martedì 7 ottobre 2008

Lo Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura (SOFA) 2008

L'edizione 2008 del rapporto annuale della Fao valuta rischi e opportunità della bioenergia. Il rapporto boccia le attuali produzioni di biocombustibili, ritenute troppo impattanti sulla sicurezza alimentare. Il Rapporto Sofa 2008 (The State of Food and Agriculture - SOFA - 2008) riconosce ai biocarburanti d'essere una opportunità, ma anche quella di presentare forti rischi.

Il Direttore Generale della Fao, Jacques Diouf. “Le politiche attuali tendono a favorire i produttori di alcuni paesi sviluppati rispetto ai produttori della maggior parte dei paesi in via di sviluppo. La sfida è riuscire a ridurre, o a gestire, i rischi e condividere invece in modo più ampio le opportunità”.

Secondo lo studio della Fao i biocarburanti coprono attualmente il 2% del consumo mondiale di carburanti per il trasporto. Il contributo dato dal biofuel al fabbisogno mondiale di carburante è pertanto ancora modesto. La crescita della produzione di biofuel spinge al rialzo la domanda di alcune materie agricole come lo zucchero, il mais, i semi oleosi, ponendo una forte pressione al rialzo dei prezzi alimentari. Un fenomeno che mette a rischio la vita di milioni di abitanti nei paesi in via di sviluppo. Particolarmente a rischio sono i consumatori poveri delle aree urbane ed i compratori netti di cibo delle aree rurali.

Il fenomeno potrebbe essere attenuato se la produzione di biofuel fosse decentrata nei paesi in via di sviluppo, in quest'ultimo caso la spinta agricola potrebbe favorire la crescita anche dell'agricoltura alimentare e ridurre le importazioni di generi alimentari. Oggi, la produzione di biofuel è invece sussidiata e protetta all'interno dei paesi sviluppati dell'area OCSE, scaricando tutte le conseguenze in termini di rialzo dei prezzi alimentari sui paesi in via di sviluppo.

Il Rapporto si pone in atteggiamento critico anche nei confronti del vantaggio ambientale apportato dall'uso del biofuel in sostituzione del carburante fossile. Secondo il rapporto i biocombustibili determinano il cambiamento di destinazione d'uso della terra, spingendo i piccoli agricoltori alla deforestazione per l'agricoltura di sussistenza, con grave impatto sulla biodiversità. L'impronta ecologica dei biocarburanti è pertanto dubbia, secondo la Fao, come anche il suo bilancio in termini di emissioni di gas serra.

Questi aspetti critici potranno essere superati soltanto con lo sviluppo e la diffusione della seconda generazione di biocombustibili, che impiegano come materia prima gli scarti o le materie prime non alimentari. Ad esempio il legno, le alghe, le piante erbacee,

“Queste considerazioni sembrano offrire motivazioni valide affinché gli investimenti sui biocombustibili sia indirizzati maggiormente nella direzione della ricerca, specialmente verso lo sviluppo delle tecnologie di seconda generazione, che se ben concepite ed implementate fanno ben sperare per la riduzione delle emissioni di gas serra ed allo stesso tempo per una minore pressione sulle risorse naturali”, ha concluso Diouf.

20081007

Src: Sofa2008

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori