mercoledì 26 novembre 2008

Spie e bombe tedesche in Kosovo?


La notizia è clamorosa: tre cittadini tedeschi sono stati arrestati a Pristina con l'accusa di terrorismo. Lo scorso 14 novembre una bomba era esplosa contro l'Ufficio Civile Internazionale della Ue nella capitale kosovara. L'attentato, evidentemente dimostrativo, aveva causato danni all'edificio ma nessuna vittima né feriti. Poche ore dopo le autorità kosovare traevano in arresto tre cittadini tedeschi di cui non sono state fornite le generalità. La notizia, trapelata sul giornale locale Express, è stata quindi confermata da "Der Spiegel" e dal "Suddeutsche Zeitung".
Un appartenente al gruppo avrebbe subito ammesso di essere un agente del BND, il servizio segreto germanico. L'uomo era stato visto scattare fotografie sul luogo, ed al momento dell'arresto nel suo albergo sono stati rinvenuti oggetti che lo collegherebbero all'attentato, tra cui cartine topografiche della zona. Secondo indiscrezioni la polizia kosovara sarebbe addirittura in possesso di un video che riprende il commando durante l'azione.
Le autorità tedesche si sono limitate a smentire categoricamente che apparati governativi germanici possano in qualunque modo essere implicati in attentati all'estero, eventualità definita semplicemente "assurda". Anche l'appartenenza dei tre uomini ai servizi è stata smentita, almeno ufficialmente i tre non avevano alcun accreditamento e non godono di immunità diplomatica. Secondo "Der Spiegel" (ma la notizia non è confermata) il gruppo lavorava proprio negli uffici oggetti dell'attentato.
Il caso sta creando non poco imbarazzo e tensione tra Berlino e Pristina. Il momento è particolarmente delicato, visto che sono in corso negoziati per il passaggio di poteri tra la missione UNMIK delle Nazioni Unite e la missione Eulex della UE, per l'organismo che avrà il compito dell'amministrazione civile sul Kosovo su cui vige un protettorato internazionale dalla fine della guerra del 1999.
Mentre Bruxelles e Belgrado avevano raggiunto un accordo sulla definizione giuridica della nuova missione Eulex, Pristina l'ha radicalmente rigettato ritenendolo un passo indietro rispetto alla dichiarazione unilaterale di indipendenza dalla Serbia proclamata lo scorso febbraio.
L'attentato dei giorni scorsi era subito stato messo in relazione con le vicende contrastate dei negoziati. Ma con quali scopi? Ora l'intrigo diventa internazionale.
di Milo Drulovic e Simone Santini

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori