martedì 7 ottobre 2008

Il "presidenzialismo" va in onda alla televisione



di Antonio Ruggieri - Megachip

Con piccoli e programmati slittamenti annunciati da servizi giornalistici sagacemente sommari, la politica e il suo contesto cambiano di piano. La prospettiva del Caimano (come quella della P2) prevede la marginalizzazione del Parlamento, in favore di procedure decisionali monocratiche e maggiormente sbrigative. Ci stiamo avviando a una sorta di "presidenzialismo di fatto", la cui portata di revisione costituzionale non ha nemmeno lambito le forme istituzionali della rappresentanza democratica.

Berlusconi annuncia il ricorso sempre più esteso e spregiudicato al decreto legge, suscitando una risposta flebile e di maniera da parte del Partito Democratico.

Senza dichiarazioni di programma, sta prendendo forma un populismo di stampo sudamericano del quale la televisione è strumento e laboratorio nello stesso tempo.

Dal sondaggio alla proposta verificata da un sondaggio ulteriore, la politica cambia anima e fondamento.

Si fa format del palinsesto incessante nel quale siamo immersi.

Lo strabiliante consenso del Premier si alimenta di brevi, ammiccanti apparizioni, sempre digressive rispetto ai temi d'attualità politica che comunque vengono sapientemente ribattuti.

Da Vespa a Ballarò, da Striscia la Notizia a le Iene, Berlusconi mette in opera una strategia di comunicazione "a bassa intensità" che sfugge all'opposizione, la quale anzi contribuisce a renderla maggiormente feconda.

Le poche, mirate e "protette" apparizioni televisive del Presidente del Consiglio, sono accompagnate da una valanga di citazioni, allusioni e ammiccamenti, che ne fanno ridondare l'immagine e la pervasione.

Addirittura inconsapevolmente, ottengono lo stesso subdolo risultato le battutine garbate sul premier di D'Alema dalla Gruber, la messa in onda a Striscia la Notizia di una canzone di Berlusca accompagnato da Apicella, l'augurio di compleanno di quest'ultimo al suo pigmalione dalla Ventura, le immagini che lo riprendono insieme a Galliani alla partita del Milan, l'intervista sul Corriere dello Sport e addirittura il riferimento tutto sommato bonario di Crozza alla sua surrealistica capigliatura.

Berlusconi si avvantaggia di un "infotainment" senza fine e senza ritegno che ha definitivamente surclassato l'informazione.

E' questa la fisionomia della seconda Repubblica.

La prima non è mai finita; ha soverchiato anche "mani pulite" ed è rinata dalle sue ceneri più corrotta e impunita di prima.

Il quarto Governo Berlusconi, quello nato sul disfacimento dell'Unione e sul tramonto parlamentare della sinistra, ha preso in carico un radicale progetto di riforma, ridanciano e sovversivo nello stesso tempo.

Che passa a Blob e a colpi di Tapiri consegnati invece che nel dibattito istituzionale.

L'intenzione revisionista di Dell'Utri in campo storico, la paccottiglia fascista sulla sicurezza che ha innescato le tragiche vampate di razzismo di questi giorni, il presidenzialismo annunciato, l'epilogo della vicenda Alitalia finita in bocca alla cordata "amica", l'antiabortismo di Ferrara in campagna elettorale, l'attacco ad alzo zero della Gelmini contro il segmento primario della scuola fiore all'occhiello del nostro sistema formativo, il lugubre dibattito sul reato di clandestinità, la ripresa del nucleare da parte di Scajola, le fesserie sopra le righe della Carfagna sulla prostituzione, la laconica esposizione parlamentare di Tremonti delle linee guida della legge finanziaria, la rottura del fronte sindacale, l'approvazione dei preliminari per un Federalismo fiscale che inciderà profondamente sulla coesione della comunità nazionale e rinfocolerà gli egoismi e i particolarismi localistici, il "lodo Alfano" e l'imminente riforma della giustizia, lo spostamento della spazzatura napoletana col rilancio della cultura dell'incenerimento e il conseguente rialzo della quotazione in borsa della Fibe (Impregilo) che del disastro che ci è stato ammannito per mesi è la maggiore responsabile.

Tutto questo è accaduto in cinque mesi più o meno, a cura di un Governo che con ogni probabilità rimarrà in carica cinque anni.

E' accaduto innanzitutto alla televisione, mentre giorno dopo giorno, in qualche modo, ce ne facciamo una ragione.

Link: http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=8003

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori