martedì 14 ottobre 2008

La barbarie liberista flagella i cittadini per salvare gli amici manager


Il governo italiano ha deciso di varare un decreto per adottare misure urgenti rivolte a garantire la stabilità del sistema creditizio e la continuità nell’erogazione del credito alle imprese ed ai consumatori, fin qui la maggioranza degli italiani credo si siano trovati più o meno daccordo, spaventati dalle previsioni catastrofistiche lanciate da un pò tutte le parti. Ma dopo l'adozione del decreto che stanzia la cifra di 20 mld di euro, che sia affianca al fondo interbancario già esistente, in molti ci siamo chiesti da dove sarebbero giunti quei soldi, dato che in cassa c'è solo debito pubblico e già il governo aveva dato prova delle sue intenzioni prossime venture,ben prima della crisi, realizzando profondi tagli a scuola, sicurezza e ricerca. 
Il mistero è stato svelato  dal decreto legge del 9/10 n. 155 che nell’articolo 1, comma 7, punto A che rivela che a pagare la crisi saranno anche le associazioni di volontariato e i loro soci, e la ricerca. In pratica non sono i manager delinquenti della finanza o gli speculatori a saldare il conto dell'abbuffata che si sono fatti distruggendo migliaia di famiglie e risparmiatori, ma al contrario dopo il danno che ci hanno procurato veniamo doppiamente danneggiati.
Vengono così ridotte le risorse alla ricerca, all’università ed al 5x1000 che rappresenta una delle poche risorse a disposizione dei cittadini. 
Del resto, nella mente di chi governa esiste un chiaro disegno che è quello di ridurre al minimo lo stato sociale, a partire dalla cancellazione delle prestazioni specialistiche dei Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria; dalla privatizzazione dei servizi, alla riduzione del ruolo dell’università e della ricerca;  colpire le associazioni del volontariato che operano in modo solidale in tutto il territorio nazionale.
Tutto ciò è vergognoso e ingiusto, i cittadini devono sapere che ancora una volta questi delinquenti che si sono arricchiti in modo spaventoso la fanno franca e adesso stanno brindando sui loro enormi yacht in attesa di tornare come vampiri sui risparmiatori ignari.
Autore:F.G.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori