venerdì 21 novembre 2008

Messico, esercito per le strade di Tijuana

Alla fine il presidente messicano Felipe Calderon non ha avuto scelta: Tijuana, città del nord del paese da tempo gestita e controllata dalle bande legate alle organizzazioni criminali dedite al traffico internazionale di stupefacenti, deve tornare alla normalità. Per farlo ha chiesto l'intervento massiccio dell'esercito.Dopo 650 morti ammazzati in città dall'inizio dell'anno questa sembra essere l'unica soluzione adottabile. Una città che quotidianamente è sotto scacco dei narcotrafficanti che da queste parti fanno il bello e il cattivo tempo, senza che nessuno si preoccupi di porre freno alla situazione. Una città dove non passa giorno in cui le cronache dei giornali non raccontino di omicidi, sequestri, violenze. Dunque, una soluzione doveva essere cercata. E soprattutto trovata. Di certo non si sono preoccupati di combattere il narcotraffico Ricardo Gutierrez Vergas, direttore messicano dell'Interpol e almeno altri diciannove agenti e graduati di polizia fatti arrestare dalla procura generale nell'ambito dell'"Operacion Limpieza", che mirava a fare pulizia negli ambienti di polizia rei di aver dato aiuto alle organizzazioni criminali della zona. Adesso la procura generale avrà 40 giorni di tempo per verificare i sospetti, trovare nuove prove e formulare accuse precise, soprattutto per quanto riguarda il capo dell'Interpol.Sono pesanti i sospetti su Vergas. Gli inquirenti sono convinti che abbia fornito informazioni riservate ai rappresentanti del cartello della droga che fa capo ai fratelli Beltran Leyva. E insieme a lui sono finiti sotto inchiesta anche due alti dirigenti del Siedo (Subproxuraduria de Investigacion Especializada en Delinquencia Organizada) l'ex capo della Polizia Federale Preventiva, Gerardo Garay e Rodolfo la Guardia, direttore del Despligue Regional dell'Agenzia Federale d'Investigazione.Nel frattempo si discute su come iniziare davvero la lotta ai cartelli della droga. Il saggista e storico Enrique Krauze ha una sua teoria: legalizzare le droghe nei paesi consumatori. Solo così il Messico potrà ritrovare un po' di pace. Lo stesso Krauze però è convinto che la sua teoria se applicata potrebbe avere effetti devastanti nei primi tempi. "Sono convinto- ha detto Krauze ai margini di una conferenza tenutasi in Spagna- che la guerra contro i narcos non sarà mai vinta a meno che non cambino le condizioni che l'hanno provocata. E per questo mi riferisco alla legalizzazione delle droghe, processo lungo ma da non sottovalutare". Sull'argomento è intervenuto anche l'ambasciatore Usa in Messico, Antonio Garza. L'ambasciatore ha fatto sapere che gli Usa dovrebbero prendersi la loro parte di responsabilità nella lotta al narcotraffico essendo il primo cliente delle bande criminali. Ma ha anche approfittatto per fare i complimenti a Calderon per lo sforzo compiuto in questi anni per combattere il triste fenomeno. "Calderon è a conoscenza che questa sarà una lunga e dura battaglia che purtroppo produrrà ancora violenza" ha detto Garza che ha aggiunto: "ma bisogna combatterla uniti. Altrimenti perderemo tutti insieme".
Link:http://it.peacereporter.net/articolo/12839/L%27esercito+a+Tijuana
Autore: Alessandro Grandi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori