mercoledì 3 dicembre 2008

Livni states that the targets in Mumbai were Jewish and Israeli (another codeword for ‘Western’?)

As horrible and unacceptable as we all believe the terrorist attacks were against civilians and non-military targets, which is the definition of terrorism (and this would make practically the entire war against the Iraqis and Afghanis a terrorist attack undertaken by the United States and its allies, following the long and inglorious history of them from Hiroshima onwards), we can’t help but be shocked by the utterings of Tzipi Livni regarding the attack.
MFA briefing excerpt: “During the past days the entire world, and we in Israel, have witnessed a murderous terror attack in India. There is no doubt that among the targets chosen by the terrorists were Jewish and Israeli targets, which are viewed as Western.”
Why is there “no doubt”? It is always good practice in events like this to have ONLY doubt, since certainty is lacking. Among the targets were also train stations, hotels, restaurants . . . Sites that are places of aggregation for people in transit, be they locals or foreigners. I didn’t really know before this moment that the Chhatrapati Shivaji Terminus, headquarters of the Central Railway was Jewish, Israeli or even Western, and how does one explain the bombing of the Vile Parle railway, which is basically a suburban residential area? Is that all of a sudden a Western target too?
Livni continues: “The world is under attack, and it makes no difference whether it takes place in India or elsewhere. There are extremist Islamic elements who do not accept our existence and do not accept the values of the Western world. Only when such events occur do the leaders of the world understand that we are all partners in the same battlefield. It is sad that such bloodshed is required to remind some world leaders of this fact. Some live with this understanding, and some wake up on such a morning and suddenly understand that we are the target -- we meaning not only Israel, but the entire Western world.”
Holy Cow. The extremist elements that do not accept “our” existence (here making us try to see Israel and The West as interchangeable concepts, ones that “We” must defend, because we are the same thing) are only “Islamic.” Well, how would that explain the policies of the entire Israeli government and the majority of the Western governments that go along with them? They do not accept the existence or even allow the mere survival of the people penned in Gaza and those who are victims of the settlement and control system of Israel in the West Bank. Yes, Livni sees the world as a battlefield, and there is on one side “the Good Guys,” i.e., Israel and those who support it, which she lumps together as The West that are engaged in a constant battle against “the Bad Guys,” well, The Rest.
Livni continues: “This attack was carried out by a little-known local organization which claimed responsibility several months ago for another attack in India. The Chabad house in Mumbai is located at the end of an alley, and it is clear that it was chosen as a target. I understand that also those terrorists who attacked the hotels were looking for tourists of American, British and Israeli citizenship. This was a deliberate attack.”
Uh huh. Tourists. Yes, hotels are crawling with them, usually. But more interesting is the idea here that the Israelis killed were peaceniks who don’t have any political views that would cause trouble to others in nations where Islam is a religion that is practiced by a sizable number of people and at times the majority. Anyone familiar with the Lubavitchers is aware that they are Jewish Extremists. This does not mean that they deserve to die in terrorist attacks; it just means that it is simple to understand how they could be viewed as being hostile to Muslims and being very, very vocal about it, as well as acting upon this belief in order to inhabit and illegally occupy lands that are clearly Palestinian.
During the days of the unilateral Gaza disengagement, the Chabad Lubavitchers were the most vocal critics of the “abandonment of Eretz Yisrael” to the “enemy.” Their site has always been a propaganda to get American Jews to settle in Gaza.
“So the military in Israel is going to follow us wherever we go. Well, not exactly but they will be there to protect us from this sick and deranged enemy that Israel has nurtured and armed. It’s as if we had this beautiful garden at our disposal and of all the things we could have planted in the garden we chose to plant cancer. Are we crazy? Who else would do such a thing?”
and, they even see themselves as MILITARY TARGETS . . .
“The point of all this is that Jews everywhere are targets of the current craziness. If we are being shadowed by Israel Air Force planes and escorted by police cars then even though we are not in uniform, I think that by not too much of a stretch we are all members of Israel’s Defense Force. Okay so maybe you’re stationed at the Plaza or the King David. It doesn’t make you any less of an important foot soldier.”
So, the question begs; if they see themselves as foot soldiers in the mission of military occupation of Palestine, why wouldn’t anyone else?Mary Rizzo is an art restorer, translator and writer living in Italy. She is a co-founder of Palestine Think Tank. She also contributes as a translator to www.tlaxcala.es.
By Mary RizzoOnline Journal Contributing Writer

Igniting a new cold war: The cost of U.S. hegemony is beyond reach

Undeterred by massive budget deficits from wars, a falling economy, and financial bailouts, the US government has managed to start a new cold war with Russia. Last Friday, the Russian military announced that it was developing a new generation of ballistic missiles in response to the US government’s decision to deploy ballistic missile defenses in Poland and the Czech Republic.
The “peace dividend” that the Reagan-Gorbachev accord provided has been squandered by an arrogant American government seeking world hegemony.
In 2002, the Bush regime unilaterally withdrew from the Anti-Ballistic Missile Treaty that the US government signed with the Soviet Union in 1972. This treaty stabilized the “assured mutual destruction” that prevented the two military superpowers from initiating war, thus averting a nuclear holocaust for 30 years.
When the Soviet government released its Eastern European “captive nations,” the US government promised not to recruit the Baltic and Eastern European countries for NATO membership. The US government pledged that NATO would not be brought to Russia’s borders. There would be a neutral zone between the Western military alliance and Russia. The American government broke this promise as quickly as it could, bringing former constituent parts of the Russian empire into the American empire.
Last October, Admiral Michael Mullen, chairman of the US Joint Chiefs of Staff, went to Lithuania to give a guarantee to the Baltics of US military intervention in the event of a Russian attack. Like the British guarantee that Chamberlain gave Poland in 1939, a guarantee that precipitated World War II, Mullen’s guarantee is worthless unless the US government initiates nuclear war with Russia in defense of the tiny Baltic republics, which would be wiped out by the radiation fallout.
The US has tried to incorporate the Ukraine and Georgia, constituent parts of Russia for centuries, into NATO. To clear the way for NATO membership, the Bush regime encouraged the American puppet ruler of Georgia to cleanse provinces, attached to Georgia by Stalin, of Russians in order to end secessionist movements. When Russian troops drove the American and Israeli trained and equipped Georgian army out of the Russian parts of Georgia, the US government lied that Russia had invaded Georgia. .
This malevolent lie was too much for the Russians and too much of the rest of the world. It was plain to all that the US, an aggressor state striving to encircle Russia with bases even to the edge of central Asia, had initiated a war that it then blamed on Russia. After Afghanistan, Iraq, Bush’s defense of Israel’s 2006 war criminal attack on Lebanon, and Bush’s false claims of an Iranian nuclear weapon, few, if any, countries any longer believe pronouncements of the US government. The US is regarded worldwide as an aggressor state that lies through its teeth.
This means that unless China decides to play the US and Russia off in order to emerge as the sole world power, there is no one to finance America’s side of the new cold war that the US government has created.
The only other way Washington can finance a new arms race with Russia is to cancel Social Security and Medicare, and to repudiate its massive foreign debts. If Washington does this, the likely result would be revolution at home and isolation internationally.
For decades Washington has prevailed because the US dollar is the reserve currency. It is the world’s money. This advantage allows Washington to purchase almost every other government. There are governments all over the world, from Europe to Egypt, from Ukraine to South Korea to Japan, that are owned by Washington. When Washington speaks of spreading freedom and democracy, Washington means it has purchased more governments to do its will.
These purchased governments do not represent their people. They represent American hegemony.
Now that the Great Hegemon is bankrupt and its economy is collapsing, thanks to unbridled greed, American influence is waning. The US dollar cannot survive the massive red ink that the US generates.
When the dollar collapses, the image of a strutting Washington as “the world’s only superpower” will evaporate. The evil that is the American government will find itself at war with its own people and those of the rest of the world.Paul Craig Roberts [email him] was Assistant Secretary of the Treasury during President Reagan’s first term. He was Associate Editor of the Wall Street Journal. He has held numerous academic appointments, including the William E. Simon Chair, Center for Strategic and International Studies, Georgetown University, and Senior Research Fellow, Hoover Institution, Stanford University. He was awarded the Legion of Honor by French President Francois Mitterrand. He is the author of Supply-Side Revolution : An Insider’s Account of Policymaking in Washington; Alienation and the Soviet Economy and Meltdown: Inside the Soviet Economy, and is the co-author with Lawrence M. Stratton of The Tyranny of Good Intentions : How Prosecutors and Bureaucrats Are Trampling the Constitution in the Name of Justice. Click here for Peter Brimelow’s Forbes Magazine interview with Roberts about the recent epidemic of prosecutorial misconduct.
By Paul Craig RobertsOnline Journal Contributing Writer

Zimbabwe, la rivincita dei bianchi


La bocciatura, l'ennesima, al programma di riforma agrario portato avanti dal governo del presidente Robert Mugabe è arrivata stavolta dall'estero, precisamente dal tribunale della Southern African Development Community, l'organizzazione che comprende gli stati dell'Africa meridionale. Secondo la Sadc, le espropriazioni ai danni di 78 agricoltori bianchi sarebbero illegittime, e per questo dovrebbero essere bloccate. Il governo di Harare ha già fatto sapere che non attuerà la sentenza. Ma, al di là delle dichiarazioni politiche, lo storico precedente avrà qualche effetto sulle autorità dello Zimbabwe?
Secondo la corte gli agricoltori, in odore di espropriazione, hanno tutti i diritti legali per rimanere nelle loro proprietà, diritti che il governo di Harare non può violare. Quest'ultimo si è però affrettato a specificare che la sentenza della corte non verrà attuata, e che anzi il programma agrario (leggi le espropriazioni degli agricoltori bianchi) verrà velocizzato. Questo nonostante le sentenze della corte siano vincolanti per gli stati membri dell'organizzazione. Finora, nessuno degli altri Paesi facenti parte della Sadc si è pronunciato sulla vicenda, neppure il Botswana, nei mesi scorsi estremamente critico nei confronti di Mugabe e della sua gestione politica.

Alle prese con un'economia al collasso (l'inflazione ha toccato il 231.000.000 percento), un'epidemia di colera che dalla scorsa estate ad oggi ha provocato quasi 500 morti e uno stallo politico che da marzo impedisce la nascita di un nuovo governo, Mugabe non ha certo intenzione di far riemergere anche la questione degli espropri ai farmers bianchi: ancora nel 2000, poco più di 4.400 agricoltori bianchi controllavano circa un terzo delle terre dello Zimbabwe, mentre un milione di piccoli coltivatori neri doveva dividersi un altro terzo. La riforma agraria, procrastinata per decenni ma necessaria per riequilibrare le rendite del Paese, fu condotta in maniera pessima, provocando il crollo della produzione agricola e costringendo lo Zimbabwe alla dipendenza dagli aiuti umanitari.
Secondo la maggior parte degli economisti locali, sarebbe stata proprio la pessima attuazione della riforma agraria a dare il via alla crisi economica che ha ridotto in ginocchio il Paese. Il governo è comunque intenzionato a proseguire nelle espropriazioni, presentante come uno strumento di giustizia sociale nei confronti degli agricoltori neri meno abbienti, rimasti vittime di una spartizione delle terre che datava dal periodo coloniale. Il programma di riforma agraria sta talmente a cuore a Mugabe da essere stato esplicitamente incluso nell'accordo per la spartizione dei poteri, firmato con il leader dell'opposizione, Morgan Tsvangirai. In questo modo, anche se Mugabe dovesse perdere il potere, la riforma agraria non sarà modificabile.

Non è però detto che la sentenza della Sadc non modifichi gli equilibri interni. Dopotutto, il tribunale appartiene alla stessa organizzazione che ha sponsorizzato i colloqui di pace, e che rimane uno dei pochi appigli rimasti a Mugabe per sconguirare un isolamento internazionale estremamente pericoloso per il Paese. Senza contare che, se il processo di transizione dovesse proseguire, una volta ottenuto il potere Tsvangirai potrebbe utilizzare la sentenza per sconfessare parte degli accordi presi con Mugabe. Se vuole risolvere i propri problemi economici, lo Zimbabwe dovrà comunque riavviare il proprio settore agricolo. E a questo scopo, un compromesso tra il know-how degli vecchi latifondisti e la giustizia sociale verso il milione di agricoltori poveri, rimasti tali anche dopo la riforma, dovrà essere raggiunto.
Matteo Fagotto
Link: http://it.peacereporter.net/articolo/13021/La+rivincita+dei+bianchi

RUPERT MURDOCH, IL BERLUSCONI PLANETARIO


Sul suo blog, Upuaut ci segnala un caso interessante di autentica opposizione politica in Italia.Il vero protagonista è Rupert Murdoch; in secondo piano, recita il centrosinistra. Rupert Murdoch, ricordiamo, è il proprietario di 175 quotidiani in tutto il mondo, nonché di Sky TV e della Fox News: sta insomma al pianeta come Silvio Berlusconi sta all'Italia, o come le cose serie stanno alle cialtronate. E infatti, Murdoch e Berlusconi hanno fatto spesso e volentieri affari insieme.Rupert Murdoch, ricordiamo, non è solo l'oscuro signore delle anime affatturate dal calcio. E' anche stato il più potente promotore dell'attacco statunitense contro l'Iraq; il principale generatore mondiale dell'islamofobia e dello scontro di civiltà; i suoi media hanno sempre appoggiato Israele; sono stati i fondi di Rupert Murdoch a mettere in piedi il movimento neocon negli Stati Uniti; e oggi i suoi media promuovono l'ipotesi di un attacco americano all'Iran. Aggiungiamo le infinite tragedie e miserie indotte dal neoliberismo di cui Murdoch si è fatto ovunque sostenitore. E le morti provocate direttamente dalla macchina dello scandalo murdochiana.Sempre pronto a scommettere sul cavallo vincente, Rupert Murdoch oggi elogia Obama, pur criticandone la politica economica come troppo "di sinistra".Bene, Upuaut ci racconta che Silvio Berlusconi, che a suo tempo regalò a Sky TV una clamorosa e ingiustificata riduzione dell'IVA, oggi ci ripensa e decide di far pagare le tasse a Murdoch.Il centrosinistra non ci sta. Sì, avete capito bene. Il centrosinistra dice che il magnate australiano deve continuare a non pagare le tasse sui soldi che guadagna.Il nuovo avvocato fiscalista di Murdoch in Italia è il nostro vecchio conoscente, Roberto Cuillo, responsabile Industria Culturale del PD. Se vi chiedevate cosa vuol dire "Industria culturale", adesso lo sapete. Dice infatti Roberto Cuillo:
“Il presidente del consiglio Berlusconi sbaglia quando dice che colpendo Sky si colpisce un privilegio [...]. In poche parole, Sky si è affermata anche come industria culturale di primo piano per questo Paese. E la cultura non è mai un privilegio ma un diritto di tutti. Con questi provvedimenti il governo umilia una delle industrie più vitali e dinamiche in Italia. [1] [...] Il governo colpisce al cuore l'industria culturale italiana: quella dell’intero sistema televisivo. Sembra un paradosso ma è la realtà. Berlusconi spegne le tv italiane”.Insomma, se un'industria è "vitale e dinamica", non va tassata. Lo diceva Bush e lo ripete Cuillo.Non so se Roberto Cuillo sia emiliano, ma chi è vissuto in Emilia-Romagna riconoscerà subito quel particolarissimo linguaggio [2] che si è sedimentato nel lento slittamento dal culto dell'Unione Sovietica al culto dell'impresa, mentre è restato immutato l'animo del funzionario stalinista. Solo che una volta il "diritto di tutti" era quello di partecipare; mentre oggi è quello di consumare.Nessun giudizio moralistico da parte mia. Berlusconi ha capito per primo che la politica è ormai un sottoprodotto dell'industria culturale, una branca della mediologia; e adesso ci è arrivato anche il Partito Democratico.Il compito del Partito Democratico è di mettere la propria gente al governo e mandare a casa quella degli altri; e quindi fanno benissimo a cercare i voti di milioni di Murdoch-dipendenti arrabbiati. E come Forza Italia dipende dai soldi Mediaset, al PD potrebbero fare comodo i soldi del miliardario mediatico australiano. Però, nella malaugurata ipotesi che ci sia qualche abbonato a Sky TV tra i lettori di questo blog, ricordo che non è troppo tardi per salvarsi:
“È Natale e c’è una buona notizia per i consumatori: recedere in qualsiasi momento da Sky costa al massimo 10,48 [euro]”: comincia così una nota di Adiconsum, che esprime tutta la soddisfazione dell’associazione dei consumatori per la conclusione di “una vicenda iniziata nel 2007 da una denuncia di Adiconsum all’Agcom che chiedeva la corretta applicazione della Legge Bersani da parte di Sky. Dopo la delibera n. 484/08/CONS, pubblicata il 29 luglio 2008 dall’Autorità delle Comunicazioni, Sky si oppose al Tar del Lazio chiedendo la sospensione della decisione che imponeva alla tv di ridurre, considerevolmente, i costi di recesso”.Ora il Tar ha respinto l’opposizione di Sky e quindi ecco i consigli di Adiconsum per recedere dal contratto senza problemi. "P.S.Ultime notizie... pare che a Rupert Murdoch gli daranno tre anni di tempo per arrivare a pagare la stessa IVA che paga Miguel Martínez, traduttore di manuali tecnici, dal giorno in cui ha aperto la partita IVA.Nota:[1] Va dato atto a Cuillo di ammettere che la cultura italiana attuale è la televisione, altro che Manzoni o Boccaccio. E che la televisione è un'industria. Però le industrie non si umiliano: fanno i soldi o li perdono. Comunque Cuillo dice una sciocchezza. Rupert Murdoch minaccia di far ricadere l'aumento delle tasse sui propri consumatori. E i propri consumatori ovviamente pagheranno: il calcio-spettacolo, come l'eroina, è una merce a consumo fisso, a prescindere dal prezzo.[2] Un linguaggio divertentissimo per noi traduttori. Che quando siamo di cattivo umore, traduciamo letteralmente.

Miguel Martinez

Fonte:http://kelebek.splinder.com/

Link: http://kelebek.splinder.com/post/19214500/Rupert+Murdoch%2C+il+Berlusconi+

Citigroup: "Prevediamo disordini globali e l'oro a 2000 dollari"

di Ambrose Evans-Pritchard – The TelegraphL'oro potrebbe impennarsi drammaticamente fino a raggiungere i 2000$ all'oncia entro la fine dell'anno per via del fatto che le banche centrali hanno inondato il sistema monetario di liquidità, come recita una nota interna della banca americana CitiGroup.La banca ha sostenuto che il danno causato dagli eccessi finanziari dell'ultimo quarto di secolo starebbe costringendo le autorità mondiali a intraprendere provvedimenti che mai avevano provato prima.Questo azzardo finirebbe probabilmente in una fra due situazioni estreme: in un caso l'esplosione dell'inflazione, nell'altro una spirale economica depressiva, collegata a grossi problemi in termini di ordine pubblico e possibili guerre. Entrambi i risultati causeranno una corsa all'oro."Si sta facendo l’impossibile", ha detto Tom Fitzpatrick, il responsabile delle strategie tecniche della banca."Il mondo non sta normalizzandosi dopo l'incredibile terremoto che ha subito. Quando le acque si saranno calmate, o tutto ciò funziona, e il denaro reinserito a forza nel sistema si tramuterà in uno shock inflazionistico, oppure gli interventi non serviranno perché è stato già fatto troppo danno, così che continueremo ad assistere a un deterioramento delle finanze, che causerà altri disastri economici, con il rischio di arrivare a un circolo vizioso. Non pensiamo che questo sia lo scenario più probabile, ma ogni settimana e mese che passa, c’è un pericolo crescente di ritrovarsi in un circolo vizioso all’erodersi della fiducia"."Questo contesto porterà all’instabilità politica. Vediamo già aree periferiche dell'Europa sottoposte a un durissimo stress. Alcuni leader sono ora al loro record di impopolarità. C'è il rischio di disordini interni, che cominceranno con scioperi perché la gente si sente spossessata "."Cosa succede se c'è un collasso in un paese come il Pakistan, che possiede un armamento nucleare. La gente con le spalle al muro reagisce come può. Stiamo già notando forti dubbi emergere intorno al debito sovrano di paesi sviluppati classificati con AAA, cosa che non si può ignorare" aggiunge Fitzpatrick.Chi commercia l’oro sta facendo molta attenzione ai rapporti provenienti da Pechino sul fatto che la Cina sta seriamente pensando di incrementare le sue riserve da 600 tonnellate a quasi 4mila per abbandonare e diversificare i suoi investimenti in valute cartacee. "Se ciò avvenisse, sarebbe un grosso cambiamento materiale".Fitzpatrick suggerisce che la Gran Bretagna abbia compito un grosso errore a vendere metà del suo oro nella fase più bassa del mercato tra il 1999 e il 2002. "La gente ha cominciato a mettere in discussione il valore del debito pubblico".Citigroup aggiunge che la corsa all'oro comincerà entro due anni, ma è possibile che scoppi già nel 2009. L'oro ieri era valutato a 812$ l'oncia. E' ben lontano dal suo record di febbraio, quando toccò un picco di 1030$, ma ha tenuto molto meglio di altre merci nel corso degli ultimi mesi, tornando così al suo ruolo storico di bene rifugio in grado di conservare valore e una moneta di fatto.L'oro ha triplicato il suo valore negli ultimi sette anni, surclassando senza paragoni Wall Street e tutte le borse europee.
Articolo originale. (QUI) Traduzione di Alessio Marri e Pino Cabras - Megachip
Link: http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=8367

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori