venerdì 10 ottobre 2008

La Nato si arrende, i talebani tornano ad essere alleati contro i russi


La soluzione militare, ormai è chiaro, non c'è. Ecco perché sette anni dopo l'invasione
dell'Afghanistan anche gli Stati Uniti ora sono pronti a sostenere trattative tra il governo di Kabul e i talebani, a patto che dai negoziati sia esclusa al Qaeda. Lo ha detto al vertice dei
ministri della Difesa Nato di Budapest il segretario alla Difesa Usa Robert Gates, dopo l'appello al dialogo lanciato la scorsa settimana dal presidente afghano Hamid Karzai al mullah Omar e il successivo via libera di Londra.

Secondo il capo del Pentagono un'opera di riconciliazione in Afghanistan gestita da Kabul potrebbe porre fine alla guerra. Questo solo se i talebani rispetteranno i termini posti
dal governo afghano alla cui sovranità i talebani dovranno sottomettersi "Ci deve essere infine, e sottolineo infine, una riconciliazione come parte di un risultato politico a questo (negoziato)", ha spiegato Gates perché la riappacificazione "sara' la definitiva exit strategy per tutti noi".

Il segretario alla Difesa ha comunque chiarito che gli eventuali negoziati non potranno mai includere chiunque faccia parte di al Qaeda: "Dobbiamo essere sicuri di non
parlare con loro", ha chiarito Gates.
 
Gli Usa dopo l'11 settembre 2001 invasero a dicembre l'Afgfhanistan per abbattere il regime talebano che aveva ospitato Osama bin Laden e i vertici della sua organizzazione. In Afghanistan gli americani hanno circa 32.000 soldati, divisi nell'operazione Enduring Freedom
(18.000) e nel contingente Isaf della Nato (14.000). Le vittime americane sono state finora 610(Rainews24).

" In un contesto radicalmente mutato come quello attuale era prevedibile un cambio di strategia della Nato, così con un ennesimo cambio di rotta di 180° i talebani ridiventano amici(forse il termine è eccessivo, meglio dire utili alleati). I russi alleati contro il "terrorismo" ridiventano nemici e vanno arginati. In realtà per la Nato i russi sono solo un problema ma non "il" problema che è e rimane la corsa agli enormi giacimenti caucasici che sono contesi agli occidentali dai cinesi. In questo enorme e pericolosissimo gioco sono attualmente saltate molte allenze e se ne sono costituite di nuove. L'India ha stretto, negli ultimi giorni, un'alleanza strettissima,condita da accordi in materia nucleare, con gli Stati Uniti. Questi ultimi hanno capito che il Pakistan non è un alleato leale ed hanno deciso di destabilizzare e dividere il paese in una miriade di staterelli facilmente controllabili. Una volta aperta questa strada sarà più facile far passare il petrolio ed il metano del Kazakhstan fino ai porti indiani. Il Pakistan confina con India Cina e Iran, già questo dovrebbe far capire l'ennorme importanza di questo paese e si affaccia sull'oceano indiano. Ciò che non si piega si spezza,  questa sembra la regola adottata con i pakistani, un paese che all'interno non ha mai raggiunto una completa unità nazionale. Con l'Afghanistan vale il discorso contrario e cioè ciò che non si spezza si piega, così i talebani riavranno il controllo del territorio, del traffico di oppio e armi e saranno grandi alleati contro russi e cinesi.

Autore: F.G.


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori