sabato 4 ottobre 2008

MEMBRO DEL CONGRESSO: “MINACCIATA LA LEGGE MARZIALE SE IL PIANO PAULSON NON FOSSE PASSATO”

DI STEVE WATSON
Infowars.net

Un membro democratico del Congresso ha avvertito che un’atmosfera di panico è stata intenzionalmente creata perché fosse approvato il decreto sugli aiuti finanziari, affermando inoltre che diversi membri del Congresso sono stati avvertiti, prima del voto di lunedì, che se la legge fosse stata bocciata in America sarebbe stata instaurata la legge marziale. 

Il membro del Congresso Brad Sherman, eletto nel ventisettesimo distretto della California, ha detto in un discorso ieri sera alla Camera dei Rappresentanti, che conosce personalmente diversi rappresentanti del Congresso che hanno affermato di essere stati minacciati con la prospettiva della vera e propria legge marziale se avessero votato in opposizione al piano di aiuti da $ 700 miliardi. 

Sherman ha essenzialmente avvertito che potenti forze che vogliono che il decreto passi hanno tentato di ricattare i rappresentanti eletti. 

“L’unico modo in cui possono far passare questo decreto è creando e sostenendo un’atmosfera di panico. Questa atmosfera non è giustificata” ha affermato Sherman. 

A seguito, Quando 700 miliardi sono bazzeccole (Pino Cabras, Pinocabrasblogspot); 

Il membro del Congresso ha continuato: “A molti di noi è stato detto in conversazioni private che se lunedì avessimo votato contro il decreto il cielo sarebbe crollato, il mercato sarebbe caduto di 2000 o 3000 punti il primo giorno, altri 2000 il secondo giorno, e ad alcuni membri del Congresso è stato persino detto che ci sarebbe stata la legge marziale in America se avessimo votato no”.

“Questo è ciò che chiamo spargere paura. Ingiustificata. Dimostrata falsa. Abbiamo una settimana, abbiamo due settimane per scrivere un buon decreto. L’unico modo per far passare un cattivo decreto è mantenere la pressione del panico” ha insistito Sherman. 
Guardate l’intero discorso dell’onorevole Sherman su CSPAN

Sherman è membro della Camera dei Rappresentanti dal 1997 e fa anche parte del Comitato sui Servizi Finanziari insieme al parlamentare eletto in Texas Ron Paul. 

Alla vigilia di un secondo voto del Congresso sulla legge, queste rivelazioni mostrano che la libertà in America è sotto attacco. Il Congresso dovrebbe costringere a un’immediata indagine su queste serie accuse per scoprire quali privati individui e funzionari dell’amministrazione, se ce ne sono, sono coinvolti con la diretta minaccia di un rovesciamento militare dei lavori del governo Usa. 

I commenti di Sherman seguono quelli dell’onorevole Michael Burgess (repubblicano, Texas), che, lunedì, ha avvertito che l’unica informazione che egli aveva ricevuto sul piano di salvataggio era quali argomenti utilizzare di fronte al popolo americano, e che egli era stato cacciato da delle riunioni per non aver ciecamente appoggiato il decreto. 

Profeticamente Burgess ha anche commentato: “Signor presidente [della Camera], capisco che siamo sotto legge marziale come dichiarato dal presidente [della Camera] la notte scorsa”. 

L’onorevole Burgess è apparso alla trasmissione di Alex Jones all’inizio di questa settimana per discutere i suoi commenti. Chi è iscritto al sito [Prison Planet] può ascoltarlo a questo link

Bisogna comunque sottolineare che la definizione di legge marziale a cui si riferisce il membro del Congresso Sherman è una piena sospensione militare della normale amministrazione della giustizia, mentre l’onorevole Burgess si riferiva alla temporanea sospensione delle regole e procedure del Congresso da parte dei suoi leader in modo che il decreto fosse fatto rapidamente passare. 

Le accuse di Sherman di minacce contro i rappresentanti eletti è stata anche ripresa dal sincero attivista politico Lyndon LaRouche che ha detto ad un’assemblea: “c’è gente in posizioni elevate che sa che, se non lasceranno passare questo decreto, ci sono persone dietro l’amministrazione Bush che li costringeranno a farlo passare o li uccideranno...”. LaRouche ha affermato che fonti bene informate gli hanno riferito che l’uso di forze armate per costringere il passaggio del decreto è “realtà”. [E’ doveroso ricorda a riguardo che diversi osservatori e media alternativi hanno notato la anormalità dell’assegnamento al territorio nazionale americano, a partire dal primo di Ottobre, di una brigata da combattimento dell’esercito, cosa che dovrebbe essere proibita dalla legge Posse Comitatus Act: si veda questo link. ]. 

Titolo originale: "Democratic Congressman: Representatives Were Threatened With Martial Law In America Over Bailout Bill "

Fonte: http://www.prisonplanet.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori