martedì 9 dicembre 2008

L'Africa e la sua militarizzazione secondo Obama



Secondo Daniel Volman, direttore dell'African Security Research Project, l'amministrazione del prossimo presidente Usa Barack Obama sembra intenzionata a proseguire la politica di militarizzazione di Bush in Africa, a meno che non riceva forti pressioni in senso contrario.
Nel febbraio 2007, George W. Bush annunciò la creazione di un nuovo comando militare per l'Africa (Africom). In precedenza, le attività militari statunitensi erano condotte da tre comandi separati: il Comando Europeo, che si occupava di gran parte del continente; il Comando Centrale, che copriva l'Egitto e la regione del corno d'Africa, insieme al Medio Oriente e all'Asia centrale; e il Comando del Pacifico, che sovrintendeva alle operazioni in Madagascar e nelle isole dell'Oceano Indiano. Nessuno di questi comandi si occupava esclusivamente dell'Africa, poiché il continente nero era considerato una regione di scarsa importanza strategica, sia durante la guerra fredda che nel decennio successivo.
Solo quando l'amministrazione Bush affermò che l'accesso alle riserve petrolifere africane era un "interesse strategico nazionale" e dichiarò la guerra globale al terrorismo dopo l'11 settembre, il ruolo dell'Africa nella politica militare statunitense acquistò importanza. Durante il suo primo anno di esistenza, l'Africom ha agito sotto la guida del Comando Europeo, ma dal 1 ottobre 2008 è pienamente operativo. 
Ora sta al nuovo presidente decidere se proseguire lungo la strada tracciata dall'amministrazione Bush o se prenderne una nuova. Nell'ottobre 2007, il senatore Obama sosteneva che l'Africom "dovrebbe servire a coordinare e sincronizzare le nostre attività militari con i nostri altri obiettivi strategici in Africa. [...] Ci saranno situazioni in cui gli Stati Uniti dovranno lavorare insieme ai loro partner africani per combattere il terrorismo. [...] Avere un comando unificato in Africa faciliterà questa azione."
Queste dichiarazioni, insieme a quelle sul bisogno di intensificare lo sforzo militare in Afghanistan e sul diritto da parte degli Usa di attaccare militarmente i gruppi di presunti terroristi in Pakistan, dimostrano che Obama è convinto della necessità di una guerra globale al terrorismo. E' quindi probabile che la nuova amministrazione prosegua il complesso delle operazioni militari in Africa, inclusa l'ingerenza nella politica interna dei vari paesi e l'uso di truppe americane per intervenire nei conflitti del continente. Inoltre, Obama riceverà sicuramente pressioni per portare avanti il progetto Africom da parte di grandi gruppi industriali, compagnie petrolifere, organizzazioni non governative, Pentagono, e alcuni governi africani.
Tuttavia, alcuni membri del Congresso Usa stanno esaminando minuziosamente l'operazione Africom e sembrano piuttosto scettici sulla sua missione e sulle sue operazioni. Inoltre, esiste un'estesa campagna contro il nuovo comando militare (Resist Africom Campaign), nata dall'unione di diverse organizzazioni e individui in Africa e negli Stati Uniti. Secondo questo movimento di opposizione, l'Africom mira a soddisfare gli interessi americani senza considerare gli effetti della sua presenza sulla popolazione africana. Ad esempio, una delle funzioni primarie del comando consiste nell'addestrare ed equipaggiare nuove truppe di soldati africani, quando già in passato queste operazioni, che comportano un grande afflusso di armi, hanno reso possibili devastazioni e violenze. 
Questa campagna continuerà a spingere affinché l'amministrazione Obama abbandoni il progetto di Bush e porti avanti una politica di vera collaborazione con i popoli africani, che coinvolga anche altri paesi con interessi in Africa, come Cina ed India, e che promuova uno sviluppo economico sostenibile, la democrazia, la tutela dei diritti umani e l'utilizzo di risorse energetiche rinnovabili.

NOTA: Lo scorso aprile sembrava definito il progetto di dislocare l'Africom in Marocco. Per ulteriori dettagli si veda "Sarà in Marocco il nuovo comando americano per l'Africa ". In seguito, l'opposizione di alcuni importanti paesi africani, tra cui Nigeria, Kenya, Sud Africa, preoccupati per un'ingerenza che sarebbe potuta diventare troppo diretta e aggressiva, ha consigliato l'amministrazione Bush di attendere e lasciare il comando in Germania, a Stoccarda. Con l'avvento della presidenza Obama è possibile che gli Usa godano in Africa di un atteggiamento più benevolo e che quindi l'Africom possa stanziarsi direttamente sul territorio africano. 

 di Marco Menchi

Link: http://clarissa.it/esteri_int.php?id=1060

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori