret that the US financial system is de facto bankrupt? The latest Fed move is further indication of the degree of panic and lack of clear strategy within the highest ranks of the US financial institutions. Unprecedented Federal Reserve expansion of the Monetary Base in recent weeks sets the stage for a future Weimar-style hyperinflation perhaps before 2010.

On November 7 Bloomberg filed suit under the US Freedom of Information Act (FOIA) requesting details about the terms of eleven new Federal Reserve lending programs created during the deepening financial crisis.

The Fed responded on December 8 claiming it's allowed to withhold internal memos as well as information about 'trade secrets' and 'commercial information.' The central bank did confirm that a records search found 231 pages of documents pertaining to the requests.

The Bernanke Fed in recent weeks has stepped in to take a role that was the original purpose of the Treasury's $700 billion Troubled Asset Relief Program (TARP). The difference between a Fed bailout of troubled financial institutions and a Treasury bailout is that central bank loans do not have the oversight safeguards that Congress imposed upon the TARP. Perhaps those are the 'trade secrets the hapless Fed Chairman,Ben Bernanke, is so jealously guarding from the public.

Coming hyperinflation?

The total of such emergency Fed lending exceeded $2 trillion on Nov. 6. It had risen by an astonishing 138 percent, or $1.23 trillion, in the 12 weeks since Sept. 14, when central bank governors relaxed collateral standards to accept securities that weren't rated AAA. They did so knowing that on the following day a dramatic shock to the financial system would occur because they, in concert with the Bush Administration, had decided to let it occur.

On September 15 Bernanke, New York Federal Reserve President, Tim Geithner, the new Obama Treasury Secretary-designate, along with the Bush Administration, agreed to let the fourth largest investment bank, Lehman Brothers, go bankrupt, defaulting on untold billions worth of derivatives and other obligations held by investors around the world. That event, as is now widely accepted , triggered a global systemic financial panic as it was no longer clear to anyone what standards the US Government was using to decide which institutions were 'too big to fail' and which not. Since then the US Treasury Secretary has reversed his policies on bank bailouts repeatedly leading many to believe Henry Paulson and the Washington Administration along with the Fed have lost control.

In response to the deepening crisis, the Bernanke Fed has decided to expand what is technically called the Monetary Base, defined as total bank reserves plus cash in circulation, the basis for potential further high-powered bank lending into the economy. Since the Lehman Bros. default, this money expansion rose dramatically by end October at a year-year rate of growth of 38%, has been without precedent in the 95 year history of the Federal Reserve since its creation in 1913. The previous high growth rate, according to US Federal Reserve data, was 28% in September 1939, as the US was building up industry for the evolving war in Europe.

By the first week of December, that expansion of the monetary base had jumped to a staggering 76% rate in just 3 months. It has gone from $836 billion in December 2007 when the crisis appeared contained, to $1,479 billion in December 2008, an explosion of 76% year-on-year. Moreover, until September 2008, the month of the Lehman Brothers collapse, the Federal Reserve had held the expansion of the Monetary Base virtually flat. The 76% expansion has almost entirely taken place within the past three months, which implies an annualized expansion rate of more than 300%.

Despite this, banks do not lend further, meaning the US economy is in a depression free-fall of a scale not seen since the 1930's. Banks do not lend in large part because under Basle BIS lending rules, they must set aside 8% of their capital against the value of any new commercial loans. Yet the banks have no idea how much of the mortgage and other troubled securities they own are likely to default in the coming months, forcing them to raise huge new sums of capital to remain solvent. It's far 'safer' as they reason to pass on their toxic waste assets to the Fed in return for earning interest on the acquired Treasury paper they now hold. Bank lending is risky in a depression.

Hence the banks exchange $2 trillion of presumed toxic waste securities consisting of Asset-Backed Securities in sub-prime mortgages, stocks and other high-risk credits in exchange for Federal Reserve cash and US Treasury bonds or other Government securities rated (still) AAA, i.e. risk-free. The result is that the Federal Reserve is holding some $2 trillion in largely junk paper from the financial system. Borrowers include Lehman Brothers, Citigroup and JPMorgan Chase, the US's largest bank by assets. Banks oppose any release of information because that might signal 'weakness' and spur short-selling or a run by depositors.

Making the situation even more drastic is the banking model used first by US banks beginning in the late 1970's for raising deposits, namely the acquiring of 'wholesale deposits' by borrowing from other banks on the overnight interbank market. The collapse in confidence since the Lehman Bros. default is so extreme that no bank anywhere, dares trust any other bank enough to borrow. That leaves only traditional retail deposits from private and corporate savings or checking accounts.

To replace wholesale deposits with retail deposits is a process that in the best of times will take years, not weeks. Understandably, the Federal Reserve does not want to discuss this. That is clearly also behind their blunt refusal to reveal the nature of their $2 trillion assets acquired from member banks and other financial institutions. Simply put, were the Fed to reveal to the public precisely what 'collateral' they held from the banks, the public would know the potential losses that the government may take.

Congress is demanding more transparency from the Federal Reserve and US Treasury on its bailout lending. On December 10 in Congressional hearings by the House Financial Services Committee , Representative David Scott, a Georgia Democrat, said Americans had 'been bamboozled,' slang for defrauded.

Hiccups and Hurricanes

Fed Chairman Ben S. Bernanke and Treasury Secretary Henry Paulson said in September they would meet congressional demands for transparency in a $700 billion bailout of the banking system. The Freedom of Information Act obliges federal agencies to make government documents available to the press and public.

In early December the Congress oversight agency, GAO, issued its first mandated review of the lending of the US Treasury's $700 billion TARP program (Troubled Asset Relief Program). The review noted that in 30 days since the program began, Henry Paulson's office had handed out $150 billion of taxpayer money to financial institutions with no effective accountability of how the money is being used. It seems Henry Paulson's Treasury has indeed thrown a giant 'tarp' over the entire taxpayer bailout.

Further adding to the troubles in the world's former financial Mecca, the US Congress, acting on largely ideological grounds, shocked the financial system when it refused to give even a meager $14 billion emergency loan to the Big Three automakers-General Motors, Chrysler and Ford.

While it is likely that the Treasury will extend emergency credit to the companies until January 20 or until the newly elected Congress can consider a new plan, the prospect of a chain -reaction bankruptcy collapse of the three giant companies is very near. What is being left out of the debate is that those three companies account for a combined 25% of all US corporate bonds outstanding. They are held by private pension funds, mutual funds, banks and others. If the auto parts suppliers of the Big Three are included, an estimated $1 trillion of corporate bonds are now at risk of chain-reaction default. Such a bankruptcy failure could trigger a financial catastrophe which would make what has happened since Lehman Bros. appear as a mere hiccup in a hurricane.

As well, the Federal Reserve's panic actions since September, by their explosive expansion of the monetary base, has set the stage for a Zimbabwe-style hyperinflation. The new money is not being 'sterilized' by offsetting actions by the Fed, a highly unusual move indicating their desperation. Prior to September the Fed's infusions of money were sterilized, making the potential inflation effect 'neutral.'

Defining a Very Great Depression

That means once banks begin finally to lend again, perhaps in a year or so, that will flood the US economy with liquidity in the midst of a deflationary depression. At that point or perhaps well before, the dollar will collapse as foreign holders of US Treasury bonds and other assets run. That will not be pleasant as the result would be a sharp appreciation in the Euro and a crippling effect on exports in Germany and elsewhere should the nations of the EU and other non-dollar countries such as Russia, OPEC members and, above all, China not have arranged a new zone of stabilization apart from the dollar.

The world faces the greatest financial and economic challenges in history in coming months. The incoming Obama Administration faces a choice of literally nationalizing the credit system to insure a flow of credit to the real economy over the next 5 to 10 years, or face an economic Armageddon that will make the 1930's appear a mild recession by comparison.

Leaving aside what appears to have been blatant political manipulation by the present US Administration of key economic data prior to the November election in a vain attempt to downplay the scale of the economic crisis in progress, the figures are unprecedented. For the week ended December 6 initial jobless claims rose to the highest level since November 1982. More than four million workers remained on unemployment, also the most since 1982 and in November US companies cut jobs at the fastest rate in 34 years. Some 1,900,000 US jobs have vanished so far in 2008.

As a matter of relevance, 1982, for those with long memories, was the depth of what was then called the Volcker Recession. Paul Volcker, a Chase Manhattan appendage of the Rockefeller family, had been brought down from New York to apply his interest rate 'shock therapy' to the US economy in order as he put it, 'to squeeze inflation out of the economy.' He squeezed far more as the economy went into severe recession, and his high interest rate policy detonated what came to be called the Third World Debt Crisis. The same Paul Volcker has just been named by Barack Obama as chairman-designate of the newly formed President's Economic Recovery Advisory Board, hardly grounds for cheer.

The present economic collapse across the United States is driven by the collapse of the $3 trillion market for high-risk sub-prime and Alt-A home mortgages. Fed Chairman Bernanke is on record stating that the worst should be over by end of December. Nothing could be farther from the truth, as he well knows. The same Bernanke stated in October 2005 that there was 'no housing bubble to go bust.' So much for the predictive quality of that Princeton economist. The widely-used S&P Schiller-Case US National Home Price Index showed a 17% year-year drop in the third Quarter, trend rising. By some estimates it will take another five to seven years to see US home prices reach bottom. In 2009 as interest rate resets on some $1 trillion worth of Alt-A US home mortgages begin to kick in, the rate of home abandonments and foreclosures will explode. Little in any of the so-called mortgage amelioration programs offered to date reach the vast majority affected. That process in turn will accelerate as millions of Americans lose their jobs in the coming months.

John Williams of the widely-respected Shadow Government Statistics report, recently published a definition of Depression, a term that was deliberately dropped after World War II from the economic lexicon as an event not repeatable. Since then all downturns have been termed 'recessions.' Williams explained to me that some years ago he went to great lengths interviewing the respective US economic authorities at the Commerce Department's Bureau of Economic Analysis and at the National Bureau of Economic Research (NBER), as well as numerous private sector economists, to come up with a more precise definition of 'recession,' 'depression' and 'great depression.' His is pretty much the only attempt to give a more precise definition to these terms.

What he came up with was first the official NBER definition of recession: Two or more consecutive quarters of contracting real GDP, or measures of payroll employment and industrial production. A depression is a recession in which the peak-to-bottom growth contraction is greater than 10% of the GDP. A Great Depression is one in which the peak-to-bottom contraction, according to Williams, exceeds 25% of GDP.

In the period from August 1929 until he left office President Herbert Hoover oversaw a 43-month long contraction of the US economy of 33%. Barack Obama looks set to break that record, to preside over what historians could likely call the Very Great Depression of 2008-2014, unless he finds a new cast of financial advisers before Inauguration Day, January 20. Required are not recycled New York Fed presidents, Paul Volckers or Larry Summers types. Needed is a radically new strategy to put virtually the entire United States economy into some form of an emergency 'Chapter 11' bankruptcy reorganization where banks take write-offs of up to 90% on their toxic assets, that, in order to save the real economy for the American population and the rest of the world. Paper money can be shredded easily. Not human lives. In the process it might be time for Congress to consider retaking the Federal Reserve into the Federal Government as the Constitution originally specified, and make the entire process easier for all. If this sounds extreme, perhaps revisit this article in six months again.

By F. William Engdahl,

http://www.engdahl.oilgeopolitics.net/Financial_Tsunami/Hyperinflation/hyperinflation.html

Regali e crisi


L'articolo vincitore dalla Scuola media Barsanti di Lucca
La vetrina del negozio è vestita a festa e io sono lì, in bella vista. Le persone si fermano, mi ammirano, ma probabilmente non mi possono comprare. Non hanno soldi. Dicono che è la crisi. E' la sera della vigilia di Natale, ormai le strade sono deserte. Tutti a casa propria, a festeggiare. Il proprietario sta per chiudere, quando entra un uomo, molto ben vestito: giacca e pantalone neri, s'intravede anche una camicia, delle più costose. Una cravatta scende lungo il suo corpo. Sicuramente è un uomo ricco, ma ha molta fretta. Si sarà dimenticato del regalo alla moglie e deve riparare. Chiede al proprietario l'oggetto esposto in vetrina. Io. 

Vengo raccolto delicatamente e poggiato sul tavolino, sopra un morbido panno di velluto. Sto comodo lì, sono contento di poter rallegrare una persona. Ormai sono al buio, ma mi sento impacchettare da due mani esperte. Il negoziante dice il prezzo. 15000 €. L'uomo storce il naso, il prezzo è aumentato rispetto all'anno precedente. Chiede spiegazioni, il venditore ribatte parlando della crisi che sta colpendo i negozi, è costretto ad aumentare i prezzi se vuole sopravvivere. Il signore si convince, sento il rumore della macchina che emette lo scontrino. Ora ho cambiato proprietà. 

L'uomo esce dal negozio, sento tremolare il suo respiro. E' freddo. La portiera sbatte, poi un caldo mi rallegra. Sono in macchina, sto andando a casa. Saranno passati dieci minuti, siamo un po' in periferia. Purtroppo ho la vista tappata, ma mi rendo conto che sono in una villa abbastanza importante, perché ad aprire la porta è una voce che chiama l'uomo "signore" e si congeda, dicendo che è la notte di Natale. Penso sia la cameriera. 
Il "signore" la saluta, passandole una busta. Forse è la sua tredicesima. La donna ringrazia, accennando alla crisi, dicendo che potrà estinguere i debiti fatti per l'avvento di Gesù. Ancora questo momento di difficoltà è sulla bocca di tutti. E' già la terza volta in un giorno. 

Entro in casa, vengo posato da qualche parte. Per circa 3 ore resto dimenticato da tutti e tutto. Mi sento demoralizzato, ma quando due mani morbide mi prendono e mi cominciano a scartare, il sorriso torna sul mio... volto. Sono pronto ad essere ammirato in tutto il mio splendore. Intravedo la luce, poi un viso. E' una donna, come prevedevo. Con parole cortesi ringrazia il marito, ma solo io, nel momento in cui mi ha visto, ho potuto notare la smorfia di disappunto: desiderava un gioiello ancora più prezioso, forse. Sono un braccialetto bellissimo, d'oro puro, con i diamanti incastonati, ma la donna non è lo stesso contenta. E' proprio vero, il Natale è solo un modo per ricevere regali. Neanche la crisi economica di cui tutti parlano sembra ristabilire lo spirito autentico di questa festa.
di TOMMASO BERNABO'

MIGRANTI NEGLI STATI UNITI, L’ANNO CHE SI CHIUSE IL RUBINETTO

Il 2008 si chiude con un triste record negli Stati Uniti. La deportazione di 154.000 migranti messicani e centroamericani. E’ il 46% in più del 2007 e il 2009 potrebbe essere un anno tragico. Secondo alcune stime fino a tre milioni di messicani emigrati negli Stati Uniti, travolti dalla crisi del neoliberismo e dal fallimento del Trattato di libero commercio, potrebbero essere indotti a tornare a casa, senza sapere a far cosa.
Sono pubblici i dati dell’ICE, Servizio immigrazione e dogane degli Stati Uniti d’America per l’anno 2008 e fanno rabbrividire. Potrebbero riempire tre grandi stadi il numero di persone espulse con la forza dal paese ancora governato da George W Bush che ha sempre usato il rubinetto dell’immigrazione come strumento di controllo sociale. 

Quando le cose vanno bene, l’immigrazione, soprattutto latina, è tollerata perché serve a calmierare il costo del lavoro con l’ingresso di mano d’opera precaria e spesso clandestina. Quando le cose vanno male si scatenano i Minutemen (versione hard texana delle ronde padane) e i migranti vengono gettati via come fazzoletti usati.

E quest’anno di fazzoletti usati ne sono stati smaltiti in quantità. Al primo posto stanno come sempre i messicani, con 82.000 lavoratori espulsi. Al secondo posto i guatemaltechi, con 26.000 espulsioni immediatamente seguiti dagli honduregni con 25.000. Quindi ci sono 17.000 migranti di El Salvador e via via gli altri paesi.

I numeri di quest’anno potrebbero però impallidire rispetto alle attese per il 2009. Fino ad un quarto di tutti gli immigrati messicani negli Stati Uniti, tre milioni di lavoratori su dodici milioni, potrebbero lasciare il paese confinante per tornare a casa come conseguenza della crisi economica. 

Il Messico che con il Trattato di libero commercio del primo gennaio 1994 (il giorno della sollevazione zapatista) proclamava di entrare nel primo mondo, scopre definitivamente di essere stato usato dall’economia statunitense. Le conseguenze di quel trattato sono infatti colossali e tutte negative. Al primo posto c’è la distruzione dell’agricoltura del paese incapace di competere con quella iperassistita degli Stati Uniti. Questa ha causato lo svuotamento delle campagne messicane e l’immigrazione di massa di quasi un milione di messicani ogni anno ed è tra le concause dell’esplosione del narcotraffico che solo quest’anno ha causato oltre 5.000 morti.

L’economia messicana, legata mani e piedi a quella statunitense, addirittura l’84% dell’export messicano va negli Stati Uniti, è completamente ferma ed è quella che cresce meno di tutto il continente con una previsione di appena un +0.5% per il 2009. Il paradosso è che mentre nella passata campagna elettorale statunitense tutti i candidati, Obama, Clinton e in maniera diversa perfino McCain, erano per rivedere il NAFTA, l’unico difensore duro e puro di questo resta il presidente messicano Felipe Calderón.

Il Messico desolato dalla guerra civile strisciante del narcotraffico affronta l’inizio del 2009 temendo lo tsunami del ritorno dei migranti “USA e getta”. Nel silenzio della politica il Cardinale primate Norberto Rivera ha ritenuto necessario usare parole di speranza invitando a pensare che le conseguenze saranno meno catastrofiche di quello che si teme. Ma forse neanche lui riesce a crederci.

di Gennaro Carotenuto

fonte www.gennarocarotenuto.it

La questione tedesca torna al centro dell'Europa

Per gentile concessione dell'importante rivista on-line Stratfor.com pubblichiamo qui di seguito la traduzione, a nostra cura, di un ottimo articolo recentemente comparso sulla questione tedesca, alla luce del nuovo rapporto fra Russia e Occidente che si va configurando dopo il breve conflitto nel Caucaso.
Consideriamo molto importante che una pubblicazione del mondo anglosassone torni ad occuparsi di questo problema centrale della storia europea contemporanea e abbiamo molto apprezzato l'approccio dell'articolo, in quanto esso attualizza in modo chiaro e obiettivo le diverse componenti (geopolitiche, militari ed economiche) del problema tedesco.
Ci auguriamo che la diffusione di queste problematiche anche in Italia faciliti una comprensione più profonda del nostro presente e del recente passato. Buona lettura.



La Questione Tedesca di George Friedman
www.stratfor.com - 6 ottobre 2008
(traduzione italiana per www.clarissa.it a cura di G. Colonna)

La rinascita russa
Il cancelliere tedesco Angela Merkel si è recata a Mosca la scorsa settimana per incontrare il presidente russo Dimitri Medvedev. La questione centrale sul tappeto è la posizione della Germania sull'allargamento della Nato, con particolare riguardo all'Ucraina ed alla Georgia. La Merkel ha chiarito, nel corso della conferenza stampa congiunta, che la Germania si opporrà ad una partecipazione di entrambi questi Paesi alla Nato ed anche all'avvio di un loro processo di integrazione nella Nato. Dato che quest'ultima opera sulla base del principio del consenso generale, qualsiasi Stato membro può bloccare qualunque candidatura all'ingresso nella organizzazione.
Il fatto che la Merkel e la Germania abbiano chiuso la porta è di notevole rilievo. La Merkel ha agito in piena consapevolezza del punto di vista americano ed è preparata a resistere a qualsiasi pressione americana che potrebbe derivarne. È il caso di ricordare che la Merkel può essere considerata il politico più filo-americano della Germania e forse il cancelliere più filo-americano da anni. Inoltre, in quanto proveniente dalla Germania dell'Est, nutre una profonda preoccupazione nei confronti della Russia. Ma la realtà conta più delle sue personali inclinazioni. Più di qualsiasi altro Paese, la Germania non vuole alienarsi gli Stati Uniti. Ma è nella condizione di fronteggiare qualunque pressione possa provenire dall'America.

Dipendenza energetica e spesa militare
In un certo senso, le ragioni della posizione della Merkel sono semplici. La Germania dipende pesantemente dal gas naturale della Russia. Se le sue forniture fossero tagliate, la situazione della Germania diventerebbe disperata, al punto che qualsiasi distinguo diventerebbe accademico. La Russia potrebbe decidere di non tagliare le sue esportazioni di gas naturale, ma la Merkel ha a che fare con un interesse fondamentale della Germania e metterlo a rischio a causa della partecipazione della Ucraina e della Georgia alla Nato non è una cosa che è disposta a fare.
La Merkel non può fare affidamento sulla moderazione della Russia in una questione del genere, in modo particolare in un momento in cui i Russi sembrano di cattivo umore. La Germania ovviamente sta guardandosi intorno alla ricerca di fonti alternative di energia per il futuro e in cinque anni la sua dipendenza dalla Russia potrebbe non essere più così rilevante. Ma cinque anni sono un periodo troppo lungo per restare in apnea e la Germania non può riuscirci.
La mossa tedesca però non riguarda soltanto il gas naturale. La Germania considera l'ossessione americana per l'espansione della Nato semplicemente come non confacente ai suoi interessi.
In primo luogo perché non ha senso estendere la garanzia Nato all'Ucraina ed alla Georgia. La Nato e gli Usa non hanno le risorse militari necessarie a proteggere l'Ucraina e la Georgia e incorporarle nell'alleanza non accrescerebbe la sicurezza europea. Dal punto di vista militare, la partecipazione alla Nato di due ex-repubbliche sovietiche è un gesto inutile, mentre, dal punto di vista politico, Berlino lo considera destinato a irritare i Russi, senza un chiaro obiettivo.
Inoltre, qualora la Nato fosse pronta a proteggere l'Ucraina e la Georgia, tutti i Paesi della Nato, Germania compresa, sarebbero costretti ad aumentare significativamente le proprie spese militari. Si tratta di una cosa che né la Germania né il resto della Nato sono intenzionati a fare.
L'ultimo aspetto, ma forse il più importante, sta nel fatto che la Germania ha trascorso il periodo 1945-1992 quale principale campo di battaglia potenziale della Guerra Fredda e quello 1992-2008 non essendolo più. La Germania ovviamente ha preferito questa seconda fase e non intende essere trascinata in una nuova Guerra Fredda a nessun costo. Il che ha profonde implicazioni per il futuro sia della Nato che delle relazioni fra Germania e Stati Uniti.
La Germania si trova così nel bel mezzo di una crisi strategica nella quale deve prendere delle decisioni fondamentali, per comprendere le quali è necessario capire il problema geopolitico della Germania e le decisioni che essa ha assunto nel passato.

Il problema geopolitico della Germania
Fino al 1871, la Germania era frammentata in una dozzina di piccoli Stati (regni, ducati, principati, ecc.) che includevano anche i resti del Sacro Romano Impero. Il mondo di lingua tedesca era dilaniato da tensioni interne e dalle continue manipolazioni ad opera di potenze straniere.
La parte sud-orientale del mondo germanico, l'Austria, era il centro dell'Impero asburgico, un'entità multinazionale. Era un impero cattolico e interferiva continuamente nelle vicende delle regioni cattoliche della Germania, in particolare della Baviera. La Francia interveniva continuamente nella regione Renana e manovrava gli equilibri di potere fra gli Stati tedeschi. La Russia incombeva ad est, dove si trovava di fronte la maggiore potenza protestante tedesca, la Prussia (all'epoca, la Polonia era divisa fra Prussia, Russia e Austria-Ungheria). La Germania era perennemente vittima della grandi potenze, una condizione per tentare di correggere la quale la Prussia impiegò quasi tutto il mezzo secolo che intercorre fra Waterloo (1815) e l'unificazione tedesca (1871).
Per unificare la Germania, la Prussia dovette fare assai più che egemonizzare i tedeschi. Dovette combattere ben due guerre. La prima, nel 1866, contro l'Impero Asburgico, che la Prussia annientò in sette settimane, ponendo termine all'influenza asburgica in Germania e riducendo definitivamente il ruolo dell'Austria Ungheria al ruolo di un partner minore della Germania. La seconda, nel 1870-1871, quando la Prussia diresse una coalizione degli Stati tedeschi che annientò la Francia. Questa disfatta pose fine all'influenza francese nell'area renana e diede alla Prussia lo spazio nel quale creare una moderna Germania unificata. La Russia, che era lieta di vedere sia l'Austria Ungheria che la Francia uscire sconfitte e che considerava la Germania come un cuscinetto contro un'altra invasione da parte francese, non cercò di arrestare il processo di unificazione tedesco.
L'unificazione tedesca mutò la dinamica europea. In primo luogo creando una grande nazione nel cuore dell'Europa, tra Francia e Russia. Unita, la Germania era economicamente dinamica e la sua crescita surclassò quella della Francia e della Gran Bretagna. Inoltre, essa divenne una potenza navale, sviluppando una forza consistente che poteva sfidare almeno in parte l'egemonia navale britannica. Diventò una delle maggiori potenze esportatrici, strappando dei mercati all'Inghilterra ed alla Francia. Alla ricerca di spazi di manovra, la Germania cominciò a guardare ad est verso la Russia. In sintesi, la Germania diventò più che una nazione, diventò un problema geopolitico.
Il problema strategico della Germania era che se la Francia e la Russia avessero attaccato contemporaneamente la Germania, con i suoi porti sottoposti al blocco navale inglese, avrebbe perso e sarebbe ripiombata nel caos precedente al 1871. Dato l'interesse francese, russo e britannico a disgregarla, la Germania doveva partire dal presupposto che questo attacco si sarebbe verificato. Di conseguenza, dal momento che i tedeschi non potevano combattere simultaneamente su due fronti, essi avevano bisogno di combattere una guerra preventiva, attaccando e sconfiggendo prima o la Francia o la Russia e rivolgendo quindi tutta la propria forza contro il secondo avversario, il tutto prima che il blocco navale inglese potesse iniziare a causarle danni consistenti. La sola possibile difesa da parte della Germania consisteva quindi in un'offensiva in due fasi che appariva complessa da orchestrare come un balletto e che sarebbe stata catastrofica in caso di fallimento.
Nella prima guerra mondiale, eseguendo il piano Schlieffen, i tedeschi attaccarono dapprima la Francia, mentre si limitavano a contenere i Russi. Il piano prevedeva per prima cosa di occupare le coste della Manica e Parigi, prima che la Gran Bretagna potesse entrare in gioco e prima che la Russia potesse mobilitare completamente, e subito dopo mettere fuori combattimento la Russia. Il piano fallì nel 1914, con la prima battaglia della Marna, e, invece di una folgorante vittoria, la Germania si impantanò in una guerra su più fronti che costò la vita a milioni di uomini e si protrasse per anni. La Germania riuscì nondimeno a vincere la guerra di logoramento, spingendo gli Stati Uniti all'intervento per strappare la possibile vittoria a Berlino.
Nella Seconda Guerra Mondiale, i tedeschi avevano imparato la lezione per cui, invece di cercare di attaccare la Russia, stipularono un trattato con i sovietici che garantiva loro le spalle, spartendosi la Polonia con l'Unione Sovietica. I sovietici furono d'accordo poiché ritenevano che le forze di Hitler avrebbero attaccato la Francia e si sarebbero impantanate lì come nella Prima Guerra Mondiale. A quel punto i russi avrebbero attaccato a occidente, dopo che il bagno di sangue avrebbe prosciugato le risorse del resto dell'Europa. I tedeschi li sorpresero, sconfiggendo la Francia in sei settimane e rivolgendosi quindi contro di loro. Il fronte russo si trasformò però in un bagno di sangue senza fine e ancora una volta gli americani diedero il loro aiuto per infliggere il colpo finale alla Germania.
Conseguenza della guerra fu la divisione della Germania in tre parti (un'Austria indipendente, la Germania ovest occupata dagli occidentali e la quella orientale occupata dai sovietici). La Germania occidentale ancora una volta si trovava di fronte il problema della Russia. La sua parte orientale era occupata, quella occidentale non poteva difendersi da sola. Si trovò integrata in un sistema di alleanze, la Nato, dominato dagli americani e destinato a bloccare i sovietici. La Germania est e quella ovest sarebbero servite da principale campo di battaglia in caso di un attacco sovietico, con i mezzi corazzati sovietici a fronteggiare i corazzati, l'aviazione e le armi tattiche nucleari americane. Per i tedeschi la Guerra Fredda fu probabilmente la più pericolosa di tutte le guerre precedenti. Infatti, se fosse scoppiato il conflitto, qualunque fosse stato il suo esito, la Germania aveva ottime possibilità di venir annientata.
D'altra parte, la Guerra Fredda appianò le tensioni franco-tedesche che erano metà del problema strategico della Germania. Infatti, uno dei sottoprodotti della Guerra Fredda è stato l'emergere della Comunità Europea, diventata poi Unione Europea, il che ha significato l'unione e l'integrazione economica con la Francia che, insieme all'integrazione militare nella Nato, garantiva la crescita economica e la fine di ogni minaccia da occidente contro la Germania. Per la prima volta da secoli, il Reno non era più a rischio, la Germania meridionale era al sicuro e, una volta che l'Unione Sovietica si era disintegrata, non c'era più alcuna minaccia da est.

Finalmente unita e sicura?
Per la prima volta da secoli, la Germania era unita e militarmente sicura. Ma, dietro questa apparenza, i tedeschi hanno conservato la loro primordiale paura di essere presi in mezzo fra Francia e Russia. Berlino ha capito che questo timore è lontano dall'essere un dato di fatto; non è altro che un problema teorico, per il momento. Ma i tedeschi sanno anche quanto rapidamente le cose possono cambiare. Su di un certo piano, il problema non è altro che la focalizzazione economica dell'Unione Europea rispetto a quella geopolitica della Russia. Ma, ad un livello più profondo, la Germania si è trovata, come sempre, presa in mezzo tra le esigenze potenzialmente in contrasto della Russia rispetto a quelle dell'Occidente. Anche se il problema è oggi piccolo, non ci sono garanzie che non possa diventare più grande.
Questo è il contesto nel quale la Germania ha seguito la guerra russo-georgiana in agosto. Berlino ha visto non soltanto gli Stati Uniti evolvere verso delle relazioni ostili con la Russia, ma anche la Gran Bretagna e la Francia seguirne i passi.
Il presidente francese Nicolas Sarkozy, a cui è toccato in sorte di tenere la presidenza a turno della UE proprio in quel momento, è andato a Mosca a negoziare il cessate il fuoco in rappresentanza dell'Unione Europea. Quando è sembrato che i russi non volessero rispettare i termini dell'accordo, la Francia è diventata duramente critica nei confronti della Russia e pronta ad appoggiare un qualche tipo di sanzioni durante il vertice della UE sulla Georgia. Con la Gran Bretagna ancor più irremovibile, la Germania ha visto delinearsi all'orizzonte il peggior scenario possibile: ha compreso che la gradevole sicurezza del mondo post Guerra Fredda è giunto al termine e che deve elaborare una nuova strategia nazionale.
Dal punto di vista tedesco, il riemergere dell'influenza russa nell'ex Unione Sovietica potrebbe essere qualcosa che era possibile bloccare ancora negli anni Novanta, ma nel 2008 è inevitabile. I tedeschi hanno capito che le relazioni economiche con l'ex Unione Sovietica (e non solamente i loro aspetti energetici) hanno creato una complementarietà fra la Russia ed il suo ex impero. Le affinità naturali e la potenza russa rendono una sfera di influenza russa, anche se non formalmente strutturata, inevitabile. Questa è una realtà emergente che non può essere ribaltata.
La Francia ha la Polonia e la Germania fra sé e la Russia. L'Inghilterra ha queste più il Canale della Manica e gli Stati Uniti hanno questo più l'Oceano Atlantico. Quanto più si è lontani dalla Russia, tanto più tranquillamente si può sfidare Mosca. Ma la Germania ha solo la Polonia come cuscinetto. Per qualsiasi nazione che voglia seriamente opporsi alla potenza russa, la prima questione è come garantire la sicurezza dei Paesi baltici, un luogo vulnerabile saliente a nord della Polonia. La risposta potrebbe essere la dislocazione di forze Nato nei Paesi baltici ed in Polonia, e Berlino comprende che la Germania diventerebbe sia la base logistica per queste forze che il loro fornitore di truppe. Ma l'aspirazione tedesca a mandare truppe in Polonia e nei Paesi baltici è stata già soddisfatta. Non è un compito che i tedeschi hanno più voglia di assumere.

Riflettere sulla storia tedesca
Riteniamo che la Merkel sappia anche altro; cioè a dire che tutte queste ipotesi su ciò che sarà o non sarà possibile (che i Russi osino attaccare i Paesi baltici) sono estremamente incerte. Nulla nella storia tedesca potrebbe convincere un tedesco ragionevole che un'azione militare per raggiungere obiettivi nazionali è impensabile. Né i tedeschi sono preparati a rintuzzare il riemergere di una potenza militare russa. La Germania nel 1932 era stata economicamente e militarmente disintegrata. Nel 1938 era la maggiore potenza in Europa. Fintantoché gli ufficiali tedeschi e la base delle conoscenze tecniche tedesche restavano intatti, il recupero poteva avvenire velocemente.
L'Unione Sovietica ha collassato nel 1991 e la sua potenza militare è andata in frantumi. Ma,  proprio come nel caso della Germania di Weimar, il corpo ufficiali della Russia è rimasto relativamente intatto e il Kgb, il cuore dello Stato sovietico, è restato intatto, anche se sotto altro nome. Lo stesso vale per la base tecnologica che ha reso l'Unione Sovietica una potenza globale. Come la Germania dopo entrambe le guerre mondiali, la Russia era nel caos, ma i suoi pezzi sono rimasti, in attesa della ricostruzione. I tedeschi non sono pronti a contrastare la capacità della Russia di rigenerarsi: conoscono la propria storia troppo bene per fare questo.
Se la Germania fosse stata pronta a unirsi a quanti chiedono l'espansione della Nato, il primo passo verso lo scontro con la Russia sarebbe stato fatto. Il secondo sarebbe quello di garantire la sicurezza degli Stati baltici e della Polonia. Gli Stati Uniti si limiterebbero a parlare, ma la Germania dovrebbe fornire le truppe. Dopo aver speso la maggior parte del secolo scorso a combattere o a prepararsi a combattere contro i russi, i tedeschi hanno dato un'occhiata alla condizione dei loro alleati e si sono tirati fuori.
I tedeschi vedono il loro impegno economico rivolto all'Unione Europea, il che li collega alla Francia e questo non è un legame che possano o vogliano rompere. Ma l'Unione Europea non garantisce loro alcuna forza politica o militare in relazione alla Russia. Al di fuori dell'economia, l'Unione Europea è solo una società che discute (debating society). La Nato, come istituzione nata per resistere alla Russia, è in una avanzato stato di decadenza. Per farla risorgere, la Germania dovrebbe pagare un costo economico troppo elevato. E, se pagasse questo prezzo, ne ricaverebbe in gran parte un rischio strategico.
Così, mentre la Germania resta impegnata nelle sue relazioni economiche con l'Occidente, non intende assumere impegni militari contro la Russia ora. Se gli americani vogliono mandare truppe per proteggere i baltici o la Polonia, sono i benvenuti. La Germania non fa obiezioni, né ha niente da obiettare alla presenza di francesi e britannici lì. Infatti, una volta che queste forze fossero impegnate, la Germania potrebbe riconsiderare la sua posizione. Ma, dal momento che un significativo spiegamento di forze militari non sembra possibile a breve, la Germania considera le grandi affermazioni degli Usa sull'allargamento della Nato come la semplice bravata di una Washington in realtà pronta a rischiare assai poco.

La Nato dopo il cambiamento tedesco
Quindi la Merkel è andata a S. Pietroburgo e ha detto ai russi che la Germania non favorirà l'espansione della Nato. Oltre a ciò, la Germania almeno implicitamente ha detto ai russi che essi hanno mano libera nell'ex Unione Sovietica per quanto riguarda la Germania, una affermazione che non costa nulla a Berlino, dal momento che i Russi ce l'hanno già. Ancora più importante il fatto che la Merkel ha fatto presente alla Russia ed all'Occidente che questa volta non intende essere presa in trappola tra le ambizioni occidentali e la potenza russa. Non intende ricreare la situazione delle due guerre mondiali o della Guerra Fredda, per cui Berlino intende restare economicamente vicina alla Francia e vuole accordarsi con la Russia.
I tedeschi così bloccheranno le ambizioni della Nato, un fatto che rappresenta un cambiamento drammatico nell'alleanza occidentale. Questo cambiamento in effetti è rimasto implicito per un certo periodo ed è toccato al conflitto russo-georgiano di rivelarlo.
La Nato non ha un effettivo potere militare da proiettare a oriente ed esso non potrebbe essere creato senza il determinante contributo tedesco, che non è disponibile. Il cambiamento tedesco lascia i Paesi baltici esposti ed estremamente preoccupati, ovviamente. Lascia anche i polacchi nella loro tradizionale condizione di dover fare affidamento su Paesi lontani per garantire la propria sicurezza. Nel 1939 Varsavia faceva affidamento sull'Inghilterra e la Francia; oggi dipende dagli Stati Uniti. Come nel 1939, queste garanzie sono labili, ma è tutto quello che ha la Polonia.
Gli Stati Uniti hanno la possibilità di piazzare un ombrello nucleare sopra i Paesi baltici e l'Europa orientale, che garantirebbe un intervento nucleare contro la Russia nel caso di un attacco in quell'area. Ma se questa era la garanzia prestata all'Europa occidentale durante la Guerra Fredda, sembra inverosimile che gli Stati Uniti siano pronti ad una guerra globale termonucleare per l'Estonia. Una simile garanzia da parte degli Stati Uniti ai Paesi baltici e dell'Europa orientale semplicemente non potrebbe costituire una minaccia credibile.
L'altra opzione potrebbe essere un massiccio invio di forze americane, o via mare attraverso le acque della Danimarca o attraverso i porti e le autostrade di Francia e Germania, presumendo che Francia e Germania permettano che le loro infrastrutture siano utilizzate a questo scopo. Ma questa opzione al momento è accademica. Gli Stati Uniti non possono che spiegare forze simboliche anche se volessero. Per il momento, la Nato è quindi una entità che produce proclami, non una alleanza militarmente funzionante, nonostante o forse proprio a causa del loro spiegamento in Afghanistan.
Tutto nella storia tedesca ha portato a questo. Il Paese è unito e vuole essere sicuro: non svolgerà il ruolo a cui fu costretto durante la Guerra Fredda, né giocherà un poker geopolitico come ha fatto nella prima e nella seconda guerra mondiale. E questo significa che la Nato è permanentemente e profondamente lesionata. La questione tedesca si trasforma quindi ora nella questione russa: se la Germania è fuori dal gioco, cosa si deve fare con la Russia?
di Gaetano Colonna

L'eroe disarmato


Dal mensile di Novembre 2008 la storia di Valentin Gobosov, il direttore del carcere di Tskhinval che ha salvato la vita ai detenuti del suo istituto

L'Eroe Disarmato

Quando arriva, la Guerra cala la sua ombra di morte e distruzione. A volte punta con precisione agli obiettivi, altre volte, come a Tskhinval, agisce a caso, corre per le strade e colpisce a occhi bendati. Sul campo di battaglia rimangono i corpi, le macerie e un gran silenzio. Si comincia a fare la conta, a vedere in quanti si è rimasti e poi vengono fuori i nomi degli "eroi", di quelli che si sono distinti nella battaglia, di quelli che hanno combattuto strada per strada per difendere la propria gente. Il tenente colonnello Valentin Gobozov è un eroe che ha salvato molte vite. Ma non combattendo.La sua è una figura sottile e slanciata, ha due baffi ben disegnati, racchiusi da due rughe espressive che lasciano immaginare i sorrisi sul suo volto austero. I suoi occhi nocciola attraversano l'interlocutore e non ha bisogno di alzare la voce, consumata dal fumo, per dettare i comandi. Gobozov è il direttore del carcere di Tskhinval.

Nella notte tra il 7 e l'8 di agosto, alle 4 del mattino, Gobozov si alza di scatto dal letto. Una pioggia di missili grad sta cadendo sulla città. L'esercito georgiano, appostato sulle colline a sud e ovest di Tskhinval, sta scaricando l'artiglieria pesante sugli edifici del quadrante meridionale, dove si trova anche il carcere. Dopo aver messo la famiglia al sicuro, Gobozov prende il suo fuoristrada, una Lada, e corre verso la prigione. Non è molto lontana da casa sua, ma il tragitto gli sembra lunghissimo. Deve pensare ai suoi 88 "ospiti", o "pazienti", come li chiama lui. Sa che non c'è tempo da perdere e che non vi è possibilità di consultare le autorità governative per decidere sul da farsi. Sarà lui stesso ad aprire le celle e a liberare le 8 donne e gli 80 uomini detenuti nell'istituto, destinati a una morte quasi certa, una morte da topi.Gobozov non ha pensato alle conseguenze disciplinari che avrebbero potuto colpirlo, ha pensato alla vita di quegli uomini e quelle donne a cui lui ha cercato di dare maggior dignità da quando è diventato responsabile del carcere, nel maggio del 2007. Nel primo giorno da direttore, ha chiesto alle guardie carcerarie di avere un rapporto il più umano possibile con i detenuti; e ai detenuti di rivolgersi a lui per ogni richiesta o esigenza.
Solo dopo che l'Armata Rossa è arrivata in città respingendo i georgiani a sud del confine de facto con la repubblica sud-osseta, Gobozov ha potuto cominciare a preoccuparsi dei suoi "pazienti". È ritornato nel carcere fantasma, con le porte delle celle ancora spalancate. Insieme al suo staff ha esaminato i danni procurati all'edificio dai bombardamenti. Ha trasmesso un rapporto al ministero di Giustizia, ha telefonato agli ospedali di Tskhinval e Vladikavkaz, la capitale dell'Ossezia del Nord, per avere notizie di prigionieri che eventualmente fossero rimasti feriti o, peggio ancora, morti nei giorni di guerra.Con sua grande sorpresa, il mattino del 15 agosto, mentre si trova nel suo ufficio, arrivano alla spicciolata 40 dei suoi "ospiti" pronti a rientrare in carcere. Gobozov non crede ai suoi occhi, non sperava in una cosa del genere.
Il tenente colonnello può essere definito a pieno titolo un uomo tutto d'un pezzo. E ancora una volta, con grande freddezza, parla a questi "uomini d'onore" spiegando loro che l'edificio, cui manca acqua, elettricità e gas, non è pronto ad accoglierli e a garantire un "soggiorno" umano. Senza crederci troppo, li invita a pazientare un'altra settimana, il tempo necessario per ripristinare i servizi essenziali. Prende questa decisione, ancora una volta, senza consultarsi con il ministero di Giustizia.
Il 21 agosto, in piazza a Tskhinval, c'è il maestro Valery Gergiev con l'Orchestra di San Pietroburgo. Il concerto di Requiem per le vittime della guerra lampo, segna ufficialmente, per la capitale sud-osseta, il ritorno alla vita normale.
Gobozov, quando lo racconta, non riesce a trattenere la sua incredulità e nemmeno il suo orgoglio. Perché dopo una settimana esatta dal 15 agosto, all'indomani del concerto in piazza, i detenuti ritornano ancora una volta. Lui li ringrazia uno per uno ammettendo che non aveva speranze in un evento del genere, ma che mai si è pentito per la scelta fatta la notte tra il 7 e l'8 di agosto.Quando il 17 settembre ci siamo incontrati nel suo ufficio, il direttore aveva sulla scrivania la lista stampata dei quaranta rientrati. Sotto, a penna, altri sette che si erano aggiunti nelle due settimane seguenti e poi ancora, in basso a destra, il nome di altri dieci scritti a matita, che gli avevano telefonato, chiedendo di mandare qualcuno a Vladikavkaz a prenderli. Erano andati in Ossezia del Nord con i pulmini dei rifugiati nel campo profughi allestito ad Alagir, ma quando hanno tentato di rientrare sono stati respinti alla frontiera perché privi di documenti.
Nella lista di Gobozov c'era un detenuto, che era entrato in carcere il 20 marzo del 2007 e che finirà di scontare la sua pena il 10 ottobre 2027. "Nessuno di loro - dice il direttore - è rientrato sperando in una diminuzione della pena, o meglio ancora in un'amnistia, perché sanno che io non ho il potere per fare ciò". A suo dire, presto rientreranno altri "pazienti". "Cinque sono all'ospedale di Vladikavkaz per le ferite subite durante gli scontri; ci stiamo organizzando per recuperare quei dieci che hanno telefonato dall'Ossezia del Nord. Per quanto riguarda gli altri, ho interrotto le ricerche. Anche perché ho saputo che più di uno ha preso le armi per combattere i georgiani."
Nicola Sessa

LA DISPUTA DI ALICE E BABBO NATALE

Babbo Natale, il golem buono e trasversale del consumo natalizio, è una figura demoniaca dei nostri tempi, che contribuisce alla deformazione e al pervertimento di solito irrimediabile delle più giovani generazioni.

Se si osa dire questa banale verità, si viene accusati di voler privare tali giovani generazioni della magia dell'infanzia. 

Vorrei proprio sapere cosa avrebbe di magico questa sorta di facchino per conto della GD (Grande Distribuzione), la cui magia consiste nel far comparire merci; cosa avrebbe di magico la sua fabbrica di giocattoli dove non si sciopera mai; o il suo costume indossato per le vie commerciali da decine o centinaia di replicanti immigrati e precari. 

Babbo Natale porta addosso poi il segno più chiaro dell'artificialità: il moralismo. Creatura imposta dai genitori ai figli, che aiutano a stilare le famigerate Lettere a Babbo Natale, la sua funzione più evidente è quella ricattatoria Babbo Natale arriverà solo se ti comporti bene.[1]

Se mi è lecita una nota personale - la mia grande fortuna è di essere cresciuto con una visione opposta, che rivendico fieramente.

Sapevo da sempre che il Babbo Natale di cui si parlava (a quei tempi relativamente poco) era una truffa. Invece, la mia magia veniva dailibri di Lewis Carroll, Alice's Adventures in Wonderland e Through the Looking Glass and what Alice Found There.

Dico "libri", e ne cito i titoli in inglese, perché si tratta per me sempre e solo di libri in lingua inglese. So che ne traggono film e fumetti e gadget e quant'altro da oltre un secolo, so che l'Industria del Bambino Felice ne ha estratto miliardi da far spendere in cocaina ai propri dirigenti; ma grazie a Dio, non ho mai avuto contatti diretti con nulla di tutto ciò.Babbo Natale è un'imposizione dei genitori ai figli, e dell'intero sistema sociale ai genitori. Babbo Natale è disciplina ricattatoria. E la sua unicamission (per usare l'aziendalese, che non è l'inglese) consiste nella mediazione di merci.

Lewis Carroll fu l'esatto contrario. 
"Il perché di questo libro non può e non deve essere spiegato a parole. Le persone per cui la mente di un bambino è un libro sigillato e che non vedono nulla di divino nel sorriso di un bambino leggerebbero invano tali parole; mentre chiunque abbia amato un bambino, non ha bisogno di parole. Perché lui avrà conosciuto la awe che cade su qualcuno che si trovi in presenza di uno spirito uscito fresco dalle mani di Dio, su cui non è ancora caduta alcuna ombra di peccato, e solo il tocco più esterno dell'ombra del lutto; avrà sentito l'amaro contrasto tra l'egoismo che guasta le sue migliori azioni e la vita che è solo amore che trabocca. Perché penso che il primo atteggiamento di un bambino verso il mondo consista in un semplice amore verso tutte gli esseri viventi. E avrà appreso che la migliore opera che un uomo possa compiere sia quando agisce solo per amore, senza pensare alla fama o al guadagno o a un premio terrestre".[2]
Non si tratta affatto di un esercizio di retorica. 

Prima di tutto, Alice non nasce per fama o guadagno, ma effettivamente per amore, grazie anche - ovviamente - alla violenza di un sistema sociale che con la fatica dei contadini e degli operai poteva permettere a un timidissimo epilettico di vivere come matematico. Come la stessa violenza ha permesso che esistesse, per la prima volta, una vera e propria infanzia con cui quel matematico potesse comunicare.

L'amore è quindi la condizione fondamentale dell'autenticità - e nel racconto di Babbo Natale non si trova traccia, né dell'uno né dell'altra.

Lewis Carroll non fu certamente un sovversivo politico; eppure la sua opera sottintende un'idea davvero rivoluzionaria, possibile solo grazie alla natura indefinita della religione anglicana: la verità si trova dentro lo "spirito uscito fresco dalle mani di Dio". L'anima non proviene dal peccato, da cui la deve guarire la correzione sociale; piuttosto, per Carroll, l'anima si guasta, tra lutto, peccato ed egoismo, nel corso della vita.
"Still she haunts me, phantomwise.
Alice moving under skies
Never seen by waking eyes."
Chi invece è in grado di ascoltare ciò che vive dentro il bambino, è sopraffatto da ciò che Lewis Carroll chiama con quella meravigliosa e intraducibile parola inglese che è 'awe' - una parola che lascia, letteralmente, a bocca spalancata.

La morale implica distinzione: questo si può fare, questo no... invece, l'atteggiamento primario di un bambino consiste nel "semplice amore verso tutte gli esseri viventi". Questo rifiuto di operare una distinzione è quindi amorale (non immorale); e tutta l'opera di Lewis Carroll è infatti assolutamente amorale. Non pretende di insegnare nulla, non indica esempi né positivi né scellerati. 

Ma scorre con l'amore radicale che c'è nel bambino, nei suoi punti di vista imprevisti, arricchito solo dall'ironia e dal dominio del linguaggio dell'adulto.

Nella storia di Babbo Natale, sono i grandi magazzini che parlano, con la complicità dei genitori.

Nella storia di Alice, è Alice che parla, racconta, si perde, si addormenta, si risveglia e ride, si tira su le maniche e con bright eager eyes, raccoglie eccitata le piante profumate che crescono nel fiume.
"What mattered it to her just then that the rushes had begun to fade, and to lose all their scent and beauty, from the very moment she picked them? Even real scented rushes, you know, last only a very little while - and these, being dream-rushes, melted away almost like snow, as they lay in heaps at her feet - but Alice hardly noticed this, there were so many other curious things to think about".
Note:

[1] Ci deve essere un motivo, poi, per cui i genitori preferiscono scaricare sul Grande Distributore Automatico Rennamunito le complessità psicologiche implicite nello scambio di regali, invece di vivere speranza, gratitudine, felicità e disappunto insieme.

Lewis Carroll (Charles L. Dodgson), The Complete Illustrated Lewis Carroll, with an introduction by Alexander Woollcott, Wordsworth Editions, 1996, Ware, UK, p. 7.

Fonte: http://kelebek.splinder.com/

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori