venerdì 17 ottobre 2008

Anarco-capitalisti d'America

La vulgata comune sul liberalismo tende a sottovalutarlo, ma nondimeno è vero che il liberale assegna un ruolo molto importante allo Stato. Nella dottrina giusnaturalistica che sta alla base del liberalismo classico di John Locke, ad esempio, lo Stato ha il compito di garantire a tutti gli individui, ovvero ai cittadini, i "diritti naturali" o umani fondamentali (vita, libertà di opinione e di associazione, proprietà). Suo compito è perciò di svolgere funzioni di polizia, di difesa, di amministrazione della giustizia mediante i tribunali. Ruolo importante quello assegnato dai liberali allo Stato, ma tuttavia "minimo". L'azione deve essere forte ed efficace, ma il raggio del suo intervento va rigorosamente limitato. Se travalica, lo Stato, per il liberale classico, lede la libertà e i diritti fondamentali dei singoli.

Per una serie di pensatori radicali, tuttavia, lo Stato, in quanto entità astratta, non può avere giurisdizione nemmeno nella sfera minima assegnatagli dai liberali. Secondo alcuni di loro, esso deve addirittura estinguersi, scomparire. L'insieme delle posizioni espresse da questi filosofi radicali possono essere a buon diritto definite libertarie. E libertari possono dirsi loro stessi.

Certo, il concetto di libertarismo si sovrappone e spesso si confonde con quello, più tradizionale, di anarchia. Che però ha il torto di essere appesantito da una lunga storia in cui spesso si è intrecciato con le vicende del movimento anarchico organizzato (che, fra l'altro, ha giocato un ruolo importante in determinati frangenti storici: ad esempio negli anni della Prima Internazionale, dal 1864 fino al 1872, data in cui gli anarchici furono espulsi dopo avere ingaggiato una furiosa lotta con i marxisti; oppure durante la guerra civile spagnola, dal 1936 al 1939, ove essi dettero un contributo notevole alle forze di resistenza e dovettero subire anche la forte ostilità dei comunisti). In ambito statunitense, ove più viva è l'influenza (anche speculativa) dei libertari, si parla di "socialismo anarchico" o "comunismo libertario" per indicare buona parte di quel classico filone di pensiero libertario che individua nella gestione collettiva dei mezzi e dei prodotti della produzione, nonché nella loro distribuzione egualiaria, il modello economico più avanzato. Ad esso possono essere in vario modo ascritti i padri classici dell'anarchismo: da Godwin a Proudhon, da Warren aBakunin, da Kropotkin al nostro Malatesta ai contemporanei Castoriadis e, in qualche misura, Chomsky.

Questi illustri "padri" vanno tenuti ben distinti dalla corrente oggi in America più attiva, e predominante, che viene generalmente definita "anarco-capitalista". Gli anarco-capitalisti segnano un momento di rottura rispetto alla tradizione del pensiero libertario, in quanto si schierano apertamente a destra, vicino alle frange estreme del conservatorismo politico. Essi ritengono che tutto debba essere affidato alla competizione fra i privati: difesa esterna, sicurezza interna, amministrazione della giustizia soprattutto vita economica. Non un'ombra di Stato deve intervenire a falsare la libera concorrenza, che provvederà essa stessa ad allocare nel modo più efficace e giusto le risorse disponibili. Con Bastiat, economista francese di inizio Ottocento, gli anarco-capitalisti odierni ripetono: "laissez faire, laissez passer". Per loro, fra le conseguenze della scomparsa dello Stato nell'economia, ci sarebbe la sparizione di ogni forma di tassazione. I libertari hanno una vera e propria idiosincrasia per le tasse, che giudicano nulla più che un'estorsione. Il più estremistia, ma anche il più colto, degli anarco-capitalistici è senza dubbio Murray N.Rothbard (1926-1995), anche se il volume di Robert Nozick Anarchia, stato, utopia, uscito nel 1974, ha molto influito (Nozick avrebbe poi temperato molte sue posizioni). Rothbard ha preteso dimostrare l'impossibilità di concepire un'azione politica non coercitiva. Egli ha, per questa via, elaborato una vera e propria condanna etica dello Stato. Ciò che mi preme osservare è che gli anarco-capitalisti, che sono oggi la magna pars (o almeno quella più rumorosa) fra i libertari, abbiano elaborato una dottrina che ha strane somiglianze con il tanto deprecato materialismo storico del marxismo, che è la bestia nera dei suoi massimi esponenti.

Per intanto anche Marx sognava l'estinzione dello Stato e l'avvento di un compiuto "Regno della Libertà". Ciò sarebbe avvenuto nella seconda fase della messa in pratica del suo progetto rivoluzionario: non subito ma dopo una più o meno lunga fase di appropriazione dello Stato da parte del proletariato e di instaurazione di una forte "dittatura". Va poi considerato che anche i marxisti, come gli anarco-capitalisti, credono nel rapporto necessitante fra "struttura" economica e "sovrastruttura": se vuoi la libertà degli individui, devi lavorare sodo sui modi di produzione e trasformarli (poco cambia che per Marx bisogna eliminare la proprietà privata, mentre per gli anarco-capitalisti quella statale).

L'affinità più profonda, che d'altronde si deduce dal rapporto causale instaurato, consiste però nel fatto che in entrambi i casi ci troviamo di fronte a delle Metafisiche: a dottrine cioè che, nella perentorietà delle loro affermazioni, non ammettono dubbi, discussioni o revisioni. L'ideologia del Mercato non è meno ideologia di ogni altra ideologia. E, come ogni altra, può sfociare in un'Ideocrazia illiberale. Le strade dell'inferno, di ogni inferno, sono lastricate compre sempre delle migliori intenzioni.

Fonte: l'Unità

Link: http://www.swif.uniba.it/lei/rassegna/020109k.ht


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori