venerdì 10 ottobre 2008

Il segreto del Ministro Gelmini figlia di don Eligio Gelmini


Don Pierino Gelmini -nessuno lo ricorda- è il fratello del più noto Padre Eligio Gelmini il prete in cachemire, amico di calciatori e di veline ante litteram, famoso, negli anni settanta, per frequentazioni e coinvolgimenti in quelli che, la stampa di allora, chiamava 'balleti', rosa o verdi e qualcuno ( col senno di poi...) anche neri, neri mafia, nero trame.

Eligio Gelmini fu anche il fondatore di "mondo x", comunità per tossicodipendenti discussa, dai finanziamenti discutibili. Ma nell'italia dall'ora, bacchettona e cieca , dove ancora risuonavano gli schiaffi alle donne dalla scollatura tentatrice, il clamore intorno a lui e al fratello Pierino fu tanto, forse troppo, più per provinciale pruderie che per indignazione per la provenienza dei soldi con cui Eligio e il fratello si permettevano di abitare ville, vestire di lusso e fare 'la bella vita'.

Soldi e amicizie, favori e affari che passavano dall'Argentina, dal sud del Vietnam, luoghi compromessi in quei tempi di guerre e regimi, non interessavano e la vicenda imperverso' solo per i contorni boccacceschi.

Ma veniamo al Pierino di santa romana chiesa: Tra gli anni sessanta e i settanta, amava farsi chiamare 'Monsignore' nonostante la diffida della Curia. Segretario di un cardinale, Luis Copello, arcivescovo di Buenos Aires guidava una jaguar e veniva inquisito, e arrestato, per bancarotta fraudolenta, emissione di assegni a vuoto, e truffa.

Pare che 'Monsignor' Pierino avesse messo su una ditta import-export con l'America Latina, l'america latina di allora, quella dei regimi sanguinari, della protezione ai nazisti in fuga.

Nel contempo, tra i suoi affari figura una cooperativa edilizia collegata con le Acli, fallita proprio mentre Pierino ne era tesoriere fallita 'bene' come si suol dire, senza che mai si sia saputo dove fossereo finiti i soldi.

Tutte queste vicende, e quelle del fratello, consigliarono al Gelmini un soggiorno all'estero e scelse il Vietmnam del sud.

Anche li trovò il modo di distirnguersi e venne denunciato per appropriazione indebita dalla vedova Diem, nonchè da un Arcivescovo locale.

Nel 1971 torna in italia e va in galera.

Quattro anni filati dietro le sbarre puittosto movimentati, reclami di altri detenuti per la condotta del 'Monsignore' che viene definito 'promiscuo' e isolato.

Uscito dal carcere la chiesa cattolica condanna la pecorella smarrita a una ritiro in Toscana, . Qualche altro guaio con la giustizia ma la situazione pare appianarsi.

Lui e il fratello Eligio continuano a abitare ville e eremi di lusso, a godere di ottime conoscenze e protezioni, senza grossi clamori.

Poi di colpo, Don Pierino Gelmini diventa la star e il fratello Eligio sparisce definitivamente dalle cronache, lasciando un flebile ricordo.

Si chiude con il passato pur mantendo una certa continutà e nasce Iincontro', la comunità per tossicodipendenti che ne ha fatto un eroe, un mito della salvazione. Gelmini elabora una teoria "la Cristoterapia" e si rimette nel giro del salvataggio di tossicodipendenze, con i soldi di tanti estimatori, tra cui Berlusconi che lo finanzia con cifre a nove zeri in lire.

 

In un eccesso di zelo, ricordiamo, il nostro, volle farsi iniettare il virus dell'AIDS, per sensibilizzare sulla malattia disse lui, una sorta di martirio mediatico, da santo del ventesimo secolo, triste e barocco come tutti i martiri. Il dubbio sullo stato di salute del Don precedentemente al 'sacrificio' resta, nessuno a visto i test precedenti all'iniezione fatale.

A naso, mi sembra che le ultime accuse rivolte al Gelmini siano poco credibili, una vendetta un ricatto o magari qualcuno che non vuole più essere salvato dal demone della droga e diventar melassa per il banchetto della salvazione finanziata dallo stato, e da forza Italia. O magari è tutto vero e sinceramente non ci soprpenderebbe. Ma la cosa credibilissima, e un po' grottesca, è che il centro-destra abbia assunto questo nuovo eroe tra le fila dei santi perseguitati,( mentre il centro-sinistra tace per non compromettersi) ,santo e subito non fosse per il curriculum perfetto che porta.

di Roberta Anguillesi

Link: http://www.democrazialegalita.it/roberta/Roberta_Don%20Pierino%20Gelmini_padre%20Eligio_storia=06agosto2007.htm

 

Fin qui tutto rientra nei canoni di una squallida storia di cronaca, ma il mistero si infittisce navigando in rete ne riporto alcuni stralci ed il link::

 

Incuriositi dalla figura del nuovo ministro della Pubblica Istruzione, Mariastella Gelmini, ieri pomeriggio verso le 14 (GTM -4) abbiamo surfato un po' il web per raccogliere qualche informazione. Wikipedia la descriveva come una avvocatessa, nata a Leno nel 1973 e figlia di Padre Eligio Gelmini. Cliccando sul link abbiamo poi raccolto qualche informazione sul sacerdote: noto negli 60 per essere amico di molti personaggi del jet set fra cui i calciatori del Milan di Rocco, poi condannato a 4 anni di carcere per truffa nei primi anni 70 assieme al fratello Pierino (anche lui sacerdote). Il quale fratello (ci informano La Stampa e la stessa Wikipedia) ha continuato ad averne di problemi con la legge fino all’inquisizione per abusi sessuali del 2007. Rumori del web poi, associano a varie riprese i due sacerdoti a BS e ad altri esponendti del centro destra.

Con somma sorpresa qualche ora dopo (18 GTM -4, circa) scoprivamo che la pagina di Wikipedia era cambiata (!): adesso Mariastella non figurava più come figlia di Eligio mentre le informazioni su quest'ultimo erano state ridotte al lumicino. Cercavamo allora sul web qualche info sui genitori del neoministro ma senza fortuna: sembrerebbe che in rete non ci sia più alcun riferimento in materia. Mariastella si è materializzata dal nulla un giorno dell’estate 1973 in quel di Leno (BS, inteso come Brescia stavolta).

A questo punto qualche domanda abbiamo cominciato a porcela, ed il senso del post è sostanzialmente rigirare queste domanda alla vasta readership di nFA. A cosa si deve questo repentino cambiamento delle pagine di Wikipedia? Qualcuno aveva forse tirato un brutto scherzo al neoministro collegandola ai famigerati fratelli Gelmini (brutto scherzo a cui si è posto poi rimedio eliminando le informazioni false)? Oppure Mariastella è effettivamente imparentata con Eligio e Pierino ed ogni traccia di questo scomodo collegamento è stata cancellata dal web ad arte (forse con un po' in ritardo)?

Nel momento in cui scriviamo ci restano soltanto 2 certezze (ancora per quanto, non si sa) sul neoministro della Pubblica Istruzione:

Nel 2000 fu sfiduciata da presidente del consiglio comunale di Desenzano per inoperosità. La sfiducia, oltre che dall’opposizione, fu votata anche dai membri del suo stesso partito. A quanto pare, ha fatto però tesoro della sfortunata esperienza e così, nella passata legistaltura, si è fatta promotrice del "Progetto di Legge per la promozione e l'attuazione del merito nella società, nell'economia e nella pubblica amministrazione".

Link:http://www.noisefromamerika.org/index.php/articoli/Servizio_“Chi_l’ha_Visto%3F”:_Il_Mistero_Gelmini

1 commento:

  1. E' un bidone come moltissimi tipi legati a B. Se ne contano a decine, inglobati nel partito e spinti verso carriere che i comuni mortali si sognano, anche se in possesso di titoli e capacità mille volte superiori. E' il trionfo della mediocrità assurta al rango di referenza, tanto l'italiano manda giù (e vota) di tutto. Solo Dio,credo, potrà liberarci da simile gentaglia.

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori