martedì 23 dicembre 2008

Matteo Messina Denaro, quando "Il discorso parte da là....da Castelvetrano..."


C’era lo «zio Franco», al secolo Franco Luppino di Campobello di Mazara, a tenere i rapporti tra i mafiosi che volevano riorganizzare la «cupola» della provincia di Palermo (arrestati dai Carabinieri nel maxi blitz «Perseo») e il capo mafia belicino, il super latitante di Castelvetrano Matteo Messina Denaro. Era questo «zio», forse lo stesso che frequentava il covo di Giardinello dove sono stati trovati i boss Lo Piccolo, ad avere tra le mani un filo di collegamento tra i palermitani e il boss di Castelvetrano. «Matteo vi manda a salutare» è stato sentito dire il bagherese Pino Scaduto (tra gli arrestati), che con Messina Denaro si sarebbe raccordato «per corrispondenza» (con i pizzini) e che invece con l’«intermediario», lo «zio Franco» si incontrava, così come facevano altri due palermitani, Sandro Capizzi e Giovanni Adelfio (anche loro in manette). 

I carabinieri li hanno sentiti parlare di Matteo: «Il discorso parte da là....da Castelvetrano...dobbiamo creare qualcosa in armonia». Messina Denaro oltre ai saluti avrebbe mandato a dire anche altro: «Ognuno si deve guardare le sue cose, ma se volete “noi” siamo a disposizione»; che in pratica significa che in questo capitolo della storia mafiosa palermitana «è stato lui, (Messina Denaro ndr) a decidere di non entrarci». Ma un fatto è non «mettere mano nella riorganizzazione mafiosa palermitana» e un’altro e non interessarsene del tutto. Il boss del Belice è fuori dalle «logiche» del nuovo potere mafioso palermitano ma non tanto da non fare conoscere il suo pensiero sulla «nuova cupola»: «Rispettate i figli di chi è in galera e rispettate quelli che sono in galera».

Due operazioni antimafia nel giro di otto giorni tra Trapani (Cosa Nostra resort) e Palermo (Perseo), ad opera di Polizia e Finanza la prima e Carabinieri la seconda, hanno svelato le «facce» e le intenzioni delle organizzazioni mafiose nella Sicilia Occidentale. Se a Palermo Cosa Nostra cerca di trovare nuovo assetto, a Trapani la mafia c’è ed è viva e vegeta, «costituisce un blocco monolitico» assoldato a Matteo Messina Denaro come hanno messo in evidenza magistrati, come il procuratore aggiunto Roberto Scarpinato e investigatori come il capo della Mobile Giuseppe Linares.

La mafia trapanese ha i boss che dal carcere continuano a comandare, riescono a passare gli ordini, a gestire appalti e forniture, a veicolare finanziamenti pubblici a favore delle proprie aziende, a tenere a bada politici e a corrompere funzionari per intascare i fondi delle 488, a gestire le false fatturazioni, a parlare attraverso internediari con prefetti. A Trapani la mafia non ha convenienza a fare le estorsioni, meglio le imposizioni nelle forniture, cemento, ferro e sabbia, materiali inerti, la mafia è oramai una «holding» imprenditoriale. 

A Palermo le indagini antimafia fino ad ora non hanno intaccato poteri pubblici, funzionari, non si scoprono appalti pilotati, il «terzo livello» nel capoluogo dell'isola resta inviolato. A Trapani questo è successo e resiste semmai l’incredulità di tanti quando si scopre il coinvolgimento di politici e professionisti. Palermo vive di estorsioni ai commercianti, traffica in droga e non ha leadership mafiosa, Trapani è saldamente in mano a Messina Denaro che è boss riconosciuto anche da quei mafiosi della vecchia mafia nel frattempo tornati liberi. Un «potere» che non si discute e che non ha bisogno di «grandi summit» quello di Messina Denaro circondato da diversi complici. Le ultime indagini antimafia trapanesi lo hanno certificato. 

A Trapani Matteo Messina Denaro comanda le 17 «famiglie», ha posto il pacecoto Francesco Pace a capo della «cupola» di Trapani. La mafia trapanese ha cambiato pelle e al posto degli uomini d'onore ci sono i «colletti bianchi» che hanno anche il compito di rendere la mafia sommersa, che così dalle stragi è passata al controllo degli appalti. Gli ultimi interessi dicono sono per i lavori pubblici per le grosse condotte idriche. Su un altro bisogno della gente, quello di avere l'acqua nelle proprie case, i mafiosi sono pronti a mettere le loro mani.
di Rino Giacalone

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori