martedì 7 ottobre 2008

Guerra civile


E’ guerra civile o guerra per banda? Comanda Maroni o La Russa? E’ territorio di interesse strategico militare come la base Dal Molin di Vicenza o è un deposito di immondizia? E si può combattere la Camorra con i paracadutisti dotati di pesanti armi automatiche come Bush ha deciso di combattere il terrorismo (suicidi sconosciuti e apparentemente in regola che si fanno esplodere provocando centinaia di morti) con l’esercito più potente del mondo? 

Riusciranno, con cingolati e uniformi mimetizzate, a penetrare nel giro degli insospettabili, a ricostruire i rapporti tra corruzione e politica, tra appalti e finanziamenti di Stato, tra sanità e morti ammazzati, tra controllo politico del territorio, controllo della Camorra, controllo del rifiuti e controllo del cemento? 

Ma la vera domanda è se i soldati sono in marcia per combattere la Guerra Civile, che avrà i suo schieramenti, i suoi giornali, i suoi valori, le sue bandiere, e che dunque potrà essere affrontato con reparti in assetto di guerra.

O se è guerra di banda, che vuol dire guerriglia, imboscate, mobilità estrema di piccoli gruppi, e un fitto reticolato di “intelligence”. 

“Intelligence” di Maroni, che è di Varese, è eletto nelle valli bergamasche e non ha un solo deputato o un solo elettore nel territorio che sta invadendo da straniero come gli americani in Iraq?

C’è l’alternativa: La “intelligence” di La Russa, l’uomo che ha dimostrato acutezza di fronte al conflitto. Esempio: come sostenere la spedizione militare italiana in Afghanistan che è stato votata e approvata ed esaltata come progetto umanitario? Semplice: inviando cinque aerei da combattimento, ciascuno del costo di un ospedale, e tutti per fronteggiare la terribile aviazione talebana.

La Russa, ministro della Difesa, è comparso vestito da pilota Top Gun per dimostrare a Maroni (che non ha l’aviazione) che è lui che comanda.

Maroni, per ritorsione, ha annunciato il suo prossimo sbarco in Libia a bordo (probabilmente in piedi, contro il vento del mare, e con bandiera leghista) da una motovedetta della Marina Italiana. Sarebbe stato imbarazzante visto che Maroni si batte per l’indipendenza della Padania. Fa, di mestiere, il Ministro della polizia italiana, ma stava andando in Libia con la cravatta e la bandiera verde. Verde è il colore islamico. Maroni voleva andare a intimorire Gheddafi, recente acquisto di Berlusconi, per fargli una lavata di testa a causa del suo lassismo: lascia venire troppi disperati in Italia.

Gheddafi sarà anche stato acquistato ma è svelto. Ha visto il rischio di confusione e ha semplicemente ingiunto al Ministro italiano, tramite ambasciatore, di non andare dove nessuno lo ha invitato.

Chiunque si sarebbe dimesso. Abituato a Berlusconi, Maroni ha obbedito al colonnello libico, e – da leghista padano – continua a fare il Ministro degli Interni della Repubblica Italiana.

Furio Colombo 

1 commento:

  1. Me da pavor el ver como la situacion actual en Irak puede encender odios que terminen en enfrentamientos religiosos. Aqui desde hace tiempo advierten de esta posibilidad y parece que todo va tegiendose poco a poco como decian
    http://www.caesaremnostradamus.com/Lo%20cumplido_archivos/GuerraIrak2014.htm

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori