martedì 30 dicembre 2008

Israele attacca..i governanti arabi si voltano dall'altra parte


L'operazione israeliana Piombo Fuso a Gaza, trasformatasi ormai in un massacro, continua, mentre i governanti arabi guardano.

Le donne piangono. I bambini piangono davanti alla televisione. Gli uomini girano il volto per non vedere le lacrime dei loro figli. Sanno che non sono loro a possedere la carta per cambiare la situazione a Gaza ma i loro regimi che sanno solo impartire ordini e divieti. "Il problema di Gaza", ha scritto Talal al-Salman nelle colonne del quotidiano libanese Assafir, "è con la sua famiglia prima di essere con il suo nemico". "La sua famiglia nella stessa Palestina e poi con i vicini Stati arabi". Mentre i raiss arabi, giustificano e legittimano le azioni del governo israeliano, accusando Hamas di esserne il responsabile, gli aiuti a Gaza sono per lo più europei e non arabi.

Non sono certo loro, rinchiusi nei loro lussuosi palazzi, a soffrire la fame, la sete e ad aver bisogno di cure mediche e dottori. I palestinesi di Gaza non hanno altra soluzione se non quella di resistere, e questo il governo di Tel Aviv lo sa benissimo mentre continua a distruggere non "alcune postazioni e Hamas " ma Gaza e la sua popolazione civile. La rabbia di decine di migliaia di libanesi che hanno manifestato ieri nello Stadio al-Raya, nella periferia sud di Beirut, assieme alla rabbia dei ventimila giordani e di qualche migliaio di egiziani e siriani non sono riusciti a fermare l'aggressione né a convocare un summit arabo (di cui l'efficacità si sconosce) per fermare il massacro. "Non si può parlare oggi di passività araba ma al contrario alcuni stati arabi sono complici attivi dell'aggressione israeliana a Gaza", ha annunciato ieri, Hasan Nasrallah, segretario generale di Hizbu'llah, in un discorso video, "Nel luglio 2006 hanno implorato Israele di decapitare Hizbu'llah e oggi non smettono di chiedere a Israele di smantellare Hamas e tutte le altre forme di resistenza. Chiediamo all'Egitto e ai leaders arabi di provvedere alle necessità per la resistenza di Gaza, se non sono capaci di fermare l'aggressione israeliana", ha continuato il Sayyed. "Tra i doveri di un credente: la difesa di Gaza,e chi sarà ucciso in questo cammino avrà l'onore di essere un martire" si legge su un grande striscione all'entrata dello Stadio al Raya.

Sit-in a Beirut e manifestazione in varie regioni e campi profughi nel paese dei Cedri hanno denunciato il silenzio arabo mentre movimenti islamici hanno accusato molti regimi arabi di collaborare con Israele. Hassan di 20 anni dice: "Fermare il massacro a Gaza dovrebbe essere una priorità di tutti i leaders arabi. Non è il tempo di pensare a risolvere i profondi conflitti presenti in questa regione. Gli arabi devono accordarsi solo su una cosa: Fermare il massacro, usare tutte le carte e tutte le loro amicizie per farlo". In Arabia Saudita la polizia ha usato proiettili di gomma per disperdere una manifestazione pro-Palestina , presso al-Katif, regione all'est del regno saudita, facendo otto feriti. Il ministero dell'interno saudita ha persino smentito che una manifestazione avesse avuto luogo. "Dove sono gli arabi?" urlava ad un giornalista nel 1982 un'anziana donna davanti alle macerie della sua casa e alla morte dei suoi nipotini nel massacro di Sabra e Chatila. "Dove sono gli arabi" continuano a chiedersi oggi gli abitanti di Gaza quando è chiaro che "la causa palestinese" presente in tutti i discorsi dei leaders arabi, sia soltanto "ipocrisia" da caricaturare.

"O generazione di traditori, o generazione di spie, o generazione di spazzatura, di prostitute sarete sconfitti sempre se la storia è così lenta dai bambini delle pietre", recitava il poeta siriano Nizar al-Qabbani.

di Erminia Calabrese

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori