venerdì 26 dicembre 2008

MIGRANTI NEGLI STATI UNITI, L’ANNO CHE SI CHIUSE IL RUBINETTO

Il 2008 si chiude con un triste record negli Stati Uniti. La deportazione di 154.000 migranti messicani e centroamericani. E’ il 46% in più del 2007 e il 2009 potrebbe essere un anno tragico. Secondo alcune stime fino a tre milioni di messicani emigrati negli Stati Uniti, travolti dalla crisi del neoliberismo e dal fallimento del Trattato di libero commercio, potrebbero essere indotti a tornare a casa, senza sapere a far cosa.
Sono pubblici i dati dell’ICE, Servizio immigrazione e dogane degli Stati Uniti d’America per l’anno 2008 e fanno rabbrividire. Potrebbero riempire tre grandi stadi il numero di persone espulse con la forza dal paese ancora governato da George W Bush che ha sempre usato il rubinetto dell’immigrazione come strumento di controllo sociale. 

Quando le cose vanno bene, l’immigrazione, soprattutto latina, è tollerata perché serve a calmierare il costo del lavoro con l’ingresso di mano d’opera precaria e spesso clandestina. Quando le cose vanno male si scatenano i Minutemen (versione hard texana delle ronde padane) e i migranti vengono gettati via come fazzoletti usati.

E quest’anno di fazzoletti usati ne sono stati smaltiti in quantità. Al primo posto stanno come sempre i messicani, con 82.000 lavoratori espulsi. Al secondo posto i guatemaltechi, con 26.000 espulsioni immediatamente seguiti dagli honduregni con 25.000. Quindi ci sono 17.000 migranti di El Salvador e via via gli altri paesi.

I numeri di quest’anno potrebbero però impallidire rispetto alle attese per il 2009. Fino ad un quarto di tutti gli immigrati messicani negli Stati Uniti, tre milioni di lavoratori su dodici milioni, potrebbero lasciare il paese confinante per tornare a casa come conseguenza della crisi economica. 

Il Messico che con il Trattato di libero commercio del primo gennaio 1994 (il giorno della sollevazione zapatista) proclamava di entrare nel primo mondo, scopre definitivamente di essere stato usato dall’economia statunitense. Le conseguenze di quel trattato sono infatti colossali e tutte negative. Al primo posto c’è la distruzione dell’agricoltura del paese incapace di competere con quella iperassistita degli Stati Uniti. Questa ha causato lo svuotamento delle campagne messicane e l’immigrazione di massa di quasi un milione di messicani ogni anno ed è tra le concause dell’esplosione del narcotraffico che solo quest’anno ha causato oltre 5.000 morti.

L’economia messicana, legata mani e piedi a quella statunitense, addirittura l’84% dell’export messicano va negli Stati Uniti, è completamente ferma ed è quella che cresce meno di tutto il continente con una previsione di appena un +0.5% per il 2009. Il paradosso è che mentre nella passata campagna elettorale statunitense tutti i candidati, Obama, Clinton e in maniera diversa perfino McCain, erano per rivedere il NAFTA, l’unico difensore duro e puro di questo resta il presidente messicano Felipe Calderón.

Il Messico desolato dalla guerra civile strisciante del narcotraffico affronta l’inizio del 2009 temendo lo tsunami del ritorno dei migranti “USA e getta”. Nel silenzio della politica il Cardinale primate Norberto Rivera ha ritenuto necessario usare parole di speranza invitando a pensare che le conseguenze saranno meno catastrofiche di quello che si teme. Ma forse neanche lui riesce a crederci.

di Gennaro Carotenuto

fonte www.gennarocarotenuto.it

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori