giovedì 16 ottobre 2008

L'Islanda si consegnerà agli strozzini dell'Fmi?

Si fa sempre più difficile la situazione dell'IslandaNel corso delle consultazioni per la concessione di un prestito di quattro miliardi di euro all'Islanda, vittima della crisi finanziaria internazionale, i deputati liberaldemocratici e comunisti russi hanno chiesto i "motivi economici e politici dell'aiuto ad un Paese membro della Nato". Secondo la liberaldemocratica Ielena Afanasieva, un prestito del genere potrebbe essere concesso solo "in cambio di benefici politici" per la Russia, come ad esempio "l'installazione di una base militare" in Islanda.
L'Islanda sa bene che accettare un prestito dall'Fmi significherebbe la fine della sovranità come già successo a diversi paesi in precedenza. L'Fmi d'altronde era prima della crisi in una situazione difficile, con poche entrate ed una reputazione irrimediabilmente rovinata. Ma adesso le cose sono cambiate e diversi paesi sono sull'orlo del baratro, per questo riporto con un certo brivido questo annuncio: "Il Fondo monetario internazionale, di cui una delegazione è già a Reykjavik per guardare da vicino l'evoluzione della crisi del settore finanziario islandese, oltre che al Paese nord europeo, potrebbe offrire un sostegno finanziario, tramite prestiti di emergenza, anche a Ungheria, Ucraina e altri. Nonostante una richiesta ufficiale in questo senso non sia ancora pervenuta da parte del governo islandese, l'Istituzione internazionale sarebbe comunque pronta ad intervenire. "L'Fmi ha le risorse per aiutare, ed è pronto a farlo velocemente" ha sottolineato infatti nei giorni scorsi il direttore del Fondo, Dominique Strauss-Kahn, il quale ha peraltro reso noto che sarebbe in corso un "dialogo con le autorità di Budapest e dell'Ue per verificare la necessità di supporto tecnico e finanziario in risposta alle turbolenze in corso in Ungheria". 
Se la Russia non dovesse accettare la richiesta islandese l'unica soluzione è il "default",cioè dichiararsi insolvente, altrimenti l'isola potra dire addio al suo futuro, non a caso il governo islandese ha preferito trattare con i russi anzicchè con l'Fmi, vedermo se Reykjavik resisterà alle pressioni esterne.
F.G.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori