giovedì 27 novembre 2008

L'Islanda va in crisi e si scopre "europeista"


Inflazione più 17 percento, prezzi degli alimenti più 30 per cento. E primi scontri di piazza

Da circa un mese l'Islanda sta affrontando la peggiore crisi economica della sua storia. Ieri l'inflazione è salita al 17 percento rispetto a un mese fa, mentre i prezzi sono aumentati del 30,6 percento. Lunedì il governo ha superato il voto di sfiducia dell'opposizione, e nel fine settimana alcuni manifestanti di un corteo iniziato di fronte al Parlamento hanno protestato di fronte alla stazione di polizia di Reijkiavik, scontrandosi con alcuni agenti che li hanno dispersi con gas al peperoncino. Si tratta di eventi piuttosto rari in uno dei Paesi fino a qualche mese fa con il più alto Pil per capite d'Europa e il costo della vita tra i più cari del mondo. 

Secondo gli economisti, il tasso di inflazione potrebbe salire oltre il 20 percento. Come contromisura, oltre al prestito di 10 miliardi di dollari accordato dal Fondo monetario internazionale (Fmi), la banca centrale europea ha deciso di mantenere i tassi di interesse al 18 percento, il più alto d'Europa. I tassi erano stati innalzati il mese scorso di sei punti, dietro raccomandazione del Fmi, per mantenere la corona stabile nonostante molti proprietari di immobili siano già indebitati fino al collo. PEr il 2009 è prevista una contrazione economica del 10 percento. La crisi ha investito sia il sistema creditizio che la moneta. Le banche sono in una delicata fase di ricostruzione - le tre principali sono state assorbite dallo Stato - ma il commercio con la corona ha subito una battuta di arresto, creando non pochi problemi per gli investitori. La banca centrale, secondo il capo del mercato monetario, Petter Sandgren, ha un sufficiente fondo di valuta straniera, grazie ai prestiti del Fmi e di alcuni Paesi europei, e questo dovrebbe essere sufficiente per stabilizzare la corona.

Da un punto di vista politico, la possibilità di nuove elezioni non è un evento da escludere, soprattutto in seguito alla micro-crisi di governo di lunedì scorso. L'Islanda è governata da una coalizione formata dal partito per l'indipendenza guidato dal Primo ministro Geir Haarde e dall'Alleanza socialdemocratica, alla cui testa è il ministro degli Esteri Ingibjorg Gisladottir. I due partiti controllano 43 dei 63 seggi parlamentari. Ogni ipotesi di elezioni anticipate prevede una spaccatura nella coalizione, eventualità esclusa al momento da Gisladottir. L'avvio di un possibile percorso di adesione all'Unione Europea, vista di buon grado dalla maggioranza della popolazione, è stato paventato anche dallo stesso Primo ministro conservatore, che ha cambiato posizione negli ultimi mesi, incaricando una commissione di esperti di valutarne la fattibilità.

Tornando all'economia, la domanda che si pongono gli esperti è sul lungo periodo: il dopo-crisi assomiglierà più a una 'L', dove all'improvviso collasso seguirà una lenta stabilizzazione, o più a una 'V', dove la ripresa sarà repentina più di quanto si creda? Il direttore del mercato monetario, Sandgren, sostiene che la crisi islandese sarà diversa da quella per esempio dell'Argentina, in quanto l'Islanda ha una forza lavoro altamente qualificata, solide strutture legali, dinamismo. La ripresa - a suo giudizio - durerà qualche anno, e non qualche decina, come molti sostengono.

di Luca Galassi

Link: http://it.peacereporter.net/articolo/12933/Islanda,+%26egrave;+crisi+nera

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori