lunedì 13 ottobre 2008

Le strade si svuotano, le chat si riempiono


Un vessillo da esibire che non risolve il problema vero, cioè lo sfruttamento, che nella sostanza rimane tale e quale. L'apparenza vale molto di più, si traduce in un immediato ritorno d'immagine, genera consenso. Ecco a cosa serve il ddl sulla prostituzione voluto dal ministro Carfagna



L'unico risultato tangibile del ddl sulla prostituzione sembra essere il massiccio trasloco della professione più antica del mondo nell'intimità domestica e nei night club, complice la possibilità di offrire con discrezione le proprie prestazioni su internet. Le strade si svuotano, le chat si riempiono. La tendenza è confermata sia dalle associazioni non-profit che dalle indagini della polizia postale. È ovvio. La soluzione del problema non è, non poteva essere quella di sgomberare le strade.

Il ddl, in realtà, predispone anche gli strumenti per punire lo sfruttamento della prostituzione, ma l'efficacia delle leggi dipende largamente dalla volontà politica di applicarle. Così, non abbiamo ancora sentito di iniziative incisive volte a colpire il racket disumano della prostituzione, che rappresenta il vero male radicale. Piuttosto, il fenomeno si starebbe spostando in una dimensione meno visibile e più difficile da monitorare, senza diminuire d'intensità. Mentre i sindaci di molte città italiane hanno recepito il ddl e l'invito di Maroni a usare la fantasia nel senso molto limitativo di un inasprimento delle sanzioni comminate a prostitute e clienti.

Il dato su cui riflettere non è l'impennata del mercato della prostituzione su internet, quanto l'inefficacia di un provvedimento dall'inevitabile sapore demagogico. Non tanto per i suoi contenuti, che come abbiamo rilevato potrebbero essere condivisibili, quanto per l'orizzonte culturale entro cui si colloca. Il sospetto, e anche qualcosa in più, nasce mettendo a sistema le politiche della maggioranza in campi diversi, ma unificate da una medesima tendenza a nascondere la polvere sotto il tappeto. Con esiti più o meno immediatamente visibili sul breve termine, ma sempre disastrosi: il grembiule a scuola, lo sgombero dei campi rom, le prostitute via dalle strade, la criminalizzazione degli immigrati.

Il vessillo da esibire è la riduzione della prostituzione sulle strade, poco male se il problema vero (lo sfruttamento della prostituzione) nella sostanza rimane tale e quale. L'apparenza vale molto di più, si traduce in un immediato ritorno d'immagine, genera consenso.
Il problema di una classe politica che evita costantemente di affrontare i problemi, offrendo rimedi demagogici e che pure sembrerebbe godere di un largo consenso, non deve essere sottovalutato.

Quando gli americani giunsero a Baghdad, ricordo di aver letto che le prostitute tornarono a comparire per le strade della città. Non che prima non ci fossero. Ma si dovevano nascondere, perché sotto il regime di Saddam Hussein rischiavano la decapitazione.
Le democrazie demagogiche non usano metodi così sbrigativi, ma hanno questo in comune con le dittature: uno zelante moralismo, che porta, tra le altre cose, a ridurre le problematiche sociali a questioni di degrado urbano.


pierpaolocaserta.blogspot.com


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori