giovedì 9 ottobre 2008

L'incubo nelle fabbriche

Al momento si tratta solo di un mood, di un sentore che coinvolge soprattutto le piccole e medie imprese; un sistema che più della grande industria, dipende in modo ombelicale dalle banche. Il timore è che gli istituti di credito, sia per un eccesso di prudenza, sia perchè in reali difficoltà di liquidità, chiudano i rubinetti del credito. Con mutui più difficili verrebbe a mancare al sistema imprenditoriale quel flusso di ossigeno necessario per spingere sulla produttività, soprattutto in un momento in cui l'economia generale ha subito una battuta d'arresto. È questo lo scenario che il presidente della Confindustria Emma Marcegaglia ha delineato al ministro Giulio Tremonti nel corso del vertice convocato al ministero dell'Economia al quale hanno partecipato anche l'Abi e Mediobanca. L'intervento di Mediobanca è indicativo del ruolo che ha l'istituto in tutta questa partita della crisi dei mutui. 
EmediateAd

Due sono gli interventi individuati nel corso del vertice: garantire l'approvvigionamento delle banche e garantire il meccanismo di finanziamento delle imprese. 
Quelle imprese che hanno un fido aperto temono che non venga rinnovato o che possa essere ridotto. Ci sono poi le emissioni obbligazionarie importanti da rinnovare. Il pericolo, come conseguenza della riduzione del credito, è che si inneschi una spirale perversa per cui meno mutui determinano un minor credito al consumo e una minore liquidità. Insomma un cortocircuito pericoloso per l'economia. 
A cascata ci sarebbero ripercussioni sull'occupazione con il ricorso massiccio alla cassa integrazione per quelle imprese che possono usufruire degli ammortizzatori sociali mentre per le realtà imprenditoriali minori e più fragili il rischio di chiusure potrebbe essere reale. 
Al vertice al ministero dell'Economia è stato analizzato il sistema di finanziamento dalle banche all'economia. Ma è stata anche analizzata la situazione internazionale. Ciascuna istituzione ha portato i dati aggiornati in suo possesso. 
Il cortocircuito banche-imprese è l'incubo che ha spinto la Confindustria a organizzare per il 17 ottobre un summit a Milano con i principali banchieri italiani. La realtà è che al momento nessuno sa quale sarà la portata dell'impatto della crisi finanziaria sull'economia reale. Nè allo stato dei fatti è possibile prevedere come reagiranno i mercati day-by-day alle misure che gli organismi internazionali metteranno in campo. 
Il taglio congiunto dei tassi deciso dalla Fed e dalla Bce non ha ottenuto l'effetto sperato. Ieri le Borse dopo un rimbalzo iniziale, sono tutte ripiegate in negativo. È il segnale che nemmeno questo tipo di interventi, più spesso sollecitati nei giorni scorsi, sono risolutivi per ridare fiducia agli operatori. Occorre qualcosa di più.
di Laura Della Pasqua

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori